Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I giovani e le donne: opportunità e difficoltà del lavoro flessibile

Scopo di questo lavoro è descrivere alcuni fenomeni psicologici e sociali che emergono con l’introduzione delle forme di lavoro flessibile, prestando particolare attenzione alla condizione e ai percorsi professionali dei giovani e delle donne nel contesto Italiano.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Scopo di questo lavoro è descrivere alcuni fenomeni che emergono con l’introduzione delle forme di lavoro flessibile, prestando particolare attenzione alla condizione e ai percorsi professionali dei giovani e delle donne. Rispetto al passato il lavoro ha subito profondi cambiamenti, sia da un punto di vista quantitativo, sia qualitativo. Lo spirito capitalistico che ha influenzato profondamente la società fordista che si sviluppa nel corso del Novecento risulta essere ora in crisi. In passato l’occupazione è al centro del modello di organizzazione dell’intera società. E’ caratterizzata principalmente da grandi industrie in cui i lavoratori sono occupati in maniera stabile e i percorsi lavorativi procedono attraverso carriere interne spesso basate sull’anzianità, con la garanzia delle tutele sindacali. Il lavoro quindi ricopre un ruolo importante nella società fordista, ma tale modello subisce una profonda crisi che comprta una serie di cambiamenti che coinvolgono direttamente i lavoratori. Alla fine degli anni Settanta l’emergere di alcuni mutamenti nella struttura della domanda e dell’offerta del mercato del lavoro favoriscono l’introduzione di nuove tipologie contrattuali e di nuove modalità lavorative dette atipiche. Tali mutamenti sviluppano alcune contraddizioni e ambivalenze tipiche delle fasi di passaggio. Il sistema Welfare rimane infatti ancorato a un modello societario e produttivo antiquato e tale apparato non risulta più essere in sintonia con il profilo sociale dominante, poiché offre protezione principalmente a coloro che appartengono al vecchio modello produttivo in cui il lavoratore è impiegato con un contratto a tempo indeterminato, e lascia senza alcun tipo di potrezione tutti coloro che devono affrontare i rischi e le difficoltà del lavoro flessibile. Queste nuove forme di lavoro in Italia interessano soprattutto i giovani e le donne. Il presente lavoro si articola in tre capitoli teorici che trattano i temi sopra citati. All’interno del primo viene affrontato il tema del lavoro. Nella prima parte si pone l’attenzione sul significato che esso assume nel corso del tempo, prestando particolare attenzione al periodo che da molti autori è stato definito Fordismo. Viene esposta una breve definizione di lavoro e sono individuate alcune funzioni psicologiche che esso svolge nall’uomo. Nell’ultima parte di questo capitolo si concentrerà

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Giovanni Aschettino Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1718 click dal 14/12/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.