Skip to content

La catalogazione dei beni culturali sul percorso della Via Francigena: asset primari e aspetti sconosciuti del patrimonio storico-artistico europeo

Informazioni tesi

sviluppo turistico territoriale e valorizzazione dei beni culturali
  Autore: Caterina Rota
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2008
Docente/Relatore: Carla Cropera
Istituito da: Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e Cremona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

Seguendo l'antico percorso per le regioni europee dell'Abate Sigerico nell'anno 990 d.c. si analizzano e si catalogano i beni cuturali presenti nelle diverse tappe-submasiones.
E' un lavoro che tende a incentivare il turismo religioso sulla Via Francigena, con lla creazione di una serie d'itinirari turistici a livello locale e interregionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questo project Work, nasce dall’esigenza, per i responsabili dell’ Associazione Europea delle Vie Francigene, di censire e definire i caratteri del Patrimonio Culturale sul percorso europeo. Il percorso europeo, toccato dall’Abate Sigerico nell’Anno 990, ha come tappa iniziale Canterbury, nella regione del Kent e prosegue con Dover, il porto d’imbarco per la regione del Nord Pas de Calais, in Francia. Si prosegue nella regione della Piccardia, nella regione dello Champagne –Ardenne e nella Franca Contea, per poi raggiungere il territorio svizzero nel cantone di Vaud e nel Cantone Vallese, attraversando il Passo del Gran San Bernardo e arrivando in Italia. Questa rilevazione dei beni culturali europei è circoscritta al Kent, alla Francia e ai Cantoni di Vaud e Vallese e non è intesa solo come una catalogazione fine a se stessa, ma come una proposta di una serie di itinerari culturali- religiosi locali, regionali e sub-regionali sotto il più importante itinerario culturale della Via Francigena. Il patrimonio è inestimabile: la tradizione religiosa si confronta con il Protestantesimo, musei di Belle Arti sono accostati a musei di nicchia o particolari, la sofferenza dell’uomo è declinata nella versione del duro lavoro in miniera o nel rimpianto per le vite morte durante le due guerre mondiali. Nel contempo, sono presenti ben tre siti del World’s Heritage dell’Unesco (Canterbury, Reims e Chalons en Champagne ) e uno che ha fatto domanda ( “ The Work of Vauban “ per le Cittadelle di Arras e di Besancon ) che fanno da richiamo per il turismo culturale in questi ambiti territoriali, svantaggiati dalla vicinanza spaziale alle due capitali, Londra e Parigi. La catalogazione e il censimento del Patrimonio storico-artistico-culturale europeo non è inteso ( secondo la mia prospettiva e metodo di analisi) come una descrizione, sintetica o particolareggiata a seconda dei casi, ma come un’ulteriore conoscenza del tessuto regionale europeo a valenza turistica, fortemente inserita e interconnessa al turismo religioso che a sua volta è strettamente congiunto al pellegrinaggio ( essendo inserito sul percorso della Via Francigena ) e al turismo culturale. Questi tre modelli di turismo: pellegrinaggio, turismo religioso e culturale non tendono a sminuirsi l’uno con l’altro ma a entrare in forte connessione fra di loro, per attuare politiche di marketing turistico finalizzato alla conoscenza delle nostre comuni radici religiose re culturali. I siti di gran prestigio della cultura europea sono allo stesso tempo la culla della religione cristiana in aree periferiche dell’antico Impero Romano in disfacimento o delle neonate civiltà barbariche assunte a livelli embrionali o forme regie di governo. La religione cristiana ha significato l’accettazione e l’instaurarsi di processi accentrativi di governo per gli imperatori romani da Costantino in poi (313 d.c. ) e dopo lo sfaldamento della compagine imperiale, di re barbari locali dislocati nelle diverse aree europee che hanno saputo affermarsi sui rivali e instaurare processi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abate sigerico
beni culturali
catalogazione dei beni culturali
metodologia di catalogazione
via francigena
world's heritage unesco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi