Skip to content

Le vie della persuasione. Parole, immagini e le fabbriche del desiderio

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Ambrosio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Cristina Marras
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

Oggetto del lavoro è la pubblicità nei suoi aspetti seduttivi e manipolativi, aspetti per i quali l'arte del persuadere assume un ruolo fondamentale. Manipolazione e seduzione mettono in gioco inoltre anche un aspetto etico della pubblicità, aspetti negativi e pericoli che possono derivare da questa seduzione e manipolazione. Questi aspetti vengono considerati soprattutto in riferimento al tema della rappresentazione dell'immagine della donna in pubblicità, rappresentazione spesso svilente e stereotipata, che tratta il corpo come una merce e riduce la donna a un semplice oggetto.

L'obiettivo principale è quello di mostrare quali meccanismi e strumenti il testo pubblicitario metta in atto per far nascere emozioni e sedurre, per creare falsi bisogni e nuovi, continui, desideri, per veicolare sensi nascosti.

L’analisi si concentra in particolare sulle strategie retoriche e manipolative, sui meccanismi connotativi e i processi di valorizzazione dei consumi. Si intende ripercorrere il processo della costruzione di senso tramite l'analisi delle immagini, delle modalità e delle strategie di significazione. Ciò che interessa è come si costruisce un messaggio persuasivo, quali sono le tecniche utilizzate in vista della persuasione, quali elementi determinano un effetto di persuasione e come sono organizzati questi elementi e quindi come una disciplina antica come la retorica trovi applicazione nelle moderne tecniche di composizione del messaggio pubblicitario.

Questa tesi inserisce il discorso sulla pubblicità in una prospettiva “bilaterale” che cerca di tener conto da un lato dell'emittente del messaggio pubblicitario e delle tecniche di produzione, dall’altro dell' interpretazione del messaggio e delle possibili influenze che esso può avere sul ricevente.
Nel lavoro, si è cercato di coniugare l’analisi dei testi pubblicitari con le categorie d’analisi semiotiche e retoriche. La produzione pubblicitaria è inserita nel più ampio contesto dell'argomentazione in un percorso che va dalla retorica classica fino ad arrivare alla Nuova retorica di Perelman e Olbrechts-Tyteca per poi estendere gli elementi principali della retorica a immagini e parole.
La discussione sulla rappresentazione dei generi in pubblicità ha tenuto conto delle attuali discussioni, affrontate soprattutto in Europa, circa l'uguaglianza tra i generi. Il tema della rappresentazione dell'immagine della donna in pubblicità è stato affrontato anche attraverso il commento e l’analisi del Codice di Autodisciplina Pubblicitaria. Nel Codice vengono analizzati gli articoli riferiti alla salvaguardia della dignità della persona e della sensibilità, delle credenze, delle convinzioni, dei consumatori.

Conclusioni
L’analisi di alcune tecniche retoriche utili per la costruzione di un'argomentazione efficace ha consentito di evidenziare l'uso che di tali tecniche viene fatto in pubblicità e dunque quali siano gli elementi che determinano un effetto di persuasione, come sono organizzati questi elementi e come una disciplina antica come la retorica trovi applicazione nelle moderne tecniche di composizione del messaggio pubblicitario.
La rappresentazione dei generi in pubblicità mostra come si costruisce l'immagine dei generi basandosi su ciò che è convenzionalmente approvato dalla società: si assiste così ad una standardizzazione, semplificazione ed esagerazione dei ruoli di genere.
L'analisi condotta nella tesi ha evidenziato il divario tra le istanze etiche quali quelle sancite per esempio dal Codice di Autodisciplina Pubblicitaria e la reale rappresentazione della figura femminile. In particolare è emerso quanto si necessiti ancora di elaborate e approfondite ricerche in questa direzione e di un confronto con il dibattito in corso negli altri paesi europei.
Questo lavoro riconferma il fatto che il discorso pubblicitario mette in atto strategie seduttive più che informative, ed è legato al sogno più che al bisogno. La comunicazione pubblicitaria elimina l'informazione sul referente-prodotto, a favore di una narrazione connotativa-emozionale che rimanda agli aspetti più immateriali e profondi della merce. Quest'ultima è rappresentata come appetibile con lo scopo di innescare nella mente del consumatore il meccanismo del desiderio di un determinato prodotto. Da oggetto utile, la merce diviene oggetto desiderabile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questo lavoro discute gli aspetti manipolativi e seduttivi della pubblicità; aspetti per i quali l'arte del persuadere assume un ruolo fondamentale. L'obiettivo principale è quello di mostrare quali meccanismi e strumenti il testo pubblicitario metta in atto per investire di valore degli oggetti, per far nascere emozioni e sedurre, per creare falsi bisogni e nuovi, continui, desideri, per veicolare sensi nascosti. L’analisi si concentra in particolare sulle strategie retoriche, sui meccanismi connotativi e i processi di valorizzazione dei consumi, le strategie manipolative. Si intende ripercorrere il processo della costruzione di senso tramite l'analisi delle immagini, delle modalità e delle strategie di significazione. Questa tesi inserisce il discorso sulla pubblicità in una prospettiva 'bilaterale' che cerca di tener conto da un lato dell'emittente del messaggio pubblicitario e delle tecniche di produzione, dall’altro dell' interpretazione del messaggio e delle possibili influenze che esso può avere sul ricevente. Manipolazione e seduzione mettono in gioco inoltre anche un aspetto etico della pubblicità: aspetti negativi e pericoli che possono derivare da questa seduzione e manipolazione. Questi aspetti vengono considerati soprattutto in riferimento al tema della rappresentazione dell'immagine della donna in pubblicità, rappresentazione spesso svilente e stereotipata, che tratta il corpo come una merce e riduce la donna a un semplice oggetto. Il tema della rappresentazione della donna verrà affrontato anche attraverso il commento e l’analisi del Codice di Autodisciplina Pubblicitaria. A tale proposito in conclusione del lavoro, viene riportata un’Appendice legislativa. Metodologicamente, nel lavoro, si è cercato di coniugare l’analisi dei testi pubblicitari con le categorie d’analisi semiotiche e retoriche. L'analisi semiotica della pubblicità si è rivelata utile per

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

advertisin
analisi del messaggio pubblicitario
analisi semiotica
c.a.p.
codice di autodisciplina pubblicitaria
comunicazione
comunicazione pubblicitaria
donna
donna oggetto
figure retoriche in pubblicità
persuasione
pubblicità
pubblicità al femminile
rappresentazione della donna
retorica
semiotica
stereotipi di genere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi