Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rappresentazione contabile e valutazione dei costi di impianto ed ampliamento

Il presente lavoro, parte da una definizione generale di immobilizzazione immateriale, che vuole sottolineare, nel primo capitolo, l’importanza degli intangibili nell’ambito dell’economia d’azienda, quali variabili critiche per il successo dell’impresa stessa. Con la consapevolezza dell’esistenza dei cosiddetti “Costi sospesi”, ovvero i costi che continuano ad originare utilità “certa” anche negli esercizi futuri, ci si propone di affrontare il tema della rilevazione e valutazione contabile dei “Costi di Impianto ed Ampliamento” secondo i principi contabili nazionali e internazionali.
Si cercherà, quindi, di capire quali siano stati i principi ispiratori che hanno portato le due normative a differenziarsi sotto il profilo della rilevazione e valutazione di questi costi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro, parte da una definizione generale di immobilizzazione immateriale, che vuole sottolineare, nel primo capitolo, l’importanza degli intangibili nell’ambito dell’economia d’azienda, quali variabili critiche per il successo dell’impresa stessa. Con la consapevolezza dell’esistenza dei cosiddetti “Costi sospesi”, ovvero i costi che continuano ad originare utilità “certa” anche negli esercizi futuri, ci si propone di affrontare il tema della rilevazione e valutazione contabile dei “Costi di Impianto ed Ampliamento” secondo i principi contabili nazionali e internazionali. Si cercherà, quindi, di capire quali siano stati i principi ispiratori che hanno portato le due normative a differenziarsi sotto il profilo della rilevazione e valutazione di questi costi. Nel secondo capitolo l’attenzione sarà incentrata sui principi contabili nazionali, con riferimento alle immobilizzazioni immateriali, in particolare al documento n. 24 dell’O.I.C. (Organismo Italiano di Contabilità 1 ). Il terzo capitolo, invece, riguarderà i principi contabili internazionali IAS/IFRS, in dettaglio, lo IAS 38 dedicato, appunto, agli intangibles assets. Nel quarto capitolo, si analizzerà un caso pratico di transizione dai principi contabili nazionali a quelli internazionali, per verificare le conseguenze di questo passaggio in merito alla voce “Costi di impianto ed Ampliamento”, e quali sono in effetti le ripercussioni sullo Stato patrimoniale, sul Conto economico e quindi sul reddito 1 Organismo che ha sostituito, di recente, la Commissione Nazionale per la statuizione dei corretti Principi Contabili. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Ferrarese Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 944 click dal 13/10/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.