Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Danni cardiaci da antineoplastici di sintesi e biologici

In questo progetto ci siamo interessati alla cardiotossicita' da antitumorali come Imatinib, Bortezomib, Trastuzumab ed in particolare la Doxorubicina. Parte importante del progetto è l'apoptosi, argomento molto sviluppato nella tesi .A chi è interessato posso fornire anche la presentazione della tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1 Introduzione La ricerca scientifica di base ha prodotto nell'ultimo decennio, dettagliate informazioni sui meccanismi patogenetici, molecolari e biochimici responsabili della proliferazione, del differenziamento e dei processi di riparazione del DNA delle cellule. Alterazioni di tali meccanismi a vari livelli sono responsabili dell'insorgenza e della progressione dei tumori maligni. Nonostante queste conoscenze, la cura delle neoplasie maligne è ancora basata sull'impiego di farmaci chemioterapici citotossici, la cui azione mira direttamente a danneggiare il DNA o ad inibire la duplicazione cellulare provocando la morte in maniera aspecifica sia delle cellule tumorali sia delle cellule normali in fase di replicazione. La mancanza di specificità d'azione dei chemioterapici è alla base della considerevole tossicità che fa seguito alla loro somministrazione e si manifesta generalmente con mielosoppressione, mucosite, alopecia, astenia, alterazioni delle funzioni cardiache, neurologiche, renali e gastroenteriche. Questo bagaglio di effetti indesiderati non è sempre controbilanciato da una soddisfacente remissione delle neoplasie, soprattutto dei tumori solidi in fase avanzata, che ancora costituiscono malattie incurabili con limitate possibilità di sopravvivenza a lungo termine (Rossi F. e coll., 2005). Le antracicline, da questo punto di vista, rappresentano un gruppi di chemioterapici che, da soli o in associazione, sono ampiamente utilizzati per il trattamento di tumori solidi ed ematopoietici, ma presentano un elevato grado di cardiotossicità dose-dipendente. La cardiotossicità, infatti, rappresenta uno dei fattori che maggiormente limitano l’uso delle antracicline, con un forte impatto sulla qualità di vita e sulla sopravvivenza del paziente, indipendentemente dal problema oncologico di base. Più della metà dei pazienti trattati con antracicline (AC), infatti, valutati anche dopo 10-20 anni dalla diagnosi oncologica iniziale, presentano alterazioni cardiache di diversa entità quali scompenso cardiaco conclamato nel 5% dei casi e aritmie nel 40% dei casi (Silber JH, Canaan A, 2004). Sebbene la cardiotossicità da antineoplastici sia stata studiata prevalentemente nelle antracicline, recentemente l'interesse è stato rivolto anche a farmaci che hanno come bersaglio le tirosin chinasi quali trastuzumab e imatinib (Floyd JD e coll., 2005).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Ambientali

Autore: Giuseppe Mondrone Contatta »

Composta da 32 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1055 click dal 20/10/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.