Skip to content

Il contratto a termine tra esigenze di flessibilità e certezza del diritto

Informazioni tesi

  Autore: Loredana D'Elia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Domenico Garofalo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

Tradizionalmente, il modello legale tipico di rapporto di lavoro è rappresentato dal contratto di lavoro subordinato enucleabile dall’art. 2094 del codice civile, caratterizzato da un impegno a tempo pieno del lavoratore e da una potenziale durata illimitata del rapporto. Tuttavia, i continui progressi dell’organizzazione produttiva e l’accresciuta esigenza di flessibilità nell’impiego di forza lavoro hanno determinato la frammentazione del modello classico di lavoro subordinato e la proliferazione di modelli alternativi come il contratto a termine caratterizzato dalla durata predeterminata delle prestazioni ed attraverso il quale l’esigenza dell’utilizzazione flessibile del lavoro viene soddisfatta mediante l’apposizione di un termine finale alla durata del contratto, contestualmente alla costituzione del rapporto. I recenti interventi legislativi sulla disciplina di tale tipologia contrattuale costituiscono una delle innovazioni più significative nell’ambito della regolazione della flessibilità del lavoro; si tratta di una normativa che ha dovuto tener conto (sollecitata, tra l’altro, dalle direttive impartite dall’Unione Europea intervenuta nella materia) della contrapposizione dei diversi interessi in gioco: quello dell’impresa ad utilizzare il tempo determinato come strumento ordinario di gestione del personale per adattarlo alle mutevoli esigenze provenienti dal mercato, e l’interesse, opposto, del lavoratore alla stabilità dell’occupazione. L’ago della bilancia, in realtà, non è stato sempre al centro, ma ha subito oscillazioni, spostandosi ora da una parte, ora dall’altra, spesso in conseguenza dell’alternarsi al potere delle diverse maggioranze politiche: la complessa evoluzione normativa di regolazione dell’istituto riflette proprio quell’ alterno dibattersi tra tendenze di favore ad una maggiore flessibilità nella disciplina dei rapporti di lavoro, mediante la previsione di modelli contrattuali diversi da quello tradizionale, e tendenze più vicine alle esigenze di stabilità nelle modalità di impiego del lavoro dipendente.
L’altalena di cambiamenti così ravvicinati non può che lasciar perplessi gli interpreti del diritto. In altri termini, avvocati, sindacalisti, giudici e consulenti del lavoro appena iniziano ad assimilare nuove regole, “vedono” le stesse continuamente modificate, magari in senso contrario, dando vita ad una precarietà di certezze legislative.
I profili di incertezza nella definizione dei confini della fattispecie contrattuale oggetto del presente studio, sono tra l’altro stati già incrementati dal mutamento della tecnica di previsione della causale di apposizione del termine. L’attuale formulazione utilizzata dal legislatore ha permesso certo alle imprese di soddisfare più agevolmente le diverse esigenze di organizzazione flessibile del lavoro, ma ha reso meno certa, a causa della sua elasticità, la legittimità dei contratti a termine, il cui vaglio, sostanzialmente, non resta che affidato alla magistratura, cui risulta, di fatto, attribuita grande discrezionalità, a ragione della genericità dell’individuazione delle ragioni giustificatrici dell’assunzione a tempo determinato. La norma sull’utilizzazione del contratto a termine è stata tra l’altro resa più “permissiva” con gli ultimi ritocchi che l’istituto ha subito lo scorso anno con la legge 133/2008.
Nel dettaglio: il primo capitolo riassume l’evoluzione legislativa dell’istituto ripercorrendo le tappe più importanti che hanno portato all’attuale disciplina, tra le quali il recepimento, nel nostro ordinamento, della direttiva europea sui contratti a termine avvenuto tramite il d. lgs, 368/2001; il secondo capitolo affronta gli aspetti principali della normativa, in riferimento anche alla sostanziale differenza dalla disciplina precedente e con particolare riguardo ai vari profili sotto i quali si è posta in contrasto con gli indirizzi espressi dalla legislazione comunitaria; il terzo e ultimo capitolo esamina il caso particolare di utilizzazione, spesso “disinvolta”, del contratto a termine da parte di un particolare datore di lavoro, le Poste Italiane, il cui frequente e, nella maggior parte dei casi, illegittimo ricorso a tale tipologia di assunzione ha generato un enorme contenzioso giudiziario, sulla cui regolazione è molto spesso intervenuto lo stesso legislatore, creando altrettanti profili di dubbia illegittimità.
Il futuro dei contratti a termine sarà sicuramente ancora travagliato. Siamo tra l’altro in attesa del sollecitato intervento della Corte Costituzionale che, chiamata a pronunciarsi, da numerosi tribunali italiani, su alcuni importanti aspetti di presunta (ma, se vogliamo, palese!) illegittimità costituzionale, si spera metta al più presto fine a questa controversa disciplina dei contratti a termine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il sempre più frequente ricorso al contratto a termine sottolinea all’interno del mercato del lavoro l’esigenza di un utilizzo di forme più flessibili di occupazione che, in quanto tali, necessitano di essere contemperate con adeguate misure di tutela dei lavoratori. I recenti interventi legislativi sulla disciplina di tale tipologia contrattuale costituiscono una delle innovazioni più significative nell’ambito della regolazione della flessibilità del lavoro; si tratta di una normativa che ha dovuto tener conto (sollecitata, tra l’altro, dalle direttive impartite dall’Unione Europea intervenuta nella materia) della contrapposizione dei diversi interessi in gioco: quello dell’impresa ad utilizzare il tempo determinato come strumento ordinario di gestione del personale per adattarlo alle mutevoli esigenze provenienti dal mercato, e l’interesse, opposto, del lavoratore alla stabilità dell’occupazione. L’ago della bilancia, in realtà, non è stato sempre al centro, ma ha subito oscillazioni, spostandosi ora da una parte, ora dall’altra, spesso in conseguenza dell’alternarsi al potere delle diverse maggioranze politiche: la complessa evoluzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

causale di apposizione del termine
contenzioso poste italiane
contratto a termine
d.lgs. 368/2001
direttiva europea sui contratti a termine
flessibilità del lavoro
lavoro a tempo determinato
lavoro flessibile
legge 133/2008
normativa comunitaria sul contratto a termine
ragioni giustificatrici dell'assunzione a termine
violazione clausola di non regresso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi