Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vivere dopo una perdita. Robert A. Neimeyer e la ricostruzione dei significati

I modi di affrontare la morte sono cambiati radicalmente nella storia occidentale dal Medioevo ad oggi. Questi cambiamenti, dovuti a svariati fattori economici, scientifici, religiosi, ma comunque culturali, ci hanno condotto a quella che oggi noi viviamo come la negazione della morte nella nostra società liquida contemporanea.
Conseguenza di questa negazione sembra essere una tendenza verso la patologizzazione del cordoglio. Là dove un tempo la struttura della collettività, anche attraverso la ritualità consolidata, consentiva il difficile passaggio da un “prima” a un “dopo” la perdita, oggi nelle società occidentali si è venuto a creare un vuoto sempre più marcato.
La ricerca del significato degli eventi aiuta a ritrovare un senso nel caos generato dalla morte. L’uomo, nella sua dimensione narrans, oltre che sapiens e faber, organizza la sua realtà attraverso la narrazione, a sé, agli altri e con gli altri, alla ricerca di significati che, rinegoziati collettivamente, possano ridare ordine e coerenza alla storia della propria vita, dopo che la morte ne ha scardinato il senso precedente.
Il lavoro di Neimeyer, e con lui di una nutrita schiera di studiosi, clinici, tanatologi, in prevalenza americani, esplora proprio le possibilità offerte da una nuova teoria del lutto come occasione per la ricostruzione dei significati personali, a partire dall’evento della perdita, attraverso le tecniche della narrazione. Il lutto può essere visto non più come esperienza da cui prendere le distanze, come perdita che lascia solo segni di dolore, ma anche come occasione di crescita.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE L’uomo è un ibrido: provvisto del sapere degli dei, non ne ha l’immortalità; l’unico essere che sa di dover morire. Antonello d’Elia Parlare della morte spesso porta con sé un imbarazzo diffuso, serpeggiante. Di fronte ad un evento luttuoso, sia esso il naturale esito di un decorso patologico o la conseguenza di un drammatico incidente, la società occidentale contemporanea è spesso priva di parole, gesti, comportamenti. Di più: tendiamo a nasconderci, a evitare, a fuggire il pensiero della morte, in quanto esso ci “spaventa a morte”. Benché certo non guardata con gioia e desiderio, la morte non sempre è stata demonizzata come oggi. Se un tempo essa veniva vissuta come naturale esito dell’avventura della vita, il mondo contemporaneo, segnatamente negli ultimi due secoli, ha messo in atto un progressivo, ma radicale cambiamento di atteggiamento nei riguardi della morte. È cambiato il comportamento di chi muore, al quale sempre più viene richiesto di non disturbare la quiete dei vivi, in un paradossale capovolgimento delle regole dei camposanti.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Claudia Adria Gandolfi Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2897 click dal 01/10/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.