Skip to content

Il tribunale penale supremo iracheno

Informazioni tesi

  Autore: Antonia Fornaro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Marialuisa Alaimo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

Il Tribunale penale supremo iracheno, chiamato a giudicare i crimini commessi da Saddam Hussein e i membri del suo deposto regime, è stato istituito con atto della Coalition Provisional Authority il 10 dicembre 2003.
Nello Statuto, come vedremo, sono contenute le norme sull’organizzazione, la competenza e le modalità di funzionamento del Tribunale.
Esso è stato modificato nel 2005 ad opera dell’Assemblea legislativa irachena, nuovo organo costituito in esito alle elezioni condotte sotto il perdurante regime di occupazione straniera, modificazione che ha lasciato intatto il primitivo impianto, apponendo esclusivamente degli emendamenti.
Il percorso che ha portato all’ istituzione del Tribunale iniziò a seguito di un’azione intrapresa il 20 marzo dagli Stati Uniti che, insieme al Regno Unito, si mise alla guida di una coalizione di Stati, con la finalità di destituire il governo di Saddam Hussein, mutare il regime politico iracheno e fare giustizia dei crimini commessi dal suo dittatore . Il conflitto ebbe fine il 1° maggio 2003 a seguito della dichiarazione del Presidente americano di cessare le maggiori ostilità.
Cominciò allora un periodo di occupazione bellica sul territorio iracheno, da parte delle due principali Potenze della Coalizione, quelle anglo-americane, che vi istituirono un’Autorità transitoria di governo, la Coalition Provisional Authority (CPA).
Oltre all’analisi delle anomalie normative riconducibili allo Statuto, saranno affrontate, in questa sede, le problematiche relative alla legittimità e imparzialità del Tribunale iracheno, alla luce del fatto che da un punto di vista strettamente giuridico, di jus in bello, non si può certo sostenere che le Convenzioni di Ginevra del 1949 attribuiscano ad una potenza occupante il potere di dar vita a tribunali speciali per giudicare gli esponenti di un deposto regime.
Ad ogni modo appare condivisibile la posizione di chi sostiene che la situazione in cui versava l’Iraq all’indomani della fine dell’azione militare anglo-americana non lasciasse alternative ragionevoli al ricorso ad un tribunale creato ad hoc. Esclusa la competenza della Corte penale internazionale, non avendo le autorità irachene aderito allo Statuto di Roma, si sarebbe forse potuto però plasmare il tribunale iracheno per l’Iraq sui modelli di quelli ah hoc per la ex-Iuogoslavia e il Ruanda, oppure si sarebbe potuto ipotizzare un tribunale ibrido, categoria a cui appartengono quelli per la Sierra Leone, per la Cambogia, per il Kosovo e per Timor Est .
E’ stato, invece, istituito un tribunale interno composto esclusivamente da giudici di nazionalità irachena , prevedendo solo la possibilità, all’art. 6 dello Statuto, per il Presidente del Tribunale di nominare, persone non irachene di elevata considerazione morale, integrità ed imparzialità, in qualità di consiglieri o osservatori alle camere di primo grado. Il potere di chiamare esperti non iracheni è correlato alla facoltà di “request assistance from the international community, including the United Nations” .
Il Tribunale penale supremo iracheno è stato così istituito, con il fine di giudicare i crimini commessi dall’ex-Rais Saddam Hussein e dagli altri esponenti del governo Baath’ista, nel periodo compreso tra il 17 luglio 1968 ed il 1° maggio 2003, limiti temporali che rappresentano, da un lato, la presa del potere in Iraq da parte del partito Ba’ath e, dall’altro, la dichiarazione di cessazione “delle maggiori ostilità” da parte della Coalizione. Il 14 dicembre 2003, pochi giorni dopo l’entrata in vigore della costituzione, il leader iracheno, Saddam Hussein, già presidente dell’Iraq, fu catturato dalle Forze armate della Coalizione e sottoposto alla giurisdizione del Tribunale che lo condannò, il 5 novembre. 2006, a morte per impiccagione, con l’accusa di aver commesso crimini contro l'umanità, soprattutto per la strage dei 148 sciiti del villaggio di Dujahil, avvenuta, per rappresaglia, in seguito ad un fallito attentato del 1982 contro Saddam Hussein . La Camera d’appello, il 26 dicembre, ha confermato la sentenza di condanna alla pena di morte eseguita quattro giorni dopo. Numerose critiche sono state solevate contro l’esecuzione, ma anche contro l’intero processo, in particolare l’ associazione umanitaria Human Rights Watch ha compilato un rapporto di 97 pagine, elencando le numerose irregolarità procedurali attribuite al processo di Saddam .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
   20 1.3 La struttura del Tribunale penale supremo iracheno Sotto il profilo organizzativo, il Tribunale iracheno, in conformità di quanto disposto dall’art. 3 dello Statuto 27 , si compone di varie Camere di primo grado, una Camera d’appello, una Camera preliminare, l’Ufficio del procuratore, la Cancelleria e la Presidenza. Le Camere di primo grado sono composte, come disposto dall’art. 4 lettera b), da cinque giudici permanenti e da cinque giudici supplementari 28 . La Camera d’appello è composta dal Presidente e da altri otto giudici. Vi è una clausola di incompatibilità la quale prevede che nessun giudice delle Camere di primo grado possa essere contemporaneamente membro della Camera d’appello o della Camera preliminare. Il Presidente della camera d’appello ricopre anche il ruolo di Presidente del Tribunale (art. 4 lettera c ). E’ importante rilevare quanto disposto dall’art. 4 lettera d), sopratutto in riferimento alle modifiche apportate nel 2005 che verranno trattate in seguito. Questo articolo, infatti, disponeva che il Consiglio di Governo iracheno qualora lo ritenesse opportuno, avrebbe potuto designare tra persone di elevata moralità, integrità ed imparzialità,                                                             27 V. DELLA MORTE, Lo Statuto del Tribunale Speciale Iracheno, in Diritto penale e processo, 2004, n. 2 p. 245 ss 28 V. NEWTON, The Iraqi Special Tribunal, in Cornell ILJ, 2005, p. 863 ss.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dal tribunali di norimberga a quello penale suprem
giurisdizione della corte penale internazionale
pene applicabili
processo a saddam hussein
statuto dall’assemblea legislativa irachena
tribunale penale iracheno
tribunale penale supremo iracheno

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi