Skip to content

I siti toscani dell'Unesco

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Speranzi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e gestione dei servizi turistici
  Relatore: Lorenzo Becattini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

Con il presente lavoro si è voluto mostrare il funzionamento dell’Unesco, il suo ruolo nell’ambito del turismo internazionale, nazionale, ed in particolar modo per ciò che concerne i siti toscani (Firenze, Siena, Piazza dei miracoli a Pisa, San Gimignano, Pienza, ed infine la Val d’Orcia).
Nel primo capitolo si illustrano brevemente la storia, la definizione del patrimonio dell’Unesco, ed i suoi dati quantitativi.
Successivamente si analizza la convenzione del 1972, incentrata sulla salvaguardia, tutela e protezione dei beni culturali e naturalistici del mondo. Gli stati membri che hanno ratificato la convenzione uniscono le loro forze, attraverso degli organi comuni che vanno a formare l’organizzazione interna, per sostenere, preservare, e promuovere . In essa inoltre sono presenti le definizioni di sito culturale, naturale, e misto.
In seguito si focalizza la fase della candidatura delle diverse località che vogliono diventare patrimonio dell’Unesco. Si elencano i criteri che un luogo deve possedere per entrare in tal elenco. La proposta di candidatura segue un iter preciso in cui la documentazione inviata dalla località deve essere analizzata secondo vari criteri. Oltretutto la parte interessata deve proporre anche un piano di tutela e di gestione del sito. Dopodiché si elencano gli organismi di riferimento sia nazionali sia internazionali esplicando brevemente le loro funzioni.
Nel capitolo successivo si analizzano i siti toscani che sono patrimonio dell’Unesco. Per ognuno di essi, in seguito ad una breve presentazione, si individuano i criteri e le motivazioni per il quale è stato scelto. Si descrive inoltre il bene o insieme di beni culturali o naturali presi in considerazione come i centri storici, la Piazza dei miracoli ed il sito misto della Val d’Orcia.
Nel terzo capitolo si osserva il trend turistico delle località minori toscane patrimonio dell’Unesco, in altre parole: Pienza, San Gimignano, e la Val d’Orcia. Sono state scelte queste località “minori” poiché è maggiormente visibile l’incidenza dell’entrata nel suddetto elenco rispetto a località di maggiori dimensioni e maggior afflusso turistico come Firenze, Siena e Pisa, dove entrano in gioco numerose altre variabili.
Per ottenere queste informazioni sono state effettuate delle interviste sul campo a dei funzionari specializzati del settore, che hanno fornito dati reali e concreti oltre alle impressioni della gente del luogo.
Infine si citano le nuove proposte sempre inerenti alla toscana, come il centro storico di Lucca, il centro storico ed il paesaggio di Volterra, il bacino del marmo di Carrara, il santuario dei cetacei “pelagos”, e brevemente introdotto il sito delle ville Medicee.
Per concludere si esaminano i reali vantaggi e svantaggi, (legati in particolare alla sostenibilità), che l’inclusione nell’elenco del patrimonio dell’Unesco comporta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 -INTRODUZIONE Con il presente lavoro si è voluto mostrare il funzionamento dell’Unesco, il suo ruolo nell’ambito del turismo internazionale, nazionale, ed in particolar modo per ciò che concerne i siti toscani (Firenze, Siena, Piazza dei miracoli a Pisa, San Gimignano, Pienza, ed infine la Val d’Orcia). Nel primo capitolo si illustrano brevemente la storia, la definizione del patrimonio dell’Unesco, ed i suoi dati quantitativi. Successivamente si analizza la convenzione del 1972, incentrata sulla salvaguardia, tutela e protezione dei beni culturali e naturalistici del mondo. Gli stati membri che hanno ratificato la convenzione uniscono le loro forze, attraverso degli organi comuni che vanno a formare l’organizzazione interna, per sostenere, preservare, e promuovere queste località considerate patrimonio mondiale. In essa inoltre sono presenti le definizioni di sito culturale, naturale, e misto. In seguito si focalizza la fase della candidatura delle diverse località che vogliono diventare patrimonio dell’Unesco. Si elencano i criteri che un luogo deve possedere per entrare in tal elenco. La proposta di candidatura segue un iter preciso in cui la documentazione inviata dalla località deve essere analizzata secondo vari criteri. Oltretutto la parte interessata deve proporre anche un piano di tutela e di gestione del sito. Dopodiché si elencano gli organismi di riferimento sia nazionali sia internazionali esplicando brevemente le loro funzioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

centro storico
commissione
convenzione
dati turistici
economia
economia del turismo
firenze
patrimonio culturale
patrimonio naturale
patrimonio umanità
piazza dei miracoli
pienza
pisa
san gimignano
siena
siti
statistiche turistiche
toscana
turismo
turismo toscana
turismo unesco
turisti
unesco
val d'orcia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi