Skip to content

Analisi dei consumi alimentari delle famiglie nel periodo 2000-2008

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Serafini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia 2
  Corso: Scienze e tecniche psicologico-sociali della comunicazione e del marketing
  Relatore: Adriana Signorelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

ABSTRACT

Questo lavoro si colloca all'interno di un progetto di ricerca più ampio svolto presso l'Osservatorio dei Consumi della Facoltà di Psicologia 2 dedicato ai consumi delle famiglie italiane. Nello specifico questa tesi ha come oggetto i consumi alimentari delle famiglie italiane nell'arco temporale che va dal 2000 al 2008, periodo che si conclude con la più grave crisi economica degli ultimi anni. L'obiettivo è quello di osservare e analizzare l'andamento dei consumi alimentari nel periodo considerato, ponendo particolare attenzione alla recessione che ha caratterizzato il 2008. Si osserverà il comportamento dei consumatori durante questo periodo anche attraverso la presentazione di alcune ricerche svolte su questo tema, da diversi enti. Non si può parlare, inoltre, di consumi alimentari senza fare riferimento ad alcuni fondamentali concetti che orientano i comportamenti e le scelte dei consumatori, ossia la qualità, la sicurezza e il piacere.

L'analisi è stata condotta esaminando i dati relativi ai consumi alimentari delle famiglie italiane, rese disponibili dall'Istat. Questo tipo di dati tengono conto delle diverse caratteristiche delle famiglie in grado di influenzare i comportamenti di consumo: la condizione professionale del capofamiglia, il numero di persone che compongono la famiglia, l'appartenenza territoriale e la tipologia familiare. Si osserverà l'andamento e la variazione percentuale della spesa riservata ai generi alimentari nell'arco temporale considerato cercando di collocarlo nel contesto economico di riferimento, tenendo presente la recessione che ha colpito l'economia mondiale nel corso del 2008.

Dall'analisi effettuata emerge che in Italia il 19% della spesa totale è riservata ai beni alimentari, una quota molto elevata rispetto agli altri Paesi Europei, in particolare rispetto a Olanda e Germania, i quali riservano agli alimentari solo l'11% circa della spesa totale. Si osserva che la domanda per i beni alimentari è poco elastica rispetto al prezzo e che l'incidenza degli alimentari sulla spesa è inversamente proporzionale alle condizioni socioeconomiche delle famiglie. Nel periodo caratterizzato dalla crisi economica, si è notato, in generale, che la spesa alimentare in Italia è aumentata, passando da 18,8 al 19,1%. Tuttavia la recessione economica non ha avuto gli stessi effetti per tutte le tipologie familiari; infatti si è osservato che l'incidenza della spesa alimentare è aumentata, in modo particolare, per le persone anziane, per le coppie con 1 o 2 figli e per le famiglie residenti al nord. E' emerso, inoltre, che coloro che percepiscono un reddito fisso, rimangono tendenzialmente più stabili di fronte alla crisi.
In generale si evince che quest'ultima recessione (2008) sembra non aver influito in modo rilevante sulla spesa alimentare in quanto i consumi alimentari sono difficilmente comprimibili e di fronte ad una crisi le famiglie tendono a ridurre altri tipi di spese. Inoltre, le ricerche svolte da diversi istituti di ricerca mostrano che, in questo periodo di crisi, le famiglie tendono a ridurre la quantità di ciò che si consuma senza però rinunciare a qualità e sicurezza.
È necessario sottolineare, però, che i comportamenti di consumo attuati in questo periodo di crisi non possono essere generalizzati a tutti i periodi di crisi. Ogni recessione,infatti, è diversa dalle altre in relazione, non solo agli effetti che provoca, ma anche al periodo storico, alla situazione economica e agli antefatti che la precedono (Fabris, 1995).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 1.1 Consumi alimentari e crisi economica Nel corso del 2008 le economie mondiali si sono trovate nella condizione di dover affrontare una delle più gravi crisi degli ultimi decenni. In questo particolare contesto storico il consumatore ha assunto sempre maggiore rilevanza e in particolare i suoi comportamenti e i suoi atteggiamenti sono diventati oggetto di numerose ricerche. Esse si prefiggono di indagare i cambiamenti nei comportamenti di consumo e i tipi di strategie che vengono messe in atto per fronteggiare la crisi. È necessario sottolineare che i comportamenti di consumo attuati in questo periodo di crisi non possono essere generalizzati a tutti i periodi di crisi. Ogni recessione, infatti, è diversa dalle altre in relazione, non solo agli effetti che provoca, ma anche al periodo storico, alla situazione economica e agli antefatti che la precedono. Dunque nonostante ci siano alcuni fattori che sembrano accomunare tutte le difficili condizioni economiche (la disoccupazione, l'abbattimento del reddito e il pessimismo per il futuro) questi non sono sufficienti a prevalere sul diverso background sociale e quindi a esercitare analoghi effetti sui consumi (Fabris,1995). Considerando lo scenario complessivo attuale caratterizzato da sentimenti di incertezza, tendenzialmente negativi, il consumatore tenderà a comportarsi di conseguenza valutando le sue scelte in merito ai consumi, rivedendo, se necessario, le proprie abitudini di acquisto. Una crisi economica può influire sugli stili di vita adottati dalle persone e conseguentemente sui suoi comportamenti di consumo. Prendendo in esame in modo particolare i consumi riguardanti il comparto alimentare in Italia, le ricerche relative a questo tema mostrano dei risultati particolarmente interessanti. Quello che emerge con chiarezza, infatti, è che il - 4 -

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

consumi alimentari
consumi alimentari delle famiglie per condiz.prof.
consumi alimentari delle famiglie per ripartizione
consumi alimentari e crisi economica
consumi alimentari italia
consumi alimentari per tipologie familiari
consumi delle famiglie per num componenti
dati istat consumi alimentari 2000-2008
qualità alimentazione
rischi alimentari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi