Skip to content

Matrimonio e adulterio

Informazioni tesi

  Autore: Marco Giacomo Mocci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dei servizi giuridici
  Relatore: M.V. Sanna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

Storia dell'adulterio nel diritto romano con riferimento alla Lex Julia de Adulteriis promulgata da Augusto nel 18 a.c.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 MATRIMONIO E ADULTERIO CAPITOLO I 1. Nozioni storiche sull’adulterio. Il termine adulterio deriva dal latino adulterare che significa corrompere, alterare, falsificare; adulterare matronas, come leggiamo in Svetonio 1 Aug. 67,2 significa commettere adulterio con una donna sposata, “corromperla, inquinarla, adulterarla”. Con il termine adulterio si indica, dunque, il rapporto extramatrimoniale della uxor o nupta, quindi la violazione delle 2 iustae nuptae. Il soggetto di adulterare è in genere l’uomo, la donna è soggetto del passivo adulterari, ma deve comunque acconsentire al rapporto, che non si commette senza dolo, come leggiamo in D. 48.5.14.7. Secondo l’etimologia popolare adulter e adultera si identificano in colui che ‘si dà’, ‘si concede’ ad alteram, e colei che ‘si dà’, ‘si concede’ ad alterum. Per il diritto romano solo la donna violava la fedeltà coniugale e si rendeva colpevole di adulterio, mentre, se il marito aveva relazioni extramatrimoniali, purché non con donne sposate o ingenuae et honestae, non commetteva adulterio. Sin dai tempi più antichi l’adulterio della uxor fu punito con estrema durezza, perfino con la soppressione fisica. Dionigi di Alicarnasso 3 in Antiquitates Romanae 2,25,6, riporta una lex regia attribuita a Romolo 4 , in 1 Svetonio Tranquillo - Storico latino vissuto nel I-II sec. d.C., durante il principato di Traiano ed Adriano, esercitò l’attività forense e fu segretario particolare di quest’ultimo. Imponente fu la sua produzione letteraria: scrisse molto e su molteplici argomenti. Tuttavia di tale numeroso elenco di libri ci è pervenuta soltanto una parte dell’opera Degli uomini illustri e, pressoché integra, la sua opera più importante, Vita dei Cesari, contenente le biografie dei prìncipes da Giulio Cesare a Domiziano. 2 Il matrimonium è iustum per i Tituli ulpiani, «se inter eos qui nuptia contrahunt conubium sit, et tam masculus pubes quam femina potens sit, et utrique consentiant, si sui iuris sunt, aut etiam parentes eorum, si in potestate sunt» (Ulp. 5, 2.) 3 Dionigi di Alicarnasso 60 – 7 a.c. –Scrittore e rettore Greco vissuto a Roma dopo il 30 a.C.. Autore di un’opera storica “Storia antica di Roma” in 20 libri, dalle origini al 264 a.C., dei quali restano tracce solo dei primi 11. 4 P. GIUNTI, Adulterio e leggi regie. Un reato fra storia e propaganda, Milano 1990, pp. 57 ss., 155 ss., ha sostenuto che autore di tale legge non sia Romolo, come scrive Dionigi, ma Numa Pompilio, cui la tradizione attribuisce diverse leggi che regolano il matrimonio e la famiglia. Dionigi avrebbe scritto il suo secondo libro dopo il 18 a.C., anno di approvazione della lex Iulia de maritandis ordinibus e della lex Iulia de adulteriis coercendis, lasciandosi influenzare dalla legislazione familiare di Augusto, inteso come novello Romolo; per questo lo storico greco avrebbe attribuito a Romolo, volendo fare di lui l’anticipatore di Augusto, la legge relativa alla repressione dell’adulterio. R. ASTOLFI, Il matrimonio nel diritto romano classico, Padova 2006, p. 133 ss., ritiene che non sarebbe stata una lex regia ad introdurre a Roma la repressione dell’adulterio mediante morte, in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accusatio iure extranei
accusatio iure mariti
adulterio
adulterium
conventio in manum
ius occidendi
iustae nuptae
lex iulia del adulteriis
liber singularis del adulteriis
papiniano
questio de adulteriis
stuprum
svetonio
uxor

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi