Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Centri di permanenza temporanea e centri di identificazione. Un'analisi giuridico - sociale.

Il lavoro prende in considerazione il fenomeno della detenzione degli immigrati all'interno dei Centri di Permanenza Temporanea all'arrivo in italia.
Il fenomeno è affrontato dal punto di vista legislativo, strutturale e psico - sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Oggetto principale di questo lavoro saranno i CPTA (Centri di Permanenza Temporanea ed Assistenza) e i CdI (Centri di Identificazione). Si prenderà in considerazione il fenomeno in modo totale, non solo attraverso delle scelte di governo, dal momento che tutti i governi, in questo, come in tanti altri argomenti, hanno una grossa responsabilità da entrambe le parti, relativamente alla vita e alla sopravvivenza di tali centri, ma anche attraverso un rapporto con la concretezza della realtà, con la realtà delle strutture, con quella dei casi e con quella dei volti e delle persone. I CPTA rappresentano la concretizzazione della concezione chiusa e poco malleabile che la nostra società, italiana ed europea, ha ancora nei confronti dello straniero, considerandolo come “alieno” e non riuscendo ancora a creare delle efficaci politiche inclusive e di integrazione. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Miriana Bellifemine Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1701 click dal 13/11/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.