Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'apprendimento di attività nuove in bambini affetti da Disturbo Generalizzato dello Sviluppo: terapia psicomotoria e intervento psicoeducativo a confronto

L’obiettivo del lavoro di ricerca presentato in questa tesi di laurea consiste nella valutazione dell’apprendimento di attività nuove da parte di bambini affetti da Disturbo Generalizzato dello Sviluppo in due differenti contesti terapeutici: l’intervento psicoeducativo e la terapia psicomotoria.
A una parte introduttiva che offre una visione globale e allo stesso tempo dettagliata sui Disturbi Generalizzati dello Sviluppo e sugli approcci terapeutici utilizzati, segue una parte sperimentale in cui prima vengono presentate le due tipologie di trattamento oggetto del confronto di questo lavoro e poi viene dato spazio alla descrizione della metodologia utilizzata e alla discussione dei risultati.
Sei bambini afferenti al servizio riabilitativo “La Nostra Famiglia” di Oderzo (TV) costituiscono i due gruppi considerati in questo studio: “Terapia Psicomotoria” (n = 3) e “Intervento Psicoeducativo” (n = 3).
Consapevoli degli inevitabili limiti di un impianto sperimentale applicato alla clinica, abbiamo voluto indagare eventuali differenze di efficacia tra i due approcci nel favorire il processo di apprendimento di nuove attività durante un periodo di trattamento di 8 sedute consecutive. Abbiamo costruito una scala valutativa che misura come parametro principale l’autonomia del bambino nell’esecuzione e nel completamento delle attività proposte. Prima di iniziare il periodo di trattamento e subito dopo la sua conclusione è stata condotta un’ulteriore valutazione delle competenze del bambino attraverso quattro prove del test PEP3 (Schopler et al., 2004).
Premessa la prudenza con cui vanno interpretati i risultati statistici, è stata rilevata l’efficacia di entrambi i trattamenti nel raggiungere gli obiettivi stabiliti: i bambini di ambedue i gruppi hanno mostrato progressi nell’apprendimento e miglioramenti nell’autonomia. Un incremento iniziale più rapido delle valutazioni nei bambini sottoposti all’intervento psicoeducativo suggerisce un possibile effetto più immediato sull’apprendimento da parte di questo approccio.
La successiva analisi individuale del processo di apprendimento ha permesso di individuare ritmi e modalità personali nell’acquisizione delle competenze e di determinare in quali prove i bambini sono diventati più facilmente autonomi o hanno incontrato maggiori difficoltà.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 SOMMARIO L obiettivo del lavoro di ricerca presentato in questa tesi di laurea consiste nella valutazione dell apprendimento di attivit nuove da parte di bambini affetti da Disturbo Generalizzato dello Sviluppo in due differenti contesti terapeutici: l intervento psicoeducativo e la terapia psicomotoria. A una parte introduttiva che offre una visione globale e allo stesso tempo dettagliata sui Disturbi Generalizzati dello Sviluppo e sugli approcci terapeutici utilizzati, segue una parte sperimentale in cui prima vengono presentate le due tipologie di trattamento oggetto del confronto di questo lavoro e poi viene dato spazio alla descrizione della metodologia utilizzata e alla discussione dei risultati. Sei bambini afferenti al servizio riabilitativo La Nostra Famiglia di Oderzo (TV) costituiscono i due gruppi considerati in questo studio: Terapia Psicomotoria (n = 3) e Intervento Psicoeducativo (n = 3). Consapevoli degli inevitabili limiti di un impianto sperimentale applicato alla clinica, abbiamo voluto indagare eventuali differenze di efficacia tra i due approcci nel favorire il processo di apprendimento di nuove attivit durante un periodo di trattamento di 8 sedute consecutive. Abbiamo costruito una scala valutativa che misura come parametro principale l autonomia del bambino nell esecuzione e nel completamento delle attivit proposte. Prima di iniziare il periodo di trattamento e subito dopo la sua conclusione Ł stata condotta un ulteriore valutazione delle competenze del bambino attraverso quattro prove del test PEP3 (Schopler et al., 2004). Premessa la prudenza con cui vanno interpretati i risultati statistici, Ł stata rilevata l efficacia di entrambi i trattamenti nel raggiungere gli obiettivi stabiliti: i bambini di ambedue i gruppi hanno mostrato progressi nell apprendimento e miglioramenti nell autonomia. Un incremento iniziale piø rapido delle valutazioni nei bambini sottoposti all intervento psicoeducativo suggerisce un possibile effetto piø immediato sull apprendimento da parte di questo approccio. La successiva analisi individuale del processo di apprendimento ha permesso di individuare ritmi e modalit personali nell acquisizione delle competenze e di determinare in quali prove i bambini sono diventati piø facilmente autonomi o hanno incontrato maggiori difficolt .

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Diego Avon Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4707 click dal 11/12/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.