Skip to content

Il Made in Italy dei beni di lusso e l’universo del consumatore - Un’indagine sul mercato australiano

Informazioni tesi

  Autore: Fabiana Ficorilli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Management, innovazione ed internazionalizzazione delle imprese
  Relatore: Alberto Pastore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

1.1 Considerazioni introduttive

Eleganza, cultura progettuale, tradizione, ricerca stilistica, design di alto livello: sono queste le virtù che il resto del mondo attribuisce all’industria italiana. Nel presente Capitolo si propone uno spunto di riflessione circa la validità o meno del modello Made in Italy, dopo averne esaurientemente illustrato i caratteri peculiari, l’origine, il vantaggio competitivo e le sfide da affrontare per competere a livello internazionale.
Il valore peculiare del Made in Italy ha origini molto profonde e lontane, anche nella storia. L’Italia è un Paese il cui appeal è frutto in gran parte delle suggestioni della sua storia, della sua arte, della sua cultura e del fascino della sua geografia. La marchiatura d’origine che contraddistingue un prodotto italiano esula delle più semplicistiche questioni di “country of origin effect” e dal fenomeno del “Made in”.
Il Made in Italy condivide con la marca la natura immateriale: i suoi aspetti connotativi e simbolici aggiungono valore all’offerta in toto e ai suoi singoli settori. Il Made in Italy è un “vettore di senso”, un “motore semiotico” in grado di dar vita ad un universo evocativo che ruota attorno a un sistema di valori base.
I settori di competenza del Made in Italy, nei quali il sistema Italia gode di gradi di specializzazione e reputazione talmente riconosciuti da costituire un valore aggiunto nel panorama internazionale, sono rappresentati dai sistemi moda, arredo-casa, agro-alimentare e meccanica collegata. Minimo comune denominatore: la qualità estetica, spartiacque e criterio primo per la definizione del Made in Italy. A ben vedere, però, risulta legittimo domandarsi quale valore ha, e se lo ha come lo giustifica, la produzione locale a fronte di un consumo globale, in un contesto attuale così dinamico e ricco di minacce. In altre parole, il quesito che si pone oggigiorno all’attenzione di tutti e che costituisce l’essenza del presente Capitolo, è il seguente: il Made in Italy ha senso nel panorama ipercompetitivo del mercato globale o, viceversa, è destinato a soccombere nella corsa all’abbattimento dei prezzi inesorabilmente vinto dai competitors asiatici?
La tesi che in questa sede s’intende avvalorare è che continuare a produrre localmente e difendere fermamente la marchiatura d’origine, per far sì che il mondo valoriale creato nei secoli non venga in poco tempo distrutto, ha senso solo in vista di un profondo e radicale cambiamento del modello stesso di Made in Italy, un modello sicuramente di successo ma che richiede un opportuno riposizionamento, specie sul mercato internazionale.
Aspetto peculiare del modello Made in Italy è sicuramente quello legato al settore del lusso: le grandi firme e i marchi prestigiosi del lusso Made in Italy hanno sapientemente esportato all’estero e accresciuto all’interno del proprio mercato nazionale un’immagine forte, un’immagine costruita sull’eleganza, il design raffinato, l’eccellente qualità di prodotti nati dall’estro e dalle innate capacità di creativi italiani, siano essi stilisti, architetti, ingegneri, gioiellieri.
Il lusso Made in Italy poggia su solide basi fatte di marchi secolari, di storia e di tradizioni territoriali, il cui fascino consiste nella capacità di dare l’impronta a un intero stile di vita: chi li compra acquista un’emozione. Il difficile compito degli imprenditori del lusso Made in Italy è quello di offrire prodotti che mantengano tutta la loro carica evocativa, ma al tempo stesso creino valore. La parte conclusiva del presente Capitolo sarà dedicata proprio al Made in Italy di lusso, di cui si offre un’ampia trattazione in merito ai settori coinvolti, al vantaggio competitivo acquisito tanto sul mercato nazionale quanto su quello internazionale e in particolare ci si soffermerà sul mercato australiano, un mercato difficile da servire ma al contempo ricco di potenzialità future.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO IL MADE IN ITALY: MODELLO DI SUCCESSO O DA RIPOSIZIONARE? SOMMARIO: 1.1 Considerazioni introduttive; 1.2 Caratteristiche del fenomeno; 1.2.1 Le origini del Made in Italy; 1.2.2 Il vantaggio competitivo dei protagonisti del Made in Italy; 1.2.3 I distretti del Made in Italy: nuovi luoghi di innovazione; 1.3 I settori portanti; 1.3.1 Sistema Moda; 1.3.2 Sistema Arredo-Casa; 1.3.3 Sistema Agro-Alimentare; 1.3.4 Sistema Meccanica Collegata; 1.4 Il Made in Italy nello scenario internazionale; 1.4.1 I fattori vincenti nel mercato globale; 1.4.2 Le nuove sfide per la competitività internazionale; 1.5 Il Made in Italy di lusso; 1.5.1 I settori portanti; 1.5.2 Il Made in Italy di lusso nello scenario internazionale ; 1.5.3 Australia: un mercato da servire. 1.1 Considerazioni introduttive Eleganza, cultura progettuale, tradizione, ricerca stilistica, design di alto livello: sono queste le virtù che il resto del mondo attribuisce all’industria italiana. Nel presente Capitolo si propone uno spunto di riflessione circa la validità o meno del modello Made in Italy, dopo averne esaurientemente illustrato i caratteri peculiari, l’origine, il vantaggio competitivo e le sfide da affrontare per competere a livello internazionale. Il valore peculiare del Made in Italy ha origini molto profonde e lontane, anche nella storia. L’Italia è un Paese il cui appeal è frutto in gran parte delle suggestioni della sua storia, della sua arte, della sua cultura e del fascino della sua geografia. La marchiatura d’origine che contraddistingue un prodotto italiano esula delle più semplicistiche questioni di “country of origin effect” e dal fenomeno del “Made in”. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi