Skip to content

Le dimensioni corporee. Approccio multidisciplinare allo studio dello schema e dell'immagine del corpo

Informazioni tesi

  Autore: Patrizia Vaccaro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Lorenzo Magnani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

L’argomento principale della tesi è il corpo, o meglio la riscoperta del corpo nel ruolo primario che svolge in rapporto alla conoscenza e alla costruzione dell’identità di un soggetto. Si parla di dimensioni corporee secondo due significati: riferendosi in senso stretto a grandezza, peso, altezza e agli aspetti che caratterizzano e guidano la consapevolezza del corpo e conseguentemente dell’essere di ognuno. Si tratta cioè dello schema (BS) e dell’immagine del corpo (BI).
La definizione più conosciuta per lo schema corporeo è quella data da Head nel ’20, in cui si parla di “modello posturale che ognuno ha di sè”, ovvero della consapevolezza da parte del soggetto della localizzazione del corpo nello spazio e delle parti che costituiscono il corpo in un determinato istante (rimanda al discorso di Merleau-Ponty che introduce il dramma del corpo, a proposito del suo essere oggetto e soggetto). Ci si riferisce perlopiù ad un ambito fisiologico, al contrario di BI. Essa è la rappresentazione che ognuno ha di sè, non solo dal punto di vista della forma, ma proprio come viene vissuto il corpo a livello affettivo ed emotivo.
Entrambi sono fondamentali per lo sviluppo dell’individuo, in quanto forniscono la coscienza di sè anche se in ambiti separati. Tuttavia se si fa un’analisi dal punto di vista cognitivo, si può tracciare una linea di continuità tra queste due dimensioni, considerando lo schema come una struttura che raccoglie e organizza le percezioni e l’immagine come un concetto a cui si arriva passando da generalizzazioni e astrazioni dei dati percettivi. Questo rimanda al discorso della memoria (funzionamento e formazione dei circuiti neuronali, spiegazione fisiologica della rete di concetti che un soggetto possiede) in quanto entrambe le dimensioni vengono considerate come appartenenti alla Memoria a Lungo Termine (MLT).
Da questa breve introduzione si possono notare due cose: la prima è l’attualità della ricerca (basti pensare che il termine “schema corporeo” viene introdotto da Bonnier nel 1905, e “immagine del corpo” nel 1935 da Schilder), la seconda è l’ottica multidisciplinare. Infatti argomenti di tipo filosofico e psicologico, sono affiancati a quelli di tipo medico e scientifico. Importante per lo studio di questi elementi è stata la pratica clinica: è nella patologia e nella ricerca di una terapia che è stato possibile teorizzare la presenza di queste due dimensioni, dal momento che agiscono a livello inconsapevole e non sono visibili. Quindi una prospettiva neurologica è stata osservata per l’analisi dei disturbi del BS e per spiegare le attività cerebrali con lo scopo di localizzare in qualche modo BS e BI. A proposito della terapia invece è stato interessante lo studio sulla VR che viene utilizzata sia per i disturbi del BS che per le distorsioni del BI: in particolare si tratta di riabilitazione motoria, morbo di Parkinson, depressione, fobie e recentemente per i disturbi del comportamento alimentare.
Il lavoro è stato svolto secondo due modalità: una ricerca bibliografica e una sperimentale condotta presso il laboratorio di analisi del comportamento della Clinica Mondino. In questa parte ho analizzato il BAQ, un test utilizzato per misurare l’atteggiamento nei confronti del corpo e conseguentemente le distorsioni del BI.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Prefazione Dopo essersi impadronito dell’esterno, all’uomo non rimane altro se non riappropriarsi di se stesso, andando ad indagare intorno alle dimensioni che costituiscono la sua esperienza corporea e mentale. Occorre riscoprire il corpo, ripartire dall’inizio per capire cosa succede all’interno, cogliere perché il progressivo allontanamento dalla mente e dal corpo, crei forti disagi e malesseri nel soggetto. Cosa significa parlare delle dimensioni del corpo? In realtà il significato è duplice: ci si riferisce a ciò che compone l’esperienza corporea e, in senso stretto a grandezza, peso, altezza. Aspetti che ruotano intorno all’immagine e allo schema del corpo secondo livelli distinti ma interagenti far loro: quello psicologico e fisiologico. Cosa c’entra tutto questo con la filosofia? Innanzitutto rientra in lei lo studio sul significato del corpo, spesso visto in senso dispregiativo come dotato di materialità a scapito della spiritualità. Inoltre la filosofia pare essere ad una svolta: significa poter studiare il rapporto con la realtà, approfondire il problema della conoscenza che parte essenzialmente dal corpo. Corpo e filosofia, dunque, per la ricostruzione di un significato legato alla possibilità di conoscenza che arriva ad interessarsi delle due dimensioni fondamentali dell’essere uomo: lo schema e l’immagine del corpo. La filosofia fornisce in un certo senso, il punto di partenza per le altre discipline: permette di avere una visione più ampia, non più inchiodata su un’unica disciplina, perché l’uomo in quanto essere complesso non si esaurisce con lo studio della sola neurologia o psicologia o altro, ma ha bisogno della collaborazione di più settori. Si tratterà allora di scoprire il significato dello schema e dell’immagine nella conoscenza, nello sviluppo della persona, le loro componenti sociali, antropologiche, fisiologiche e capirne l’importanza a partire dalla patologia. Finchè si resta nella normalità infatti, non si è in grado di capirne il ruolo fino in fondo. E’ nella mancanza (o nella devianza) che ci rende conto di quanto siano fondamentali queste due componenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

body attitudes questionnaire
disturbi del comportamento alimentare
homunculus
immagine corporea
percezione del corpo
schema corporeo
uso terapeutico della realtà virtuale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi