Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Anelli - Paralleli percettivi tra mastico e mistico

La tesi verterà sulle analogie estetiche tra gastronomia ed atto del fumare, come specialmente locate in tre diverse “sedi dell’esigenza” (fisiologica, psicologica, sociale.).
Dopo una breve introduzione, nel capitolo I si tratterà infatti una comparazione diretta dell’esperienza del fumo e della gastronomia secondo ciò che accade nei diversi domini dell’esigenza umana, nelle motivazioni intime quindi, a questo genere di oggetti Inizialmente da un punto di vista fisiologico-evolutivo, di soddisfazione psicologica quindi che si concretizzi in una figura autoreferenziale e curiosa d’esperienza esercitata delineata come “demiurgica”; ed infine considerando il dominio sociale, ed in esso le motivazioni ed i fini dell’esperire delle attività che sono motore della ricerca, secondo un aspetto storico-geografico di diffusione dei generi voluttuari, in seguito come creazione di modelli condivisi e trasmissione verticali di questi tra strati diversi d’una popolazione.
Il capitolo II, considerati i tre domini dell’esigenza come sedi d’interazione, realizzato come se non in casi gravemente patologici le tre sedi dell’esigenza concorrano contemporaneamente alla soddisfazione dell’individuo; identificherà un modello di coordinazione delle diverse sedi dell’esigenza: la Maschera Trigona, plasmata dagli studi su M. Mauss. Essa è l’unione da reciproca influenza delle tre forze finora citate che trasformando input come “irritazioni esterne” agiscono sul movimento e sullo status dell’uomo, come intesi nei loro sensi più ampi. Si concluderà, dopo aver formulato diverse ipotesi sull’applicazione della Maschera Trigona agli oggetti in analisi, con il caso pratico della fattispecie abbinamento whisky-sigaro.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Respirare e deglutire sono forme diverse dell’assorbimento. Accettare nel corpo un’accusa estranea allo stesso corpo, che funga da nutrire o chissà cosa, è l’atto d’importanza primordiale. In istanti storici d’ignoranza dell’Attorno, scegliere cosa introdurre in sé stessi é il primo passo verso un’acquisizione del mondo: la funzione della nutrizione primigenia, l’allattamento, la crescita dei denti e il morso, il suo atto – accostare la bocca e sorbire, la suzione – fanno parte dell’Esperienza di crescita come rush iniziale di consapevolezza dell’altro-da-sé. La fase orale, si direbbe in termini psicanalitici, partendo dall’assolvere una funzione puramente fisiologica diventa prima sonda del circostante: con i sensi del gusto, il tatto, l’olfatto come strumenti di coscienza, conoscenza e poi d’allarme, di conseguenza; si assolvono i contatti iniziali con ciò che sta vicino, la formazione del gusto è subito inconscia e legata alle spinte della specie, si ricerca il dolce lattosio materno, l’amaro del veleno risulta sgradito ai bambini d’animale. Ricercare ciò che piace è Ricercare ciò che è bene, com’è ovvio Nascita. Pianto. Respiro. Un impulso dettato dall’evoluzione e dalla necessità, com’è per il primo pasto [Uscire al mondo è respirare: stare al mondo sarà: da subito, mangiare. Derubati del cordone ombelicale e d’una magica apnea amniotica, gli umani subiscono una deprivazione traumatica delle dipendenze sicure della gestazione per rompere nel mondo, della sopravvivenza: con il pianto – il primo respiro, dispiegare i polmoni La prima poppata. Respirare. La respirazione cellulare è, seguendo i cicli della respirazione corporea e del nutrimento, il punto di congiunzione più ovvio che rende le due attività necessariamente complementari; l’energia in energia, trasformazione, energia. La bocca, l’olfatto, il gusto dell’aria e del cibo rappresentano però un altro centro di contatto, alternativo e più immediato a chi si appresta a farsi grande: lo strumento dell’introduzione, che già è l’orifizio comune a vie aeree ed apparato digerente, gode d’uno status speciale di ubiquità sensoriale e d’uso, per la sua capacità di percepire equamente le forme, il

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Gastronomiche

Autore: Giovanni Puglisi Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 633 click dal 05/11/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.