Skip to content

Geografie private: la Scozia agli inizi dell'800 nei diari di viaggio di Dorothy Wordsworth

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Acquisti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Francesca Montesperelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

“Geografie private” può apparire una definizione un po’ inusuale, ma mi è sembrata la più appropriata per spiegare lo studio che ho compiuto sui diari di viaggio in Scozia di Dorothy Wordsworth. Il mio primo approccio con i suoi testi è partito dalla lettura dei Grasmere Journals, i diari che ella aveva scritto fra il 1800 e il 1803 al Dove Cottage, residenza dei due fratelli e, per alcuni anni, della famiglia del poeta dopo il suo matrimonio nell’ottobre del 1802. Questa è sicuramente la sua opera più famosa, che racconta i dettagli della vita trascorsa accanto al fratello, nel periodo della sua maggiore creatività poetica e del sodalizio con Samuel Taylor Coleridge.
La mia visita al Dove Cottage a Grasmere, residenza dei Wordsworths fra il 1799 e il 1808, all’attiguo museo dove sono presenti molti cimeli ed oggetti usati da loro quotidianamente e alla regione del Lake District, e l’incantevole e suggestiva cornice della regione dei laghi mi ha affascinato moltissimo, tanto da spingermi a conoscere più da vicino Dorothy come viaggiatrice; ella era solita passeggiare da sola, o in compagnia del fratello, lungo i sentieri e le rive dei laghi di Grasmere e Rydal e la sua passione per le lunghe camminate la portò a compiere diversi tours, fra cui quello del 1803 in Scozia insieme a William ed all’amico Coleridge. La forte determinazione di questa donna mi ha subito attratto, tanto che la mia ricerca si è indirizzata verso l’approfondimento dei diari che ella scrisse durante i due viaggi in Scozia, il primo nel 1803 ed il secondo nel 1822.
In entrambe le occasioni emerge chiaramente il moderno atteggiamento di donna turista della scrittrice, che, compiendo questi tours solamente per piacere ed interesse personale, si distingue molto dalle sue contemporanee. Infatti la sua esperienza di viaggiatrice non era comune per le donne del suo tempo, che, in genere, erano ostacolate a muoversi da legami matrimoniali e dai figli. Dorothy invece è apparentemente libera, dato che la forte simbiosi che ebbe con il fratello per tutta la vita le impedì di formarsi una famiglia, ma la arricchì dal punto di vista intellettuale e letterario. La lettura dei Recollections of a Tour Made in Scotland, 1803, e del Journal of My Second Tour in Scotland, 1822, è stata subito assai interessante e la mia analisi all’inizio si è diretta prevalentemente a segnalare quei passi in cui le descrizioni del paesaggio seguono i canoni del Pittoresco e del Sublime, come era tipico dei resoconti di viaggio scritti fra la fine del XVIII e gli inizi del XIX secolo. In particolare mi hanno colpito quei brani in cui la scrittrice sembra estraniarsi dal luogo in cui si trova, tanto sono forti i sentimenti che ella prova nel contemplare la struggente bellezza del paesaggio scozzese. Ho notato inoltre come Dorothy sia spesso precisa nel fornire indicazioni geografiche dei territori che sta visitando, facendo sì che i suoi diari rientrino in quella categoria di resoconti di viaggio che nel corso dei secoli hanno aiutato ad avere una più precisa conoscenza geografica di un dato luogo.
La mia analisi ha però poi cambiato direzione nel momento in cui mi sono accorta che in questi due testi non si parla solamente di ambiente e di natura, dato che Dorothy fa anche una precisa osservazione sulle condizioni di vita degli Highlanders, soprattutto di quelli delle zone più remote, descrivendo accuratamente le loro abitazioni e facendo notare come in genere fossero diverse da quelle che c’erano in Inghilterra, soffermandosi su particolari che solo una donna avrebbe potuto notare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diari di viaggio
dorothy wordsworth
highlands
lake district
letteratura inglese
locande inglesi
pittoresco
romanticismo
scozia
sublime

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi