Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto delle distribuzioni di difetti in applicazioni basate su architetture software web e tradizionali

defect location in traditional vs. web applications

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Al giorno d’oggi le applicazioni web-based vengono utilizzate per un grande numero di operazioni di importanza critica per la nostra vita e coinvolgono ogni campo, da quello commerciale, al divertimento, alla pubblica amministrazione, alla ricerca, al campo bancario, industriale e sanitario (per esempio, WebChess, PAFlow, Openbravo ERP, Manatee, Care2X). Le applicazioni web-based risultano però più complesse rispetto alle applicazioni tradizionali client/server perché le operazioni di realizzazione, comprensione e manutenzione possono risultare estremamente critiche. Tipicamente un’applicazione web è basata su un’architettura complessa che comprende differenti ed eterogenee componenti: un interfaccia client, uno o più programmi server, controlli ActiveX, servlet Java, scripts, DBMS, una struttura di navigazione ecc. Altre proprietà da tenere presente e che complicano ulteriormente le cose sono: la sicurezza, la sessione e l’autenticazione. L’utilizzo cosi diffuso delle applicazioni web ha determinato la necessità di ricercare metodologie e tecniche per migliorare la qualità (stabilità, sicurezza ecc.) di queste applicazioni. Buona parte delle tecniche proposte (ad esempio [1, 11, 12, 13]) riguarda tecniche di validazione e verifiche volta a prevenire o individuare bug. Tuttavia la specifica natura dei bug delle applicazioni web-based non è mai stata esplicitamente studiata e confrontata con quella delle applicazioni tradizionali client/server. Questo potrebbe aiutare a capire dove e come concentrare gli sforzi di test e verifica per applicazioni web. Quindi, con questa tesi si è definito ed effettuato un esperimento che cerca di colmare questa lacuna. Con questo lavoro di tesi si è confrontato un set rappresentativo dei bug reali di dieci diversi prodotti software “simili”, cinque web-based e cinque tradizionali client/server, al fine di studiare le differenze tra diverse distribuzioni di bug e la tipicità dei bug di applicazioni web. In quest’ottica, la tesi ha come scopo lo studio delle distribuzioni dei bug tramite un esperimento in cui i bug di diverse applicazioni (con UI web o tradizionali) sono classificati secondo una tassonomia. I principali obiettivi della tesi sono: ¾ Tramite un esperimento, confermare o rifiutare l’ipotesi secondo cui, l’Interfaccia utente (piuttosto che il livello “Dati” o “Business Logic”) delle applicazioni web-based in quanto più complessa, risulta essere anche maggiormente difettosa (con il più alto numero di bug). ¾ Svolgere l’esperimento seguendo un’accurata analisi empirica che permetta poi di ripetere l’esperimento in altri gruppi di ricerca. Con questo obiettivo si è: 1) specificato il motivo per cui l’esperimento è stato svolto (l’oggetto dello studio,

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Erion Vito Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 407 click dal 09/11/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.