Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Serialità d'autore. Analisi delle strutture seriali nel Ciclo Doinel di Francois Truffaut

La narrazione seriale in Truffaut è qualcosa di intrinsecamente legato all’autorialità, perché non è dettata da intenzioni critiche o politiche – né tantomeno da preoccupazioni di tipo collettivo o industriale –, ma da tensioni intime e personali.
La pratica della serialità non nasce da cause esogene, ma è un’urgenza tutta interiore: dettata dall’amore incondizionato per le storie e dal bisogno di raccontarle; dall’affezione per un personaggio che rappresenta una parte di se stesso; dalla continua ricerca di un’identità certa e originaria; dall’intima, e in parte inconscia, necessità di trovare una dimensione definitiva a una vita incapace di darsi come qualcosa di concluso e risolutivo.
I cinque film che costituiscono il ciclo Doinel sono l’esempio più interessante di come le logiche seriali possano convivere con l’opera d’autore, e molto di più: di come la narrazione seriale sia per Truffaut una reale necessità, l’unico modo possibile di pensare il suo cinema, l’unico modo possibile di pensare la vita.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 I n tr od u z i o n e T r u f fa u t a u tor e s e r ia l e “Se dovess i f a r e una s er i e t e l e v i s i va ce r cher e i d i c r ear e qua l cosa d i t a l m en t e s edu cen t e ch e la g en t e sa rebb e o bb l ig a t a qu e l la s er a a r i f i u t ar e qua lunque impegno per “vedere i l s egu i t o” 1. Non è s empl i ce app rocc i a r s i a l l ’ ana l i s i d i un r eg i s t a co m e F r an ço i s T r u f fau t . La s ua p ro duz i on e , s ep pu r e in t e r r o t t a b ru t a lm en t e , è i nd i s cu t ib i lm en t e am pi a e co mpl e s s a ; s u l l a su a ope r a s i è s c r i t t o m ol t i s s im o e T ru f fau t r im ane ad o gg i u n o d eg l i au to r i f r an ce s i p iù ama t i e co no s c i u t i d a l g r and e p ub b l i co . M a add en t r an do s i ne l l a l e t t u r a d e l l a va s t a b i b l i o g r a f i a d ed i ca t a a T r u f f au t c i s i pu ò f ac i l m en te a cco r ge r e d i come o gn i ana l i s i , o gn i r i f l e s s i on e , o gn i r i c e r ca , ogn i d ed i ca , c e r ch i d i i n t e rp r e t a r e p iù l ’ uomo che s t a d i e t r o a l f i l m p iu t to s to ch e i l f i lm s t e s so . Ques t a ch i ave d i l e t t u r a è s enz ’ a l t ro g i u s t i f i c a t a d a l l a fo r t e au to b i o gr a f i c i t à d e l c in em a d i T ru f f au t , ch e am av a co s t ru i re l e su e s to r i e s u l l a b as e d i avv en im en t i r e a l men te a ccadu t i e ch e s p es so lo r i gu a rd avan o in p r im a p e rs on a , ch e d i f f i c i lm en t e a cce t t av a id ee ch e no n p ar t i v ano d a lu i s t e s s o e che n o n m an i fe s t ava r ea l e i n t e r es se a s o gge t t i p r o pos t i da a l t r i . I l c i n ema d i F r anço i s Tru f fau t s embra qu i nd i p a r l a r c i de l l ’ uomo che e ra p iù d i que l l o che po t rebbe f a r e qua l s i a s i a l t r o c i nema cos idde t t o d ’ a u t o re , i n un a m an i e r a i ned i t a , p r o fo nd a , t o t a l e . In q u es t o i l c i n em a d i T r u f f au t r i s po nd e com pl e t amen t e a l l a l o g i ca au to r i a l e , e i n p a r t i co l a r e a qu e l l a p o l i t i q u e d e s au t eu rs ch e v ed e n e l f i lm 1 F. Truffaut in A. Tassone, François Truffaut: professione cinema: interviste inedite, Il castoro, Milano 2006, pp. 75-76.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilaria Colla Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1028 click dal 17/11/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.