Skip to content

Marketing dei prodotti alimentari biologici

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca De Milo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Amedeo Maizza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 193

Tra le varie definizioni di agricoltura o alimento Biologico, la più attendibile è quella che inserita nel Regolamento Comunitario n. 2092 del 1991 definisce: ''Agricoltura Biologica (presente nella fase iniziale della filiera produttiva alimentare) è l’insieme delle pratiche attuate in agricoltura per fornire prodotti agricoli ottenuti escludendo completamente l’impiego di sostanze chimiche di sintesi''. Il termine Biologico, quindi, possiede un significato preciso da non confondere con altre denominazioni come “naturale”, “dietetico”, “organico - minerale” o “integrale”.
Dalla definizione appare la sostanziale differenza rispetto all’agricoltura convenzionale, non chiarendo però il settore oggetto di studio che in realtà si presenta molto più complesso rispetto a ciò che può sembrare, perché mira ad una modalità del tutto diversa di rapportarsi nei confronti dell’ambiente.
Fatte le dovute premesse, sembra chiaro che il mercato alimentare del Bio presenta delle nuove esigenze di professionalità altamente qualificate, legate ai recenti orientamenti comunitari come l’evoluzione dei mercati e dei consumi che stanno profondamente e rapidamente cambiando l’organizzazione settoriale verso un ottica innovativa, nella tutela dell’ambiente, nella riduzione dell’uso di pesticidi e della certificazione della qualità.
Infatti, il mercato alimentare italiano continua a registrare e a chiedere con insistenza incrementi più a livello qualitativo che non quantitativo, per cui la permanenza dell’azienda sul mercato è conseguenza legata ad una quanto mai vitale componente organizzativa, supportata dalla professionalità degli uomini preposti alla produzione e alla commercializzazione dei prodotti alimentari stessi, nonchè ad una conoscenza del mercato utile per un approccio strategico più alto. Analizzando il comparto più in dettaglio e visto in una prospettiva empirica, le reali dimensioni dello stesso sono circa 1% del comparto totale alimentare, con delle aspettative di crescita di circa 4% nei prossimi anni, sviluppo legato ad una presenza delle referenze sempre più capillare nella Distribuzione Moderna. Tendenzialmente si assiste quindi, al transizione da una primordiale fase di nicchia a una conseguente realtà di vero e proprio segmento di mercato, in coincidenza al superamento della fase pionieristica e l’affermazione di logiche imprenditoriali sempre più attente all’innovazione tecnologica, alla valorizzazione del prodotto, allo studio del packaging, alla ricerca dei canali distributivi di medio e alto livello capaci di garantire ottimi sbocchi verso l’export. Le prospettive di sviluppo, a ben vedere, non riguardano una stretta cerchia di specialisti ma una nuova generazione di imprenditori proiettati verso il Biologico d’impresa, dando più spazio alle strategie di marketing come veicolo iniziale della decisioni imprenditoriali e commerciali.
Altra componente di mercato è la domanda rappresentata dal consumatore con i suoi bisogni. Lo studio sul consumatore risulta più particolareggiato e articolato, partendo da un analisi della motivazione che spinge un soggetto ad acquistare biologico, si valuta successivamente la personalità e i suoi desideri, tutti profili essenziali se si desidera programmare anche lo strumento di promozione o pubblicitario utile ad informare i soggetti stessi. Lo studio della domanda in generale, risulta utile a delineare un identikit del consumatore tipo di prodotti alimentari Biologici, da qui il target di riferimento risulta così strutturato:
· Età media compresa tra i 25 e 45 anni;
· Residente in grandi e medi agglomerati urbani;
· Un potere d’acquisto medio – alto;
· Un buon livello culturale.
Gli acquirenti, per evidenti motivi sono le donne anche se i consumatori finali risultano i componenti del nucleo famigliare, alla luce di tale osservazione il target evidenziato prima viene conformato su un acquirente di sesso femminile, che in definitiva si reca nel punto vendita per compiere la tradizionale “spesa”. In parallelo alla motivazione viaggia la frequenza con cui vengono effettuati gli acquisti, da una indagine scaturisce: il 47% acquista meno di una volta al mese; 43% acquista da una volta a settimana; il 10% acquista più di una volta a settimana.
Da qualche anno, però, le referenze Bio alimentare hanno conosciuto una nuova forma di consumo nel suo genere, quello collettivo. La forma di consumo collettivo più diffuso sono le mense scolastiche pubbliche e private, posizionate nelle aree geografiche del centro – nord Italia, al fine di garantire un’alimentazione sempre più sicura e naturale. Infatti molti Direttori e Presidi d'Istituto hanno pensato bene di indirizzare le tavole dei loro refettori verso un consumo Biologico, garantendo così un’alimentazione di tipo tradizionale e nello stesso tempo anche salutare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE OBIETTIVI. Il marketing oggi a giusta ragione può considerarsi una importante variabile strategica, l’elemento conduttore di tutta la dinamica produttiva e di commercializzazione dei settore biologico alimentare; quindi chi meglio produce, chi meglio commercializza è certamente chi sa meglio utilizzare il marketing. Tutto il sistema produttivo biologico alimentare italiano oggi è a un bivio, o si mette a correre con il marketing e l’innovazione per recuperare quote di mercato rispetto alla concorrenza indiretta e abbandonare “la nicchia” che occupa immeritatamente, diventando sfidante delle stesse; oppure continua a permanere nella situazione attuale con tutte le conseguenze negative che questa comporta. Non va dimenticata una considerazione a mio avviso importante, nel settore alimentare la parola “innovazione” ha sempre avuto una doppia valenza: se da un lato dà spessori a concetti come sviluppo di nuovi prodotti e ricerca di avanzati equilibri dietetici e nutrizionali; dall’altro è vissuta negativamente dal consumatore perchè spesso associata alla manipolazione degli alimenti e all’introduzione di sostanze nei processi di produzione. D’alta parte il consumatore moderno è sempre pi esigente: desidera prodotti che assecondino i mutuali stili di vita, vuole poter scegliere tra una gamma sufficientemente ampia di tipi e formati, chiede di essere informato sulla composizione e sull’apporto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura biologica
alimenti biologici
alimenti di largo consumo
grande distribuzione
marketing
marketing alimentare
mercati di nicchia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi