Skip to content

Compagnia Teatro Umoristico "I De Filippo"

Informazioni tesi

  Autore: Gaspare Calvaruso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Renato Tomasino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

Nella stesura della tesi ho voluto mettere in risalto non un attore ma un‘intera stirpe di attori, I De Filippo, i figli di Eduardo Scarpetta grande attore napoletano. Ho, per tanto, dedicato il primo capitolo della tesi alla biografia di Scarpetta in quanto capostipite sia della famiglia “De Filippo” ma anche del teatro napoletano; e infatti grazie a lui e ai suoi figli che esso si svilupperà diventando parte della cultura italiana ma anche mondiale.
Nel secondo capitolo ho invece inserito la biografia dei tre figli, illegittimi di Scarpetta, Titina, Eduardo e Peppino, promulgatori del teatro del padre. I tre, anche se con molti alti e bassi costituirono una compagnia teatrale che durò dal 1931 al 1944, anno in cui si sciolse definitivamente.
Infine ho inserito un’appendice con le critiche rivolte ai De Filippo e con l’intervista ad Annamaria Ackermann. Io stesso mi sono recato a Napoli per intervistarla di persona e riuscire a cogliere personalmente le emozioni ancora celate nella sua voce quando parla dei grandi attori napoletani, come lo furono i De Filippo.Dopo l’intervista a Napoli, mi sono recato a Roma alla Biblioteca Buccardo per toccare con mano i copioni originali scritti da Eduardo, documenti della SIAE, locandine teatrali.
Ciò ha fatto si che la mia tesi oltre ad esser un lavoro scientifico è divenuta fonte di emozione per me, amante e appassionato del teatro in genere, ma soprattutto di quello dialettale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Eduardo Scarpetta, attore e commediografo, nasce a Napoli, il 13 marzo 1853. Suo padre, Domenico Scarpetta, funzionario statale, tentò più volte di avviarlo agli studi. Fu all'età di 9 anni che Eduardo Scarpetta assiste alla prima vera rappresentazione teatrale; il padre, infatti, lo portò al teatro San Carlino dove si stava rappresentando la recita pomeridiana della compagnia di Antonio Petito. Il contatto con Pulcinella (maschera della quale Antonio Petito fu il più grande interprete) non fu dei più felici; infatti quel naso ricurvo, quelle rughe della fronte e quell'espressione un po‟ inquietante della maschera, turbarono non poco il piccolo Eduardo Scarpetta. Assistere a quella rappresentazione costituì comunque per lui la scoperta di un mondo nuovo e cominciò ad avvertire l'esigenza di rendere più concreta questa sua passione. Cominciava così a nascere in Eduardo Scarpetta «il fuoco sacro» del teatro. Già all'età di 14 anni fu scritturato dall'impresario Salvatore Mormone e, dopo qualche giorno, debuttò al teatro San Carlino nella commedia «Cuntiente e guaje» dove interpretava il ruolo di un fattorino che aveva due o tre battute. Da quel momento si aprì per lui una strada ricca di soddisfazioni; infatti cominciò a riscuotere le simpatie del pubblico e a farsi notare per il suo giovane talento. Dopo qualche tempo, lo stesso Antonio Petito, che inizialmente si era rifiutato di indirizzarlo al mestiere di attore, lo scritturò adattando su di lui il personaggio di Felice Sciosciammocca, personaggio che si collocò nella sua produzione teatrale dialettale affiancando Pulcinella nelle sue divertenti avventure. Fu lo stesso Petito che pochi anni dopo, nel 1879, lo nominò capocomico della compagnia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]tesionline.it

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eduardo de filippo
eduardo scarpetta
i de filippo
napoli
peppino de filippo
teatro
teatro napoletano
teatro umoristico
titina de filippo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi