Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''De logo eloquentia''. Il marchio come strumento di comunicazione aziendale.

Il marchio è un segno che permette di identificare la provenienza di prodotti e/o servizi distribuiti da una determinata impresa e di trasmettere, e raccontare, quelli che sono i valori e i mondi possibili della marca che rappresenta.
Questo strumento ha un ruolo fondamentale nella comunicazione d'azienda: è un'espressione sintetica della sua immagine, è un artefatto progettato per assolvere determinati scopi e soprattutto per comunicare determinate informazioni e determinati valori. Il marchio parla, ha un suo linguaggio.
Rappresenta, nei casi più felici, uno straordinario biglietto da visita.
L'obiettivo di questo elaborato è di fornire gli elementi teorici di base per comprendere il linguaggio del marchio e di capire con quali realtà dialoga e scambia la propria linfa vitale.
In prima istanza parleremo della marca, ossia del mondo totalmente immateriale capace di esaltare la portata comunicativa del marchio. Delineeremo i concetti di Corporate Identity e Corporate Image, così da capire le dinamiche e gli strumenti necessari per compiere il complesso percorso di formazione e di espressione della cultura aziendale. In questo ambito ci soffermeremo sui concetti di identità visiva (visual identity), ovvero l'insieme di segni mediante i quali un'impresa demarca la propria comunicazione, e di immagine coordinata, ossia la definizione di un codice visivo proprio, che consente di riconoscere il produttore dei messaggi in modo inequivocabile. Una volta tracciato lo scenario in cui si colloca il marchio indagheremo sulla sua funzione, i suoi requisiti e le sue principali caratteristiche.
Presenteremo quindi un caso concreto, “Reggio Emilia, città delle persone”, marchio utilizzato dall’Amministrazione Comunale Reggiana con lo scopo di “segnalare” alla cittadinanza quelle che sono le politiche e le azioni che mirano a garantire una buona qualità della vita e alti servizi sociali. Osserveremo questo marchio con uno sguardo semiotico, lo analizzeremo con il supporto delle teorie della semiotica generativa, il cui esponente più importante è lo studioso Algirdas Julien Greimas. A conclusione di questo percorso di studio formuleremo delle proposte concrete per migliorare la comunicazione del marchio “Reggio Emilia, città delle persone”, ipotizzando l’utilizzo di alcuni mezzi di
comunicazione adatti allo scopo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il marchio Ł un segno che permette di identificare la provenienza di prodotti e/o servizi distribuiti da una determinata impresa e di trasmettere, e raccontare, quelli che sono i valori e i mondi possibili della marca che rappresenta. Questo strumento ha un ruolo fondamentale nella comunicazione d’azienda: Ł un’espressione sintetica della sua immagine, Ł un artefatto progettato per assolvere determinati scopi e soprattutto per comunicare determinate informazioni e determinati valori. Il marchio parla, ha un suo linguaggio. Rappresenta, nei casi piø felici, uno straordinario biglietto da visita. L’obiettivo di questo elaborato Ł di fornire gli elementi teorici di base per comprendere il linguaggio del marchio e di capire con quali realt dialoga e scambia la propria linfa vitale. In prima istanza parleremo della marca, ossia del mondo totalmente immateriale capace di esaltare la portata comunicativa del marchio. Delineeremo i concetti di Corporate Identity e Corporate Image, cos da capire le dinamiche e gli strumenti necessari per compiere il complesso percorso di formazione e di espressione della cultura aziendale. In questo ambito ci soffermeremo sui concetti di identit vis iva (visual identity), ovvero l’insieme di segni mediante i quali un’impresa demarca la propria comunicazione, e di immagine coordinata, ossia la definizione di un codice visivo proprio, che consente di riconoscere il produttore dei messaggi in modo inequivocabile. Una volta tracciato lo scenario in cui si colloca il marchio indagheremo sulla sua funzione, i suoi requisiti e le sue principali caratteristiche. Presenteremo quindi un caso concreto, Reggio Emili a, citt delle persone , marchio utilizzato dall Amministrazione C omunale Reggiana con lo scopo di segnalare alla cittadinanza quell e che sono le politiche

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Danila De Girolamo Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6879 click dal 17/12/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.