Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di bilancio e scelte di gestione nell'ente locale

È evidente come, negli ultimi anni, le riforme normative e le tendenze evolutive del sistema istituzionale pubblico del nostro Paese abbiano portato alla crescita dell’autonomia politica, organizzativa, gestionale e finanziaria delle amministrazioni locali. A ciò ha corrisposto una crescente responsabilità degli amministratori locali per le scelte operate, sia in termini di risorse assorbite dalla Comunità, che in termini di servizi e prestazioni erogate alla stessa. Infatti, la riforma in chiave aziendale degli Enti locali tende a garantire soddisfacenti livelli di efficacia e di efficienza dei servizi pubblici locali, attraverso il miglioramento della capacità di individuare e di soddisfare i bisogni dei cittadini amministrati unito al miglioramento della capacità di acquisire e utilizzare economicamente le risorse pubbliche. Le indicate esigenze, di per sé fondamentali, sono tanto più avvertite nell'attuale contesto, in cui si tratta di concorrere alla permanenza del Paese nell'Unione monetaria europea, rispettando i vincoli imposti dal cosiddetto patto di stabilità interno, il quale richiede di dimostrare, a tutti i livelli istituzionali, processi virtuosi di contenimento della spesa pubblica, senza che ciò vada, peraltro, a discapito degli standard quali - quantitativi dei servizi pubblici offerti, con riferimento ai quali, il nostro Paese presenta anzi un gap da colmare rispetto agli altri partner europei.
Ciò accentua l'importanza di un concreto processo di riforma, indispensabile per mettere gli enti in condizione di superare positivamente l'apparente paradosso con cui si devono misurare: produrre progressivamente di più e meglio avendo sempre meno risorse a disposizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE È evidente come, negli ultimi anni, le riforme normative e le tendenze evolutive del sistema istituzionale pubblico del nostro Paese abbiano portato alla crescita dell’autonomia politica, organizzativa, gestionale e finanziaria delle amministrazioni locali. A ciò ha corrisposto una crescente responsabilità degli amministratori locali per le scelte operate, sia in termini di risorse assorbite dalla Comunità, che in termini di servizi e prestazioni erogate alla stessa. Infatti, la riforma in chiave aziendale degli Enti locali tende a garantire soddisfacenti livelli di efficacia e di efficienza dei servizi pubblici locali, attraverso il miglioramento della capacità di individuare e di soddisfare i bisogni dei cittadini amministrati unito al miglioramento della capacità di acquisire e utilizzare economicamente le risorse pubbliche. Le indicate esigenze, di per sé fondamentali, sono tanto più avvertite nell'attuale contesto, in cui si tratta di concorrere alla permanenza del Paese nell'Unione monetaria europea, rispettando i vincoli imposti dal cosiddetto patto di stabilità interno, il quale richiede di dimostrare, a tutti i livelli istituzionali, processi virtuosi di contenimento della spesa pubblica, senza che ciò vada, peraltro, a discapito degli standard quali - quantitativi dei servizi pubblici offerti, con riferimento ai quali, il nostro Paese presenta anzi un gap da colmare rispetto agli altri partner europei. Ciò accentua l'importanza di un concreto processo di riforma, indispensabile per mettere gli enti in condizione di superare positivamente l'apparente paradosso con cui si devono misurare: produrre progressivamente di più e meglio avendo sempre meno risorse a disposizione. Il presente lavoro vuole offrire un contributo all’analisi delle scelte di gestione dell’ente locale e, nel contempo, valutare l’operato in termini di efficacia 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Interlicchia Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2022 click dal 23/10/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.