Skip to content

Il concetto di rappresentazione nella psicologia sociale francese: Durkheim, Lévy-Bruhl, Piaget, Moscovici

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Cau
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Massimo Borlandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

Il concetto di rappresentazione a partire dalla teorizzazione collettiva di Durkheim sino alla sistematizzazione della teoria delle rappresentazioni sociali di Serge Moscovici, passando attraverso le mediazioni di Lévy-Bruhl e Piaget. Il lavoro analizza come la rappresentazione, esito di un processo conoscitivo che coinvolge necessariamente il polo soggettivo e quello oggettivo, venga tematizzata dai vari autori. A partire dal quinto capitolo vengono approfondite le connessioni teoriche tra i veri sistemi concettuali. In questo senso la teoria di Moscovici è la sistematizzazione più compiuta del concetto di "rappresentazione", capace di integrare al suo interno i contributi degli autori citati superandone al contempo le aporie.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Il titolo da cui prende il via questo lavoro pone sotto l etichetta della psicologia sociale vari autori di cui solo uno di essi Ł, a tutti gli effetti, uno psicologo sociale: Serge Moscovici. mile Durkheim Ł infatti universalmente conosciuto come un sociologo, Lucien LØvy-Bruhl come antropologo e Jean Piaget come uno psicologo dell infanzia. Tuttavia, Ł possibile andare oltre il carattere multidisciplinare che caratterizza i vari approcci di questi autori in riferimento ad una unit che caratterizza l oggetto preso in esame dal le differenti prospettive teoriche. Un primo comune denominatore a questi autori si ritrova proprio nel fatto che ciascuno di loro si Ł occupato, nel corso degli anni, di quell oggetto particolare che sono le rappresentazioni , anche se poi questo termine si trova ad essere declinato a seconda della variet degli ambiti di ricerca. Du rkheim infatti si dedica allo studio delle rappresentazioni collettive, LØvy-Bruhl alle rappresentazioni dei primitivi, Piaget alle rappresentazioni del fanciullo e Moscovici a quelle dell uomo di senso comune. Ma che cosa sono le rappresentazioni? Questo termine ha una lunga tradizione nel pensiero filosofico occidentale, e le sue origini rimandano certo alla scolastica medioevale. Se teniamo fede al dizionario filosofico Abbagnano, la rappresentazione viene definita come termine medi evale per indicare l immagine o l idea. L uso del termine fu suggerito agli Scolast ici dal concetto di conoscenza come una similitudine dell oggetto. . Trasportando l a medesima ricerca al dizionario di psicologia di Galimberti, pare che il significato di questo concetto si sia conservato anche nella nostra modernit . La definizione corris pondente al concetto di rappresentazione Ł qui la seguente: Il termine indica sia l atto con cui la coscienza riproduce uno stato esterno, come pu essere una co sa, o interno come uno stato d animo o un prodotto fantastico, sia il contenuto di tale operazione riproduttiva. . Tuttavia qualche cosa Ł cambiata. Sicuramente, oggi come in passato, la natura di rappresentazione, spetta all essere delle cose in quanto sono nella nostra mente. Il termine rimanda pertanto alle immagini - o idee - che abbiamo degli oggetti, siano essi materiali o immateriali, naturali o simbolici, talvolta persino fantastici. Conseguentemente, questo ci porta ad affermare che la rappresentazione ha come proprio correlato la realt . Questa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bambino
durkheim
lévy-bruhl
moscovici
piaget
primitivo
psicologia
rappresentazione collettiva
rappresentazione sociale
sociologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi