Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Controsoffitto e clean rooms. Requisiti e prestazioni che portano all'innovazione tecnica: il caso delle clean rooms e lo sviluppo di un settore specializzato di mercato

Questa tesi nasce da un interesse personale verso il settore dei controsoffitti, che solo apparentemente rivestono un ruolo marginale nel panorama costruttivo.
Il lavoro è iniziato con la ricerca di informazioni sugli aspetti produttivi, sulle tecniche e sulle tendenze del controsoffitto che ha permesso di definirne il ruolo e, soprattutto, ha consentito di individuarne i requisiti e le prestazioni. La continua evoluzione tecnologica dell’intero involucro edilizio e l’aumento degli impianti presenti in esso ( in particolare negli edifici ad uso terziario o industriale ) modificano la funzione del controsoffitto e rendono molto lunga la lista delle richieste che esso deve soddisfare in termini prestazionali. Il soddisfacimento di queste esigenze porta inevitabilmente ad una evoluzione tecnologica del controsoffitto, che diventa sempre più complesso.
Le prestazioni che il controsoffitto deve fornire sono numerose ed è impossibile che un unico sistema sia in grado di garantirle tutte contemporaneamente; è per questo motivo che il controsoffitto cambia nella funzione e nella tecnologia costruttiva diventando altamente specializzato
Se l’aumento delle prestazioni da fornire determina un notevole cambiamento - concettuale e tipologico - nel controsoffitto, è ipotizzabile infatti che debbano necessariamente modificarsi ed evolvere anche la sua produzione e progettazione.
La ricerca, per questo, è stata volontariamente orientata nella verifica dell’esistenza di un settore specializzato nella produzione, fornitura, progettazione e costruzione del controsoffitto ad elevate prestazioni.
Una volta individuato questo settore, ho cercato di definirne i protagonisti e l’organizzazione.
L’interesse che ha mosso la ricerca delle specializzazioni produttive è motivato dalla seguente ipotesi iniziale: se a ciascuna particolare specializzazione del controsoffitto, individuata nel suo vasto panorama produttivo, corrisponde un altrettanto specializzato settore di produzione e progettazione, questo dovrebbe presentare caratteristiche di nicchia specializzata di mercato.

Il metodo di lavoro seguito nella ricerca si riflette sull’impostazione della tesi, che è stata suddivisa in due parti.
La prima parte ha la funzione di approfondire la conoscenza dell’elemento Controsoffitto; in essa sono definiti il controsoffitto e gli elementi che solitamente lo compongono ed illustrate le tecnologie impiegate nella realizzazione ( quindi le principali tipologie costruttive ).
Al termine di questa prima parte sono state, infine, individuate le prestazioni abitualmente fornite dai controsoffitti più comuni e le innovazioni introdotte per soddisfare i nuovi requisiti imposti al controsoffitto ed alle altre parti d’opera.
Tra le innovazioni e le specializzazioni introdotte nel controsoffitto sono state individuate con particolare attenzione quelle relative alle prestazioni acustiche, al rapporto tra controsoffitto ed impianti,..., alla facilità e rapidità di posa ed infine al comportamento igienico ( nei suoi molteplici aspetti ) e rispetto alla purezza dell’aria.
Nella tesi tuttavia non sono state approfondite queste prestazioni, pur se interessanti, perchè sono ampiamente sviluppate nella grande produzione e distribuzione e non costituiscono quindi una nicchia di mercato ma piuttosto un livello di specializzazione ‘minimo’ fornito dai controsoffitti moderni.

Alla ricerca delle nicchie di mercato è stata invece approfondita la problematica relativa al comportamento igienico di un controsoffitto ed in particolare al suo rilascio di polveri. La motivazione di questa particolare scelta è da ricercare nell’individuazione, all’interno della documentazione tecnica fornita dai produttori ‘commerciali’, di pochissimi controsoffitti con particolari prestazioni igieniche o di rilascio di particelle, consigliati per l’impiego all’interno di ambienti sterili o con particolari richieste igieniche e/o di contaminazione dell’aria.

Nella seconda parte della tesi si sono quindi affrontate le problematiche relative alle polveri ed ai microrganismi.
Più in generale sono state individuate le Clean Rooms come argomento interessante e da approfondire per comprendere la specializzazione del controsoffitto.
Considerando questo particolare settore sono state fatte due riflessioni.
La prima è volta a comprendere l'importanza di questi particolari ambienti produttivi imposti dalla richiesta di prodotti tecnologicamente avanzati.
La seconda considera la Clean Room quale 'prodotto' ed ambiente con esigenze costruttive estranee al comune settore edile, costituita da pareti, pavimenti, impianti,..., e controsoffitti specializzati nella progettazione, produzione e realizzazione.
Sulla base di queste riflessioni è stata formulata e dimostrata l'ipotesi dell'esistenza nel settore dei controsoffitti di un settore specializzato, con caratteristiche di nicchia, con produttori e progettisti specializzati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questa tesi nasce da un interesse personale verso il settore dei controsoffitti, che solo apparentemente rivestono un ruolo marginale nel panorama costruttivo. L’interesse è in parte giustificato anche da una tradizione familiare in questo settore. La mia iniziale conoscenza di base su questo argomento ha alimentato una ricerca di documentazione sulla funzione e sulle tecniche costruttive di questo elemento tecno- logico. Il lavoro è iniziato quindi con l’approfondimento dell’informazione sugli aspetti produttivi, sulle tecniche e sulle tendenze del controsoffitto. Questo approfondimento ha permesso di definire il ruolo (attuale e meno recente) del controsoffitto e, soprattutto, ha consentito di individuarne i requisiti e le prestazioni. Infatti la continua evoluzione tecnologica dell’intero involucro edilizio e l’aumento, nel numero, degli impianti presenti in esso ( in particolare negli edifici ad uso terzia- rio o industriale ) modificano la funzione del controsoffitto e rendono molto lunga la lista delle richieste che esso deve soddisfare in termini prestazionali. Il soddi- sfacimento di queste esigenze porta inevitabilmente ad una evoluzione tecnologica del controsoffitto, che diventa sempre più complesso. Essendo molte le prestazioni che il controsoffitto deve fornire, infatti, è impossibile che un unico sistema sia in grado di garantirle tutte contemporaneamente. È per questo motivo che il controsoffitto cambia ( anche notevolmente ) nella funzio- ne e nella tecnologia costruttiva diventando altamente specializzato : bisogna inevita- bilmente scegliere quali prestazioni privilegiare rispetto alle altre. Ecco allora che il lavoro è proseguito nel tentativo di individuare, all’interno di un vasto panorama produttivo, quali sono le particolari specializzazioni del controsoffit- to, nonché le conseguenti tendenze evolutive nella sua tecnologia realizzativa e pro- duttiva.

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Patrizia Semeraro Contatta »

Composta da 425 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3916 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.