Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema televisivo in Italia: analisi della fiction

Questo lavoro delinea le principali caratteristiche che governano il sistema televisivo del nostro Paese, cercando di affrontarne anche il ramo economico in relazione soprattutto a un genere onnipresente sui nostri schemi televisivi: la fiction.
Il nostro sistema televisivo è il frutto della storia del Paese, il riflesso di uno scenario mediale di forte tendenza autarchica dei diversi segmenti del sistema, cresciuti autonomamente, senza perseguire un’espansione orizzontale, e sembra ripetersi anche per la Tv digitale, che ancora una volta assegna agli operatori esistenti l’onore e l’onere di sostenere e accompagnare i primi passi della nuova tecnologia, perpetuando modelli ormai desueti, scoraggiando gli esordienti nell’investimento sul futuro. Dopo un quadro generale caratterizzante l’era dell’informazione e della televisione (storia, iter legislativo e politico, impatto sulla società e sull'economia) si sono messi in evidenza i tratti salienti della Tv commerciale, del servizio pubblico, della Tv digitale, della pay Tv, della web e IP Tv e i principali Gruppi televisivi: Gruppo Rai, Mediaset, Telecom Italia Media, Sky Italia e Tivù sat.
Il potere contrattuale del telespettatore diventa la pedina centrale del gioco televisivo, per costruire il palinsesto e quindi per gli inserzionisti pubblicitari. Si sono considerate valutazioni di natura teorica con analisi di alcune dinamiche e tendenze del mercato televisivo per quanto riguarda la natura dell’offerta televisiva dei programmi, dei generi, della pubblicità e dei costi afferenti. Qualsiasi programma televisivo infatti, inquadrato fuori dal contesto delle attività di programmazione di una rete televisiva e quindi estraneo alle logiche dell’impresa televisiva, non avrebbe alcun valore. È soltanto grazie a tutta una complessa attività creativa e imprenditoriale che un programma televisivo può acquistare un grande significato anche economico, legato al numero di telespettatori e di conseguenza all’interesse degli inserzionisti pubblicitari. Tra questi sono state evidenziate le maggiori concessionarie di pubblicità che vendono spazi in base a dei listini prezzo ben precisi, che verranno acquistati a prezzi differenti, in relazione alle previsioni d’audience e in relazione all’inserimento nelle fasce orarie.
Infine si va ad analizzare minuziosamente la fiction, diventata il genere onnipresente, il core business dell’azienda televisiva. Un genere intriso di formati in continua evoluzione, con linee narrative particolari, nel rispetto di precise regole temporali, spaziali e riguardanti la costruzione della storia e dei personaggi. L'analisi produttiva presenta vantaggi economici riducendo i tempi di lavorazione, e costruendo un pubblico fedele. L'aspetto caratterizzante sta nell'analisi della produzione industriale con un particolare stiudio riguardo l’incidenza economica dei costi tramite analisi di alcuni formati televisivi, grazie a dati sulla base di ricerche richieste ai vari istituti , messi in rilievo da tabelle, grafici e istogrammi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione ¨ delicato parlare oggi di televisione senza qualch e rischio di caduta nel gi detto . ¨ risaputo che la Tv Ł il luogo per eccellenza della comunicazione broadcast, intesa come separazione di ruoli tra audience e performers e come superamento dei limiti spazio-temporali della comunicazione faccia a faccia1, destinata a sopravvivere, evolversi assumendo nuove forme e nuove strategie in grado di intercettare i bisogni dei pubblici. La consuetudine e la familiarit maturate in anni di relazione con lo schermo televisivo diventano le skill delle nuove applicazioni del mezzo capaci di soddisfare bisogni di conoscenza e di evasione verso un informazione sempre piø neutra e non manipolata. ¨ usuale dipingerne i futuri fasti, fin endo cos per confondere le idee e distogliendo sistematicamente l attenzione da questa strategica fase di transizione del mezzo e le tappe del suo prossimo sviluppo. Tra le difficolt incontrate nel delineare i futuri modelli televisivi, insiste una non sempre lucida conoscenza dell esempio passato, di cui sono state evidenziati gli aspetti e i momenti storici che dal punto di vista tecnologico e normativo hanno inciso maggiormente sullo sviluppo. Questo lavoro cerca cos di mettere in risalto le principali caratteristiche che governano il sistema televisivo del nostro Paese, cercando di affrontarne anche il ramo economico in relazione soprattutto a un genere onnipresente sui nostri schemi televisivi: la fiction. Ogni sistema televisivo Ł il frutto della storia e della realt di ciascun paese, e ne riflette la struttura comunicativa, ovvero le chance e le possibilit espressive offerte ai pubblici 1 Roger Fidler, Mediamorfosi. Comprendere i nuovi media, trad. it. Alberto Marinelli, Romana And , (a cura di), Guerini e Associati, Milano, 2001, p. 69.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Antonella Santoro Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6184 click dal 04/12/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.