Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto della crisi economica sul distretto ceramico di Civita Castellana

Tesi per diploma di laurea contenente un'analisi specifica del settore ceramico nazionale (esportazione, importazioni, swot analysis, cicli di vita prodotti), delle imprese operanti in tale settore con particolare attenzione a tutti gli aspetti economici azienda per azienda, studio approfondito degli effetti della crisi e infine possibili manovre da mettere in atto per uscirne. La tesi è corredata da numerosi grafici contenenti dati raccolti direttamente presso le imprese coinvolte nello studio, presso le sedi CGIL per i dati occupazionali e con l'aiuto del Centro Ceramico di Civita Castellana che ha messo a disposizione numerosi strumenti per completare la tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. Introduzione Per il contributo rilevante che apportano in termini di produzione, occupazione ed esportazioni, i distretti industriali costituiscono certamente l‟asse portante del sistema industriale italiano. La peculiarità del modello di sviluppo dell‟economia italiana, incentrato prevalentemente sui sistemi locali di piccole e medie imprese è stato, ed è tuttora, un fenomeno largamente studiato e osservato con interesse in tutto il mondo. Oggi questo modello appare in difficoltà sotto la spinta dei rapidi cambiamenti che ha avuto luogo negli ultimi anni sui mercati internazionali a seguito dell‟ingresso di nuovi competitori a forte vocazione manifatturiera. In particolare, il processo di frammentazione produttiva, attraverso la delocalizzazione di alcune, o intere, fasi del processo produttivo, se da un lato costituisce un passo inevitabile per una razionalizzazione dei costi di produzione, dall‟altro ha messo in crisi il tradizionale modo di operare dei distretti stessi basato sull‟interazione fondamentale delle imprese che ne fanno parte. In questo mutato scenario la competitività sarà sempre più il frutto delle performance delle singole imprese piuttosto che quello di una specializzazione produttiva volta a determinare i vantaggi comparati settoriali. La cultura distrettuale italiana, ispirata a radicate tradizioni manifatturiere, spesso di derivazione artigianale, sta denunciando limiti evidenti. I distretti si dimostrano poco recettivi dei nuovi paradigmi dell‟economia fondata sulla conoscenza, sull‟innovazione e sui servizi avanzati. Tali difficoltà sono comuni a tutte le realtà industriali italiane e in particolare si riflettono, amplificate da una situazione d‟instabilità globale, sul settore delle ceramiche, aggredito da una parte dal “lavoro sporco” dei paesi emergenti e dall‟altra dalla crisi del settore immobiliare. Andando ancor più nello specifico, più di tutti è il settore della ceramica sanitaria che sta affrontando momenti bui e

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Rossi Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1385 click dal 14/10/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.