Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela delle funzioni e il ruolo della Consob nel procedimento penale

Il particolare ruolo assunto dalla Consob in relazione ai procedimenti penali riguardanti i reati di market abuse, con la Commissione che indaga, giudica, viene ritenuta persona offesa e legittimata alla costituzione di parte civile per richiedere la riparazione dei danni all'integrità del mercato, categoria di danno di difficile inquadramento, con conseguente compromissione totale della terzietà ed imparzialità della posizione della Consob medesima.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo Primo La Consob e il mercato 1-Consob come autorità amministrativa indipendente per la tutela del mercato mobiliare italiano. «La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina coordina e controlla l’esercizio del credito; ed inoltre favorisce l’accesso del risparmio popolare al diretto ed indiretto investimento azionario». La tutela del risparmio è dunque, a detta dell’art 47 Cost., un obbiettivo esplicito della nostra Carta costituzionale. I modi e le forme in cui questa tutela può esplicarsi sono ovviamente molteplici. Tra essi va considerato l’istituzione della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, secondo un disegno che ha preso le mosse dalla legge n. 216 del 1974 e si è poi ulteriormente affinato nella legislazione successiva, raggiungendo sicuramente il suo esito più compiuto nell’ultimo decennio grazie sicuramente anche al fondamentale apporto della copiosa legislazione comunitaria. L’esigenza dell’istituzione di un’autorità amministrativa di vigilanza sul mercato dei valori mobiliari si è prospettata in Italia soltanto nel secondo dopoguerra. In precedenza, la disciplina dell’attività finanziaria era incentrata sull’attività bancaria, disciplinata dalla legge bancaria del 1936, la cui vigilanza era attribuita sin dal 1947 alla Banca d’Italia. Le competenze per l’attività borsistica erano però riservate, si sensi del r.d.l. del 30 giugno 1932, n. 815, al Ministero del Tesoro. Negli anni ’50 e ’60 si avviò quindi il dibattito sull’opportunità di creare un’alternativa al finanziamento bancario favorendo l’accesso delle imprese

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Tino Rombolà Contatta »

Composta da 273 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1606 click dal 02/12/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.