Skip to content

L'attività degli intermediari finanziari: un'analisi alla luce dell'attuale crisi

Informazioni tesi

  Autore: Anna Maria Noviello
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: economia aziendale
  Relatore: Rosaria Cerrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 294

L’attività degli intermediari finanziari negli ultimi anni ha risentito notevolmente dei cambiamenti strutturali che hanno interessato il settore finanziario. La crisi stessa trae origine, da fattori di trasformazione strutturali del sistema del credito accompagnati da elementi congiunturali. Al di là dell’innesco, costituito dal collasso dei mutui sub-prime negli Stati Uniti, le cause profonde vanno ricercate in un insieme di squilibri che si sono accumulati nel corso degli anni. In una situazione caratterizzata da abbondante liquidità e dalla diffusa e spasmodica ricerca di attività ad elevato rendimento, si sono creati incentivi a finanziare soggetti dal basso merito creditizio nella consapevolezza che il rischio non sarebbe stato mantenuto in portafoglio ma frammentato e distribuito ad una vastissima platea di operatori. I punti dolenti della regolamentazione hanno riguardato sia lacune nella vigilanza prudenziale degli intermediari, con conseguenti asimmetrie tra le diverse tipologie di operatori, sia la mancata regolamentazione delle innovazioni finanziarie. Lo stato di salute del sistema bancario è stato aggravato dal fatto che le cartolarizzazioni avevano allentato i vincoli di bilancio degli intermediari bancari e non, e che i requisiti patrimoniali si erano rivelati inadeguati per coprire l’effettiva rischiosità dei titoli derivati. Il cosiddetto sistema bancario ombra, incentrato su veicoli fuori bilancio costituiti per lo svolgimento di attività collegate alle cartolarizzazioni, ha finito per porre un rischio di carattere sistemico. A ciò si aggiungano anche le criticità emerse nel funzionamento delle agenzie di rating, affette da gravi conflitti di interesse nel loro doppio ruolo di valutazione e di consulenza agli emittenti e agli investitori. Recentemente Parlamento europeo e Consiglio della UE hanno adottato un regolamento finalizzato a migliorarne l’integrità, la trasparenza e la governance, garantendo un’elevata protezione agli investitori e la prevenzione dei conflitti di interesse. La situazione si è notevolmente aggravata con il fallimento del gruppo Lehman nel settembre 2008, allorquando si assiste al definitivo prosciugamento del mercato interbancario Usa, la crisi acquista velocità, e diviene sistemica. Intanto sin dal prime settimane governi, banche centrali e autorità di vigilanza hanno affrontato la crisi con interventi volti a contenerne l’impatto sistemico, a limitarne gli effetti sull’economia reale e a ripristinare la fiducia nei mercati. In un primo momento, negli USA sono stati effettuati massicci interventi di salvataggio delle istituzioni finanziarie, che hanno evitato il collasso del sistema. Agli inizi di Ottobre dello scorso anno il Congresso approva un piano di sviluppato al fine di ristabilire la liquidità e la stabilità del sistema finanziario statunitense. Il Piano destina 700 mld per finanziare l’acquisto da parte del Governo dei titoli illiquidi legati all’andamento dei mutui delle istituzioni finanziarie. L’avvento della nuova Presidenza Obama ha, ovviamente, dovuto affrontare il nodo dei pesanti effetti della crisi sull’economia americana. Asse portante della nuova amministrazione è l’American Recovery and Reinvestment Act al suo interno una riformulazione del TARP, che prende il nome di Capital Purchase Program E prevede la possibilità da parte del Tesoro di partecipare al capitale sociale delle banche tramite la sottoscrizione di senior preferred shares. Nel Marzo 2009 il Tesoro USA vara un nuovo piano teso alla stabilizzazione del sistema bancario il Public Private Investment Program che prevede l'utilizzo di capitale pubblico e privato finalizzato all’acquisto di asset tossici presenti bilanci degli intermediari finanziari per metterli in condizioni di liberare liquidità in favore dell'economia americana. Per il segretario del tesoro usa il programma contribuirà a creare un mercato per i titoli illiquidi e consentirà agli istituti Usa di ripatrimonializzarsi. Nel giugno 2009 si assiste ad un restyling della finanza statunitense. Per quanto riguarda il nostro Paese dopo l’estate 2008, col fallimento di Lehman Brothers e l’adozione da parte dei principali Governi di misure di sostegno al capitale delle banche, è cresciuta la pressione del mercato per un rafforzamento patrimoniale anche da parte delle banche italiane. Inoltre, Le misure adottate in Italia al fine di preservare la stabilità del sistema finanziario mirano a tutelare i risparmiatori e mantenere adeguati livelli di liquidità e capitalizzazione delle banche. La ricapitalizzazione di banche fondamentalmente sane è stata resa operativa lo scorso 25/02/2009 con un D.M. attuativo dell’art.12 del d.l.185/2008. Ed istituisce i cd. Tremonti bond.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione IX Introduzione Negli ultimi due anni il sistema finanziario internazionale, e in particolare il suo stato di salute, è il protagonista principale delle cronache quotidiane a causa di un susseguirsi di eventi che fanno temere per la stabilità finanziaria dell’intero pianeta. Si parla di crisi, non passa giorno senza che tv e giornali sottolineino che “siamo in crisi”, insinuando nelle nostre coscienze una cupa atmosfera di insicurezza, senso di fallimento e timore per il futuro, tuttavia è proprio nel concetto stesso di crisi che sono contenuti gli elementi utili al suo superamento. La parola “crisi” infatti, proviene dal greco krìno, “separo”, che a seconda degli autori contiene il significato di “esito-soluzione” (Tucitide) o di “scelta” (Aristotele). Nella lingua cinese questa accezione trasformativa è ancora più evidente, la parola crisi è composta da due ideogrammi: il primo, wei, significa “problema”, il secondo, ji, “opportunità”1. Quindi quando parliamo di crisi ci riferiamo al venir meno di un equilibrio, alla separazione fra un prima e un dopo, ci riferiamo ad un cambiamento. Volendo analizzare gli avvenimenti che hanno preceduto questo stato di crisi ci si rende conto che la premessa terminologica è veramente necessaria per capire quanto è accaduto. Fino al 2007 infatti, l’economia mondiale aveva conosciuto, una fase eccezionalmente prolungata di crescita sostenuta, con oscillazioni del ritmo di sviluppo del prodotto notevolmente affievolite nel confronto coi periodi precedenti e inflazione bassa e stabile in tutte le aree principali; anche grazie agli elevati tassi di sviluppo delle economie di grandi paesi emergenti, le prospettive di crescita apparivano, nelle previsioni di consenso, ancora stabili e certe. Quella fiducia è stata gradualmente erosa dagli eventi succedutisi a partire dall’estate del 2007; la crisi che stiamo attraversando si è manifestata inizialmente con le difficoltà di intermediari che avevano massicciamente investito in prodotti finanziari “strutturati”, legati all’andamento dei mutui 1 Si Veda , M.Tringale, “Più grande è la crisi più profondo è il cambiamento”, Terra nuova, 235/2009;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banca popolare
banche commerciali
banche investimento
banco popolare di milano
cartolarizzazione
cdo
cds
core tier 1
cpp
default
derivati
fair value
global impalances
ias 39
monte dei paschi di siena
otd
public private investment program
rating
saving glut
subprime
tarp
toxic assets
tremonti bond

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi