Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione economico-finanziaria nella creazione e diffusione di valore: il ricorso al fair value

L'elaborato, alla luce della crescente importanza assunta dalla tematica a causa della crisi finanziaria, esamina le ripercussioni derivanti dall'adozione dei principi contabili internazionali (IAS/IFRS) ed in particolare gli effetti prodotti dalla valutazione delle poste di bilancio al fair value (o valore equo). Nella prima parte vengono ripercorsi alcuni dei più autorevoli contributi della dottrina sul tema. Successivamente, viene innanzittutto descritta l'evoluzione temporale subita dal concetto di "fair value" e in secondo luogo presentata una ricerca empirica, condotta su 12 società quotate presso la borsa italiana, volta ad evidenziare la capacità del fair value di contribuire alla determinazione di un patrimonio netto contabile più vicino ai valori correnti di mercato.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’oggetto di analisi del presente elaborato è rappresentato dall’evoluzione, avvenuta nell’ambito della comunicazione economico-finanziaria, a seguito della formulazione dei principi contabili internazionali. In particolare, l’attenzione è stata posta sull’aspetto più innovativo e allo stesso tempo più discusso introdotto dagli IAS/IFRS, costituito dalla valutazione delle poste di bilancio secondo il criterio del “fair value” (o valore “equo”). La tematica è di estremo interesse e di grande attualità, anche alla luce della recente crisi del mercato finanziario, nel corso della quale l’insufficienza di liquidità presente sui mercati ha comportato grandi difficoltà, in presenza di titoli divenuti im- provvisamente illiquidi, nell’applicazione corretta del criterio del fair value, con rife- rimento particolare a determinate categorie di strumenti finanziari. Per questo motivo si è sviluppato un ampio dibattito che ha coinvolto non solo il mondo accademico e la comunità finanziaria, ma anche importanti esponenti politici, nel quale si è messa fortemente in discussione l’utilità del fair value, quale criterio affidabile da utilizzare in modo diffuso nelle valutazioni di bilancio.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Mirco Gazzera Contatta »

Composta da 292 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2028 click dal 17/12/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.