Skip to content

Quali determinanti per l'evoluzione del welfare mix? Un'analisi comparativa dei servizi per gli anziani non autosufficienti

Informazioni tesi

  Autore: Donato Leone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Management delle Amministrazioni Pubbliche e delle Ist. Internaz
  Relatore: Francesco Longo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Il naturale punto di partenza di questo lavoro di ricerca è l’invecchiamento della popolazione, la relazione esistente tra l’avanzare dell’età, la salute e la risposta pubblica ai problemi della non autosufficienza degli anziani ultra 75enni.
Il dato demografico induce a guardare con preoccupazione all’evoluzione della struttura per classi di età della popolazione: la continua crescita - sia in termini assoluti che in termini relativi in rapporto al totale della popolazione - della corte di individui che hanno superato i 65 anni è un fenomeno senza precedenti.
Fino al XX secolo, infatti, la maggior parte delle popolazioni presentavano una composizione per età tendenzialmente costante, con una proporzione piccola e stabile di popolazione nelle classi di età più anziane. Negli ultimi 100 anni si è verificato un abbassamento dei tassi di fertilità e di mortalità che ha portato la popolazione a invecchiare in tutti i paesi maggiormente sviluppati.
Tra invecchiamento della popolazione e crescita economica esiste una precisa correlazione, anzi si può affermare che l’allungamento della vita media è il risvolto della medaglia del successo economico, soprattutto quando questo si traduce in un generale miglioramento delle condizioni di lavoro, di vita e di salute.
I confronti internazionali inducono a osservare con particolare attenzione la situazione italiana: lo sviluppo industriale in Italia è avvenuto in ritardo rispetto ai paesi di più antica industrializzazione e il processo di invecchiamento della popolazione è stato particolarmente rapido e concentrato in un arco di tempo assai ristretto, in particolare nelle Regioni del nord e del centro. Attualmente l’Italia è il paese più vecchio d’Europa e l’Emilia-Romagna è tra le Regioni più vecchie del paese.
Ma quali sono esattamente i motivi per cui si guarda con tanta preoccupazione alla presenza così consistente degli anziani nella società?
Il concetto di dipendenza riassume in sé le ragioni di tali preoccupazioni: la popolazione anziana è inattiva sul mercato del lavoro ed è maggiormente esposta al rischio di non autosufficienza, quindi dipendente dai familiari, dal sistema pensionistico, dal sistema dei servizi sociali e sanitari.
Un problema che si pone, poi, per gli anziani confinati nella propria abitazione è quello di fornire un livello di prestazioni sociali e sanitarie in grado di soddisfare un bisogno di assistenza regolare e continuativa, che non sempre può essere garantito dai responsabili di cura familiari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 INTRODUZIONE Analisi della situazione I L’invecchiamento Il naturale punto di partenza di questo lavoro di ricerca è l’invecchiamento della popolazione, la relazione esistente tra l’avanzare dell’età, la salute e la risposta pubblica ai problemi della non autosufficienza degli anziani ultra 75enni. Il dato demografico induce a guardare con preoccupazione all’evoluzione della struttura per classi di età della popolazione: la continua crescita - sia in termini assoluti che in termini relativi in rapporto al totale della popolazione - della corte di individui che hanno superato i 65 anni è un fenomeno senza precedenti. Fino al XX secolo, infatti, la maggior parte delle popolazioni presentavano una composizione per età tendenzialmente costante, con una proporzione piccola e stabile di popolazione nelle classi di età più anziane. Negli ultimi 100 anni si è verificato un abbassamento dei tassi di fertilità e di mortalità che ha portato la popolazione a invecchiare in tutti i paesi maggiormente sviluppati. Tra invecchiamento della popolazione e crescita economica esiste una precisa correlazione, anzi si può affermare che l’allungamento della vita media è il risvolto della medaglia del successo economico, soprattutto quando questo si traduce in un generale miglioramento delle condizioni di lavoro, di vita e di salute. I confronti internazionali inducono a osservare con particolare attenzione la situazione italiana: lo sviluppo industriale in Italia è avvenuto in ritardo rispetto ai paesi di più antica industrializzazione e il processo di invecchiamento della popolazione è stato particolarmente rapido e concentrato in un arco di tempo assai ristretto, in particolare nelle Regioni del nord e del centro. Attualmente l’Italia è il paese più vecchio d’Europa e l’Emilia Romagna è tra le Regioni più vecchie del paese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anziani
asl
assegno di cura
assistenza domiciliare integrata
badanti
bisogno
brindisi
compartecipazione alla spesa sanitaria
consumo
domanda
emilia-romagna
fondo per la non autosufficienza
invecchiamento
lombardia
medicina d'attesa
medicina d'iniziativa
milano
monza
non autosufficienti
offerta
path-dependency
piacenza
puglia
rsa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi