Skip to content

Il giornalismo partecipativo politico: la controinformazione di destra e di sinistra

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Dorigo
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Roberto Toffolutti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

Questa tesi vuole analizzare l'emergente fenomeno del giornalismo partecipativo politico: ovvero come questa nuova forma del fare informazione, saldamente legata al web 2.0, sia utilizzata dai soggetti politici dell'attuale panorama italiano.
Analizzando tre dei siti maggiormente significativi del settore (Indymedia, Global Project e Tocqueville) e portando esempi pratici, ci si interroga su che basi può poggiarsi la credibilità della notizia da questi trasmessa.
Come può essere ritenuta affidabile un'informazione trasmessa da un media volutamente di parte, quando viene sempre di più messa in dubbio la veridicità dei mezzi di comunicazione tradizionali?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  4 INTRODUZIONE Questa tesi nasce quasi per caso. L'intento originario era altro: dedicare uno scritto al movimento studentesco del 2008, conosciuto con il nome di "Onda Anomala". Avendovi preso parte attivamente, sia in ruoli organizzativi che di comunicazione, c'era la volontà iniziale di dedicare la mia tesi triennale a questo fenomeno. Avevo abbozzato l'idea di osservare come le varie testate giornalistiche si fossero approcciate nei confronti dell'Onda studentesca. Optai per quattro quotidiani, due neutrali e due schierati, sul criterio del migliore archivio online disponibile: “La Repubblica”, “Corriere della Sera”, “Il Giornale”, “L'Unità” risultarono essere i più qualificati. Ben presto però mi resi conto che una ricerca di questo genere non avrebbe portato a nulla di nuovo. Osservando le prime pagine, analizzando gli articoli che riguardavano il movimento, non si scopriva nulla di quanto già tutti sapessero: “L'Unità” era apertamente schierata con gli studenti in lotta, così come “La Repubblica”, anche se questo cercava di apparire neutrale. “Il Giornale” era dichiaratamente ostile agli studenti e favorevole alla riforma, così come il “Corriere della Sera”, anche se questi adottava un approccio più pacato. Stava emergendo una semplice raccolta d'archivio. Incontrandomi e discutendo con il mio relatore, l'attenzione cadde su uno dei vari siti d'informazione che il movimento adottò come propri: “uniriot.org”. Avevo avuto modo di scoprirlo, e in seguito di visitarlo con regolarità, nell'autunno 2008. Durante le mie trasferte a Roma, per seguire i meeting nazionali degli studenti, ebbi anche occasione di fare la conoscenza di alcuni redattori, nonché il responsabile politico Francesco Raparelli. La particolarità di uniriot.org, rispetto ad altri siti affini quali ateneinrivolta.org, è che gli utenti hanno la possibilità di pubblicare direttamente sul sito la notizia, senza dover aspettare che il resoconto di un qualche cronista appaia sulla pagina web di una qualche testata. C'è l'opportunità di sapere in tempo reale come sta procedendo il corteo a Milano, vedendo le prime immagini pubblicate, oppure seguire la discussione dell'assemblea plenaria alla Sapienza di Roma, ascoltando in streaming 1 gli interventi. Gli utenti possono pubblicare documenti, file audio e video senza filtri, iscrivendosi alla community. Ne parlai con il mio professore, il quale si mostrò subito interessato alla cosa. Si scoprì che “Uniriot” non era l'unico ad avere quel sistema di funzionamento, e che esistevano altri che                                                             1   La riproduzione on‐line di un file audio o video. 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi