Skip to content

I costumi in Marie Antoinette di Sofia Coppola. Una lettura critica.

Informazioni tesi

  Autore: Carmen Cerretti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Relazioni pubbliche e pubblicità
  Relatore: Roberto Zemignan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

Il lavoro nasce da un interesse particolare nei confronti della regista Sofia Coppola, legato alla presenza di determinate tematiche e caratteristiche, tra le quali il lato intimistico costante nelle sue opere cinematografiche e l’attenzione al mondo femminile, in particolare quello dell’età adolescenziale. La regista propone in Marie Antoinette (2006) una versione inedita della biografia della regina di Francia, ponendo maggiore attenzione al suo percorso di maturazione verso l’età adulta piuttosto che agli sviluppi storici a lei contemporanei, sviluppi che hanno cambiato il corso della Storia, portando l’Europa alla modernità e a un nuovo concetto di Stato. Questa vena intimistica, che attraversa tutta la trilogia cinematografica della Coppola, raggiunge il suo culmine in questo lungometraggio, in cui la Rivoluzione Francese non diventa che un brusio di sottofondo nella trama.
In questo contesto delineato dal film, i costumi assumono un valore e un’importanza del tutto particolari poiché, oltre a contestualizzare la scena e ricreare l’ambientazione storica, veicolano altri messaggi, concorrendo a definire il profilo dei personaggi principali.
Ai fini di una corretta analisi filmica, per prima cosa diventa necessaria la conoscenza delle biografie di Sofia Coppola e di Maria Antonietta. La prima, per comprendere quali esperienze abbiano influenzato il suo stile da regista; la seconda, per conoscere gli eventi storici che la sovrana ha vissuto e che hanno provocato la sua fine così cruenta. Tutto questo ha dato vita al primo capitolo.
In seguito, nel secondo capitolo viene proposta l’esposizione delle principali tematiche e caratteristiche dell’opera: l’importanza del rito di passaggio, la solitudine come tema cardine del film, i riferimenti pittorici e artistici nel visual style della regista, e, infine, un’ipotesi di definizione del film. Partendo dall’ipotesi che il film sia “storico”, dovuto alla scelta della location per esempio, altre scelte, come i brani di musica di musica rock e dettagli anacronistici, lo rendono un film “aperto”, una rievocazione del Settecento, liberamente interpretata dalla regista.
Allo scopo di poter approfondire la ricostruzione storica dell’ambientazione e dell’abbigliamento realizzata nel film, nel terzo capitolo viene presentato, in forma sintetica, un profilo della storia del costume e dell’arredamento alla corte di Versailles durante il regno di Luigi XVI.
Nell’ultimo capitolo, il quarto, dopo aver ritratto la figura della costumista, Milena Canonero, vengono analizzati i costumi e i vari significati che essi veicolano all’interno del film. In numerose scene, sempre uguali a se stesse, girate per sottolineare la noia nelle giornate della regina, i costumi, mediante un significativo processo di narrativazzazione, permettono allo spettatore di percepire il passare del tempo. Essi assumono un ruolo preponderante nella definizione dei personaggi, contribuendo a delinearne la psicologia e il carattere. Infine, questo lavoro di analisi ha consentito di evidenziare come la scenografia e i costumi non abbiano avuto la funzione di riprodurre, in maniera mimetica, le fogge e il gusto del tardo Settecento, ma una loro interpretazione, una loro rivisitazione creata traendo ispirazione da diverse fonti iconografiche e musicali. Marie Antoinette di Sofia Coppola non è, dunque, un film storico tradizionale, ma l’esperienza di una teen ager sullo sfondo della Rivoluzione Francese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il lavoro nasce da un interesse particolare nei confronti della regista Sofia Coppola, legato alla presenza di determinate tematiche e caratteristiche, tra le quali il lato intimistico costante nelle sue opere cinematografiche e l’attenzione al mondo femminile, in particolare quello dell’età adolescenziale. La regista propone in Marie Antoinette (2006) una versione inedita della biografia della regina di Francia, ponendo maggiore attenzione al suo percorso di maturazione verso l’età adulta piuttosto che agli sviluppi storici a lei contemporanei, sviluppi che hanno cambiato il corso della Storia, portando l’Europa alla modernità e a un nuovo concetto di Stato. Questa vena intimistica, che attraversa tutta la trilogia cinematografica della Coppola, raggiunge il suo culmine in questo lungometraggio, in cui la Rivoluzione Francese non diventa che un brusio di sottofondo nella trama. In questo contesto delineato dal film, i costumi assumono un valore e un’importanza del tutto particolari poiché, oltre a contestualizzare la scena e ricreare l’ambientazione storica, veicolano altri messaggi, concorrendo a definire il profilo dei personaggi principali. Ai fini di una corretta analisi filmica, per prima cosa diventa necessaria la conoscenza delle biografie di Sofia Coppola e di Maria Antonietta. La prima, per comprendere quali esperienze abbiano influenzato il suo stile da regista; la seconda, per conoscere gli eventi storici che la sovrana ha vissuto e che hanno provocato la sua fine così cruenta. Tutto questo ha dato vita al primo capitolo. In seguito, nel secondo capitolo viene proposta l’esposizione delle principali tematiche e caratteristiche dell’opera: l’importanza del rito di passaggio, la solitudine come tema cardine del film, i riferimenti pittorici e artistici nel visual style della regista, e, infine, un’ipotesi di 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
costumi
costumi settecenteschi
costumista
maria antonietta
marie antoinette
milena canonero
oscar
reggia di versailles
settecento
sofia coppola

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi