Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dematerializzazione obbligatoria, dematerializzazione facoltativa e gestione accentrata di strumenti finanziari

Oggetto della trattazione è l’analisi del processo di dematerializzazione che ha coinvolto gli strumenti finanziari nell’ultimo decennio, attraverso il confronto e l’interazione delle normative emanate a cavallo del nuovo millennio.

A seguito di considerazioni preliminari concernenti l’excursus storico del fenomeno, si è proceduto a delineare i profili generali del regime dematerializzatorio, nelle singole componenti oggettive, soggettive e strutturali, evidenziandone altresì affinità e discontinuità rispetto al previgente, o meglio alternativo, sistema cartolare. Sono stati approfonditi i temi riguardanti la riconfigurazione, nel nuovo scenario, di concetti pregnanti come la “materialità” dei diritti, cui consegue l’introduzione di innovative modalità di documentazione scritturale delle posizioni giuridiche soggettive.

Nel corso della dissertazione, dopo un’analitica descrizione del sistema di gestione accentrata semplice così come disciplinato dal Testo Unico della Finanza, che ha il merito di aver introdotto una prima, seppur debole, forma di dematerializzazione della circolazione della ricchezza mobiliare; ci si è addentrati nell’articolata disciplina, contenuta nel Decreto Euro e nel corrispondente Regolamento Mercati, della dematerializzazione totale degli strumenti finanziari, capace di segnare un svolta senza eguali nel perseguimento degli obiettivi di celerità e certezza nei trasferimenti dei diritti di credito, ormai affrancatisi dalla comune incorporazione cartacea. Dopo aver esaminato le ipotesi legali di sottoposizione al servizio di gestione accentrata dematerializzata, si è scesi nel dettaglio delle varie fasi del procedimento di decartolarizzazione degli strumenti, dall’immissione nel sistema, passando attraverso la circolazione scritturale e l’esercizio intermediato o meno dei diritti, sino all’uscita dal contesto dematerializzato, cercando di cogliere appieno vantaggi e svantaggi di una vicenda che ha ridisegnato il modo di concepire le transazioni sui mercati regolamentati.

Mostra/Nascondi contenuto.

 7
 CAPITOLO I LA DEMATERIALIZZAZIONE: PROFILI GENERALI. 1.1. Introduzione: la “dematerializzazione” come processo storico. L’espressione “dematerializzazione” non designa di per sé un istituto giuridico, bensì, sotto il profilo semantico, una vicenda storica che ha riguardato in questi ultimi decenni l’investimento di massa e le modalità tecniche di circolazione della ricchezza, ossia i principali strumenti finanziari conosciuti dai mercati, all’interno del nostro paese come in tutti gli altri ordinamenti ad economia avanzata. Essa riassume, sostanzialmente, il passaggio da una forma di documentazione eminentemente cartacea ed individuale (incorporazione) delle situazioni giuridiche, caratteristica dell’istituto dei titoli di credito, ad una di registrazione contabile (oggi telematica), massificata ed accentrata, e da una tecnica di movimentazione materiale e parimenti individuale dei titoli ad una nuovamente contabile ed intermediata di allocazione delle registrazioni ( 1 ). 























































 ( 1 ) CIAN, La dematerializzazione degli strumenti finanziari, in Banca borsa titoli di credito, 2007, fasc. 6 pt. 1, 641 ss..

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Mattia Sala Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3126 click dal 02/10/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.