Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Servizio Civile Nazionale: un caso ''riuscito'' di comunicazione istituzionale

La ricerca ha lo scopo di indagare alcuni aspetti del fenomeno del Servizio Civile Nazionale volontario; esperienza che ho vissuto come volontario e proseguita ricoprendo il ruolo di Delegato dei Volontari in Servizio Civile per la Regione Lazio. L’aspetto fondante dell’elaborato è la comunicazione istituzionale adottata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ufficio Nazionale per il Servizio Civile; una comunicazione istituzionale efficace è certamente la chiave principale del grande successo ottenuto in questi anni dal Servizio Civile Nazionale. Oltre alle campagne veicolate dai mass media, alle affissioni, alle pubblicazioni, l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile punta molto sul contatto diretto con i giovani che ritiene i suoi interlocutori privilegiati.
Il Servizio Civile Nazionale volontario è un fenomeno di recente istituzione, che già vanta un ruolo di primo piano all’interno dei processi politici e sociali del nostro Paese. Come erede naturale dell’obiezione di coscienza, si è sviluppato attraverso progetti finalizzati alla solidarietà, alla cooperazione e all’assistenza, suscitando l’interesse dei giovani italiani che per una anno della loro vita hanno la possibilità di agire in prima persona nel territorio in cui vivono attraverso un impegno civile e sociale.
Il Servizio Civile Nazionale volontario è un’occasione di crescita e di formazione per i giovani che decidono di prendervi parte; un mezzo concreto attraverso cui valutare le proprie capacità ed attitudini, acquisendo nuove esperienze professionali spendibili in un futuro lavorativo. Attraverso l’anno di Servizio Civile si apre la possibilità di vivere una concreta esperienza di “cittadinanza attiva”, che può tradursi in una valida opportunità di formazione e orientamento personale e professionale, tanto più importante in un momento cruciale della vita, caratterizzato da incertezza ed entusiasmo, paura di sbagliare e voglia di fare.
Il primo capitolo descrive l’evoluzione del Servizio Civile Nazionale; dall’obiezione di coscienza alla sua nascita ufficiale sancita dalla legge 6 marzo 2001 n. 64. Se ne indagano origini, lotte civili e trasformazioni sociali radicate nella storia del nostro Paese.
Il secondo capitolo approfondisce le finalità del Servizio Civile Nazionale; partendo dall’analisi del Simbolo identificativo si approfondirà il concetto di formazione e di rappresentanza dei giovani volontari (quest’ultima introdotta a partire dal 2006). Si illustra poi il contenuto della Carta di impegno etico stipulata tra l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile e gli Enti di Servizio Civile e che fissa i principi per garantire la buona riuscita di questa istituzione. Si prosegue nel raccontare il Servizio Civile vissuto come una scelta “concreta” di pace per finire con la descrizione del recente progetto “European Civic Service: A Common Amicus”, visto che il Servizio Civile in Italia si è rivelato efficace nel risolvere problemi comuni a tutte le società del mondo: il consolidamento della cultura civica tra i giovani.
Il terzo capitolo si basa sulle tecniche utilizzate per la buona riuscita di un messaggio pubblicitario: dal linguaggio al manifesto, passando per la creatività linguistica, lo slogan , il colore e il sonoro.
Il quarto capitolo descrive cos’è la comunicazione istituzionale. Le istituzioni agendo e sviluppandosi in una società, non possono non comunicare. Saranno evidenziati i concetti essenziali, le caratteristiche e i vari tipi di comunicazione istituzionale ed i piani di comunicazione.
Il quinto capitolo è dedicato alla comunicazione dell’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile. Saranno descritte manifestazioni ed eventi più rilevanti, pubblicazioni e prodotti multimediali e alcune iniziative dirette esclusivamente ai giovani volontari, come il “Festival degli ultracorti” del 2005 ed il “Concorso di idee per uno nuovo spot del Servizio Civile Nazionale” del 2007.
Il sesto capitolo descrive tutte la campagne informative dell’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile.
In Appendice è riportato un breve paragrafo sul Servizio Civile Nazionale in relazione ai recenti eventi calamitosi che hanno colpito la città di L’Aquila e di altre zone dell’Abruzzo alle ore 3:32 del 6 Aprile 2009.
La scarsa letteratura sul fenomeno del Servizio Civile Nazionale volontario ha costituito un ostacolo importante nella trattazione dell’argomento e spesso è stato necessario fare riferimento ad esperienze personali maturate nel corso degli anni.
L’accostarsi, quasi per caso, al mondo del volontariato, il percorso sociale, le conoscenze, le esperienze, la vicinanza e la compartecipazione condivise con gli altri addetti al lavori ha permesso una crescita professionale e soprattutto interiore.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE ________________________________________________________ La ricerca ha lo scopo di indagare alcuni aspetti del fenomeno del Servizio Civile Nazionale volontario; esperienza che ho vissuto come volontario e proseguita ricoprendo il ruolo di Delegato dei Volontari in Servizio Civile per la Regione Lazio. L‟aspetto fondante dell‟elaborato è la comunicazione istituzionale adottata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ufficio Nazionale per il Servizio Civile; una comunicazione istituzionale efficace è certamente la chiave principale del grande successo ottenuto in questi anni dal Servizio Civile Nazionale. Oltre alle campagne veicolate dai mass media, alle affissioni, alle pubblicazioni, l‟Ufficio Nazionale per il Servizio Civile punta molto sul contatto diretto con i giovani che ritiene i suoi interlocutori privilegiati. Il Servizio Civile Nazionale volontario è un fenomeno di recente istituzione, che già vanta un ruolo di primo piano all‟interno dei processi politici e sociali del nostro Paese. Come erede naturale dell‟obiezione di coscienza, si è sviluppato attraverso progetti finalizzati alla solidarietà, alla cooperazione e all‟assistenza, suscitando l‟interesse dei giovani italiani che per una anno della loro vita hanno la possibilità di agire in prima persona nel territorio in cui vivono attraverso un impegno civile e sociale. Il Servizio Civile Nazionale volontario è un‟occasione di crescita e di formazione per i giovani che decidono di prendervi parte; un mezzo concreto attraverso cui valutare le proprie capacità ed attitudini, acquisendo nuove esperienze professionali spendibili in un futuro lavorativo. Attraverso l‟anno di Servizio Civile si apre la possibilità di

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Gneffe Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2399 click dal 28/10/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.