Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagini e prospettive sulle relazioni tra gli adolescenti: la coppia adolescente

L’adolescenza è un’età di prova in cui le esperienze fatte sono determinanti nella costruzione del proprio progetto di vita e del rapporto con l’ambiente circostante. Ogni adolescente si trova ad affrontare situazioni nuove, a vivere nuovi bisogni personali ed inedite condizioni esterne che spesso suscitano sensazioni di insicurezza e precarietà, soprattutto di fronte alla ricerca di autonomia e al parziale distacco dalla famiglia. La percezione di una propria identità aiuta a riconoscersi e sentirsi diversi dagli altri, un’esperienza essenziale per il graduale processo di autonomia dalla famiglia. Gradualmente prevale un più sviluppato senso di intimità che gli adolescenti condividono con i coetanei, passaggio decisivo per aumentare il livello di autostima e stabilire relazioni significative. L’adolescente trova nel gruppo dei pari, empatia, soddisfazione e autonomia, che facilitano la via per diventare membro della generazione, in cui dovrà stabilire la propria identità di adulto. Le esigenze biologiche di lasciare le proprie caratteristiche nella discendenza hanno fatto sì che la selezione naturale operasse per mantenere insieme i partner al di là dell’atto sessuale e del concepimento, in modo da tenerli legati in rapporti che sono ben più profondi di quelli che comunemente chiamiamo storie d’amore.
Le aspettative e il modo in cui ci si lega alla persona amata e si vive il rapporto di coppia sono fortemente influenzati dalle esperienze peculiari che ciascuno ha avuto da bambino con la propria figura di attaccamento, in maggioranza la madre, così che il rapporto madre-bambino può essere considerato il prototipo del legame di coppia.Sofisticati meccanismi cognitivi inconsapevoli, frutto della qualità della nostra prima relazione affettiva , faranno sì, che da adulti, le persone con quelle stesse caratteristiche, o con modo simile di rapportarsi a noi siano volutamente scelte al fine di costruire i nostri legami di coppia. Quindi da adulti si tenderà a istaurare legami che somigliano, nella loro struttura, a quelli di cui si è fatta esperienza da piccoli. Il motivo principale dell’innamorarsi è il bastarsi a vicenda, la possibilità di trovare un pieno appagamento in termini affettivi e sessuali nel rapporto instaurato con il partner prescelto. Solo i due innamorati sono coinvolti nel turbamento, solo loro possono sentire ciò che li lega. Gli altri, gli amici, sono improvvisamente degli estranei. Se si ama, se si incontra la persona giusta, se si vive un rapporto profondo, non si avverte l’esigenza di altri rapporti ed esperienze. La rilevanza di un rapporto sembra verificabile dal feeling che si stabilisce tra i partner, dal provare le stesse emozioni, dalla consonanza degli stati d’animo, dal condividere sensazioni uniche e speciali. Un feeling che fa provare sensazioni speciali, che porta ad una conoscenza intima ed esclusiva, ad uno stare bene reciproco, mettendo l’accento più sull’affinità emotiva e dei sentimenti, che sulla condivisione di particolari valori e ideali. L’attrazione inizia quando qualcuno diventa l’oggetto d’amore o di desiderio, entra nei nostri pensieri e li occupa per buona parte delle ore e della veglia. L’oggetto d’amore diviene ai nostri occhi unico e affascinante. Si crede che questo stato emotivo e alterato di coscienza, sia solo di noi stessi, unico al mondo. Durante questo periodo sono presenti una serie di emozioni, quali l’esaltazione, l’euforia, il desiderio, la speranza, ma anche la paura di perdere l’oggetto d’amore, che sfocia nella gelosia. Al periodo esultante o tormentoso dell’attrazione segue il periodo più tranquillo dell’attaccamento. Durante questo periodo dell’attaccamento, l’amore diventa tiepido, la coppia prova piacere a condividere le esperienze,ma il desiderio e la passione possono essere diminuiti.L’ attaccamento non è l’antitesi dell’ amore, ma è proprio esso a tenere legati tra loro i partner di una coppia, secondo un processo che porta gli amanti e poi i coniugi, a provare nelle varie fasi del loro rapporto, particolari emozioni, ciascuna che abbia una funzione per il buon andamento della relazione e per il loro benessere. Si sta assieme, si condivide un cammino, si converge in un’esperienza amorosa, in quanto la relazione risulta significativa, cioè rispondente ai criteri di soddisfazione reciproca sia in termini di scambio di piacere, che di possibilità comunicative. L’impegno in un rapporto di coppia sembra prodursi soltanto nel rispetto di precise condizioni di reciprocità, venendo meno le quali ogni partner riprende la propria libertà. Tutto questo può avvenire grazie alla comunicazione attraverso codici conosciuti solo dai due partner. L'incontro con la sessualità e l'amore, che dovrebbe essere promotore di sviluppo, suscita, invece, la fantasia di trovarsi su un baratro, stimolando la fuga indietro o il precipitarsi incautamente in avanti. Nonostante tutto la crisi adolescenziale è indispensabile per lo sviluppo umano.

Mostra/Nascondi contenuto.
III Introduzione L’adolescenza è la forma di crescita e di sviluppo significativo che opera il passaggio da una dimensione evolutiva ludica ad una dimensione adulta. Quindi si diventa adulti attraverso l’adolescenza e cioè attraverso un processo di crescita formativa ed educativa che porta progressivamente alla piena maturità e all’età adulta. (Acone G., 2004) Questa età si caratterizza per una crisi di identità che tende a un migliore assestamento della personalità. È un momento evolutivo di transizione ricco di nuovi stimoli e interessi, teso a scoprire spazi di espressione esterni alla famiglia, (Bobba L. - Nicoli D., 1988) Essere giovane oggi, non indica più tanto un’età biologica, ma soprattutto una condizione sociale. Solo con la nascita della psicoanalisi, ufficialmente ad opera di Freud, nel 1900, si poté collegare geneticamente l'adolescenza alle precedenti fasi della vita. L'adolescenza è caratterizzata principalmente da cambiamenti fisici, che si riflettono in ogni aspetto del comportamento, ma l'età cronologica non fornisce un criterio valido per la maturazione fisica. L'accrescimento, soprattutto fisico, spesso pone a dura prova l'adattabilità psichica dell'individuo, dato che l'adolescente tende a confrontare il proprio sviluppo fisico con quello dei coetanei.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Valeria Della Porta Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2586 click dal 26/10/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.