Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzazione dello spinal mouse nell'esame funzionale e morfometrico nella programmazione dell'esercizio fisico preventivo

Questa tesi descrive lo “spinal mouse” ed il suo utilizzo nella ricerca di specifiche problematiche relative alla colonna vertebrale. Questo apparecchio, realizzato e commercializzato da pochi anni, non è ancora molto diffuso in campo diagnostico, ma le sue particolari qualità in termini di maneggevolezza, semplicità di funzionamento, non invasività e attendibilità dei dati contribuiranno sicuramente ad una sua ampia diffusione sul mercato all’interno di centri specializzati.
L’attrezzo viene fatto scorrere sul dorso del paziente, ottenendo, grazie a sensori meccanici e ad un software dedicato su personal computer, immagini e dati relativi alla colonna vertebrale.
I risultati conseguiti con l’uso dello spinal mouse possono essere affidabili ed analoghi a quelli ottenuti da tecniche radiografiche, consentendo al paziente di evitare esposizione a radiazioni ionizzanti.
Ho avuto la possibilità di venire a conoscenza e di esercitarmi all’uso dello spinal mouse nel periodo di tirocinio che ho svolto all’Istituto di Medicina dello Sport “T. Lubich” di Bologna; spesso veniva utilizzato su diverse tipologie di pazienti, dall’atleta alla persona anziana, e con le più disparate problematiche da ricercare e monitorare. I risultati si sono rivelati sempre soddisfacenti ed estremamente utili per la formulazione di una terapia adatta alle singole esigenze dei pazienti.
Mi hanno incuriosito l’utilità di questo strumento e le sue molteplici applicazioni ed ho quindi deciso di incentrare la mia Tesi di Laurea sulle possibilità di utilizzo dello spinal mouse.
All’interno di questa tesi dopo una prima parte dedicata alla cinesiologia ed alla biomeccanica della colonna vertebrale, sono trattati i principali casi di alterazioni del tono posturale e la distribuzione delle forze di carico sulla colonna.
Quindi si procede alla descrizione delle caratteristiche tecniche dello spinal mouse.
Infine sono presentate le metodologie di indagine strumentale effettuata per mezzo dello spinal mouse e le relative tecniche di prevenzione e recupero funzionale realizzabili per le disfunzioni della colonna vertebrale.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 3 - INTRODUZIONE Questa tesi descrive lo “spinal mouse” ed il suo utilizzo nella ricerca di specifiche problematiche relative alla colonna vertebrale. Questo apparecchio, realizzato e commercializzato da pochi anni, non è ancora molto diffuso in campo diagnostico, ma le sue particolari qualità in termini di maneggevolezza, semplicità di funzionamento, non invasività e attendibilità dei dati contribuiranno sicuramente ad una sua ampia diffusione sul mercato all’interno di centri specializzati. L’attrezzo viene fatto scorrere sul dorso del paziente, ottenendo, grazie a sensori meccanici e ad un software dedicato su personal computer, immagini e dati relativi alla colonna vertebrale. I risultati conseguiti con l’uso dello spinal mouse possono essere affidabili ed analoghi a quelli ottenuti da tecniche radiografiche, consentendo al paziente di evitare esposizione a radiazioni ionizzanti. Ho avuto la possibilità di venire a conoscenza e di esercitarmi all’uso dello spinal mouse nel periodo di tirocinio che ho svolto all’Istituto di Medicina dello Sport “T. Lubich” di Bologna; spesso veniva utilizzato su diverse tipologie di pazienti, dall’atleta alla persona anziana, e con le più disparate problematiche da ricercare e monitorare. I risultati si sono rivelati sempre soddisfacenti ed estremamente utili per la formulazione di una terapia adatta alle singole esigenze dei pazienti. Mi hanno incuriosito l’utilità di questo strumento e le sue molteplici applicazioni ed ho quindi deciso di incentrare la mia Tesi di Laurea sulle possibilità di utilizzo dello spinal mouse. All’interno di questa tesi dopo una prima parte dedicata alla cinesiologia ed alla biomeccanica della colonna vertebrale, sono trattati i principali casi di alterazioni del tono posturale e la distribuzione delle forze di carico sulla colonna. Quindi si procede alla descrizione delle caratteristiche tecniche dello spinal mouse. Infine sono presentate le metodologie di indagine strumentale effettuata per mezzo dello spinal mouse e le relative tecniche di prevenzione e recupero funzionale realizzabili per le disfunzioni della colonna vertebrale.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Federico Spiga Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4846 click dal 06/10/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.