Skip to content

La sindrome da deficit d'attenzione e iperattività: il caso Bologna

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Casini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze antropologiche
  Relatore: Ivo Quaranta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

Il presente testo nasce da uno studio riguardante il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (Attention Deficit Hyperactivity Disorder, nel testo: adhd) in relazione ad una complessa vicenda locale; il Caso Bologna.
Ad inizio febbraio del 2008, scoppia il Caso Bologna: a seguito della denuncia dell'associazione Giù le Mani dai Bambini la Procura della Repubblica di Bologna ha aperto un fascicolo informativo, dando incarico ai NAS di approfondire gli eventuali estremi di reato circa l'attività delle associazioni di genitori (Agap) che sollecitano l'uso di psicofarmaci per i bambini agitati e distratti e che "migrano" dalla propria ASL ad altre strutture alla ricerca di ricette più facili da ottenere.
L'interesse dello studio verte sull'analisi delle dinamiche processuali che hanno posto in essere il Caso Bologna, indagando le politiche relazionali tra gli attori sociali coinvolti in questo evento locale e contingente al già intenso ed esteso dibattito globale relativo alla sindrome ADHD.
Le interviste che ho realizzato sono per di più dirette agli operatori sanitari coinvolti dalle indagini, in particolare delle asl di Bologna e San Donà di Piave, le dirette interessate nel Caso Bologna.
Il clamore che ha seguito l'esplosione del Caso Bologna ha purtroppo reso problematico intervistare molte delle madri dei bambini coinvolti. Fondamentali sono stati i contributi di psicologi e dottori che hanno discusso della sindrome con inaspettata consapevolezza delle dinamiche che concorrono alla creazione e alla legittimazione della categoria diagnostica in questione.
Nonostante la crescente diffusione della popolarità della sindrome ADHD, fenomeno che ha avuto il suo epicentro in nord America per poi diffondersi nel contesto europeo, l'accettazione e la gestione di questa dibattuta categoria medica in Italia sta seguendo un suo percorso peculiare, che emerge dalle idiosincrasie nazionali e regionali della nostra penisola immerse nelle coordinate storiche attuali. In Italia il dibattito attorno al fenomeno adhd si è formato all'interno di modelli educativi, pratiche cliniche, atteggiamenti, tradizioni psichiatriche peculiari della nostra penisola.
Mancano ad oggi in ambito sociologico e antropologico studi che indaghino le diverse realtà nazionali e regionali del fenomeno ADHD, a maggior ragione in un paese come il nostro dove assistiamo ad una forte differenziazione a livello regionale delle realtà mediche e culturali coinvolte nel riconoscimento ed accettazione della sindrome come categoria medica.
Nel corso di questo breve trattato cercherò di esporre ed approfondire i principali fattori che hanno posto in essere l'acceso dibattito italiano sulla sindrome adhd, ragionando, insieme ai diretti interessati, sulle dinamiche alla base della genesi del Caso Bologna.
Vedremo come le polemiche e i contrasti emergenti da una situazione locale come il Caso Bologna riflettano le ben più vaste tematiche globali attualmente in corso riguardo la sindrome ADHD: il problema della tradizione psicodinamica rispetto a quella neurobiologica, il discusso utilizzo di psicofarmaci in età infantile, la necessità di prove organiche per la validità ontologica della patologia psichiatrica, il gap esplicativo delle neuroscienze, la medicalizzazione del comportamento deviante, il ruolo del bambino come recente categoria antropologica e tante altre prospettive emerse nel corso dei colloqui con gli attori sociali coinvolti dal Caso Bologna.
Uno degli scopi più rilevanti di questo breve studio è quello di mostrare come l'analisi di eventi significativi su scala locale, come la realtà di Bologna, possa essere utile nel comprendere che la gestione e l'utilizzo di una categoria diagnostica e del trattamento relativo possano prendere forma da specifici contesti culturali, attitudini e pratiche sociali proprie di un determinato paese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente testo nasce da uno studio riguardante il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (Attention Deficit Hyperactivity Disorder, nel testo: adhd) in relazione ad una complessa vicenda locale; il Caso Bologna. Ad inizio febbraio del 2008, scoppia il Caso Bologna: a seguito della denuncia dell'associazione Giù le Mani dai Bambini la Procura della Repubblica di Bologna ha aperto un fascicolo informativo, dando incarico ai NAS di approfondire gli eventuali estremi di reato circa l'attività delle associazioni di genitori (Agap) che sollecitano l'uso di psicofarmaci per i bambini agitati e distratti e che "migrano" dalla propria ASL ad altre strutture alla ricerca di ricette più facili da ottenere. L'interesse dello studio verte sull'analisi delle dinamiche processuali che hanno posto in essere il Caso Bologna, indagando le politiche relazionali tra gli attori sociali coinvolti in questo evento locale e contingente al già intenso ed esteso dibattito globale relativo alla sindrome ADHD. Le interviste che ho realizzato sono per di più dirette agli operatori sanitari coinvolti dalle indagini, in particolare delle asl di Bologna e San Donà di Piave, le dirette interessate nel Caso Bologna. Il clamore che ha seguito l'esplosione del Caso Bologna ha purtroppo reso problematico intervistare molte delle madri dei bambini coinvolti. Fondamentali sono stati i contributi di psicologi e dottori che hanno discusso della sindrome con inaspettata consapevolezza delle dinamiche che concorrono alla creazione e alla legittimazione della categoria diagnostica in questione. Nonostante la crescente diffusione della popolarità della sindrome ADHD, fenomeno che ha avuto il suo epicentro in nord America per poi diffondersi nel contesto europeo, l'accettazione e la gestione di questa dibattuta categoria medica in Italia sta seguendo un suo percorso peculiare, che emerge dalle idiosincrasie nazionali e regionali della nostra penisola immerse nelle coordinate storiche attuali. In Italia il dibattito attorno al fenomeno adhd si è formato all'interno di modelli educativi, pratiche cliniche, atteggiamenti, tradizioni psichiatriche peculiari della nostra penisola. Mancano ad oggi in ambito sociologico e antropologico studi che indaghino le diverse realtà nazionali e regionali del fenomeno ADHD, a maggior ragione in un paese come il nostro dove assistiamo ad una forte differenziazione a livello regionale delle realtà mediche e culturali coinvolte nel riconoscimento ed accettazione della sindrome come categoria medica. Nel corso di questo breve trattato cercherò di esporre ed approfondire i principali fattori che hanno posto in essere l'acceso dibattito italiano sulla sindrome adhd, ragionando, insieme ai diretti interessati, sulle dinamiche alla base della genesi del Caso Bologna.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adhd
attention deficit
bologna
ddai
deficit attenzione
disattenzione
giù le mani dai bambini
hyperactivity
indaco
iperattività
ipercinetico
ritalin

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi