Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’immagine della Capoeira ed analisi di alcune sue implicazioni come risultato di uno studio su soggetti praticanti adulti

La presente ricerca si pone l’obbiettivo di precisare quale immagine della capoeira sia più condivisa dai praticanti e rilevare se questa si evolve sotto l’effetto della pratica, con l’aumentare dell’età o in base al sesso. Si propone inoltre di verificare quale influenza gli istruttori di capoeira hanno sui loro allievi, se ne motivano la pratica o ne causano l’abbandono. In letteratura molti autori si sono preoccupati di analizzare l’immagine che atleti di sport affini – arti marziali – hanno delle loro discipline e la figura dell’insegnate (vedi: Augustini, M. & Trabal, P., Les représentations du karaté pour les cades, les enseignants et les pratiquants, , Paris, 1998. Boothby, J., Tungatt, M.F. & Townsend, A.R., “Ceasing partecipation in sport actvity: reported reasons and their implications”, in Journal of Leisure Research, 1981. Wankel, L.M., “Personal and situational factors affecting exercise involvement: The importance of enjoyment”, in Research quarterly for exercise and sport, 1985).

MATERIALI E METODI
Per verificare l’ipotesi iniziale è stato sottoposto a 280 praticanti un questionario composto da domande aperte e chiuse. Queste hanno permesso di misurare l’importanza che i soggetti attribuiscono agli aspetti utilitaristici, sportivi, sociali e filosofici della capoeira, nonché all’influenza del loro insegnante sulla loro affezione alla pratica di quest’arte. Le rappresentazioni grafiche consentono di visualizzare i risultati elaborati con le risposte del questonario in funzione di variabili discriminanti, quali il sesso, l’età, la nazionalità e gli anni di pratica.

I RISULTATI
Abbiamo verificato che, l’immagine filosofica, che non emergeva tra le motivazioni iniziali, acquista importanza quando, da principiante, si diventa praticante regolare; allo stesso tempo le dimensioni utilitaristiche perdono di importanza. Per ciò che riguarda l'immagine che i capoeristi hanno dell’insegnante, risulta che gli allievi valutano i loro insegnanti in maniera positiva, con particolare riguardo alle voci:

“capace di insegnare”, “abile a praticare”, “favorisce l’unione del gruppo”.

CONCLUSIONI
Da quanto rilevato dai grafici, si evince che la dimensione filosofica aumenta proporzionalmente di importanza con l’aumentare dell’età degli allievi e degli anni di pratica, senza variazioni significative all’interno di un gruppo di soggetti di sesso e nazionalità differenti. Quanto affermato è valido soprattutto per atleti italiani praticanti da meno di 3 anni, e di età compresa tra i 20 ed i 29 anni, i quali costituiscono il 75,4% del campione preso in esame. L’elemento che induce questo processo è da ricercarsi non solo nella pratica stessa, ma anche nel modo di insegnarla. Emerge infatti che gli insegnanti (i quali risultano essere in maggioranza brasiliani) sono un tramite efficace per trasmettere l’arte della capoeira, valorizzandone gli aspetti culturali, musicali, atletici, di aggregazione. Principalmente per tale motivo, questi maestri vengono apprezzati dagli allievi che instaurano con loro un profondo legame. Tutto questo è dimostrato dal fatto che solo l’1,4% è sicuro di abbandonare l’attività per motivi relativi all’insegnante o al gruppo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La capoeira, che la si pratichi o no, è argomento di continua discussione, suscita dibattiti più o meno accesi su cosa essa “è” o “non è”, senza che si rie- sca mai a mettere d’accordo tutti, e questo perché questa forma d’arte e di com- battimento non ha un vero e proprio inizio né una vera e propria fine, non c’è un regolamento né una federazione che ne stabilisca i criteri di giudizio e si presta perciò a molteplici interpretazioni, dovute anche ai modelli che si deci- de più o meno coscientemente di seguire. Si pensi ad esempio ai ragazzi che l’hanno conosciuta attraverso i videoga- mes nei quali è messo in risalto soprattutto il suo lato violento; oppure a colo- ro che vi si avvicinano attratti dall’aspetto acrobatico che si manifesta nelle varie forme di spettacolo che dalla capoeira prendono forma; o, ancora, a colo- ro che invece l’hanno scoperta la dove è nata, in Brasile, con tutte le implica- zioni culturali che le sono proprie quando chi la pratica o la osserva o ne discu- te è un brasiliano. Lo scopo principale di questa mia tesi di ricerca è quindi quello di mettere in evidenza le rappresentazioni che i praticanti hanno della capoeira, quali sono quelle che maggiormente attraggono ed inducono a iniziare a praticarla e se queste cambiano col tempo anche in funzione di tre variabili discriminanti: il sesso, l’età e gli anni di pratica (1). Ho cercato inoltre di esaminare la figura dell’istruttore di capoeira, per com- prendere come venga giudicata dagli allievi e quanto influisca sulle loro moti- vazioni (6-7). 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Davide Di Nardo Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1007 click dal 09/10/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.