Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema psichiatrico tedesco, esempi di intervento ed ipotesi di sviluppo

Questa tesi parla del sistema psichiatrico tedesco, e piú in specifico quello del Berlino e del Brandeburgo.
Spiega le strutture presenti nel territorio analizzandole in maniera approfondita grazie all'aiuto di esempi tratti dall' esperienza diretta.
Viene così descritto in maniera generale e con un'introduzione storica nel primo capitolo. Nel 2° capitolo viene spiegato il sistema psichiatico territoriale, mentre nel TERZO vengono descritte le cliniche psichiatriche (sia diurne che residenziali: per adulti o per giovani).
Il quarto capitolo spiega (aiutata dall'ntervista fatta con un esperta del settore) di capire il conflitto, ora vivo, con la sottoscrizione tedesca alla convenzione ONU sul diritto dei disabili...

Mostra/Nascondi contenuto.
2Introduzione Per via delle mie origini, nata in una regione di confine dove la cultura italiana è mescolata a quella tedesca, ho sempre mantenuto un legame, anche se spesso ambiguo, con la Germania e la sua lingua. Questo mi ha portato alla ricerca di un contatto con essa, contatto che però combaciasse con la strada che ho scelto e che, infine, ho trovato nell’opportunità del tirocinio 1 . Sia quest'inverno, che precedentemente durante il corso della triennale ho svolto il tirocinio presso due associazioni private della capitale tedesca impegnate nell’assistenza di pazienti psicotici e borderline. Esse garantiscono un’assistenza che, unita ad una terapia, ha la funzione di sostituire l’ospedale psichiatrico, che invece si limita ad occuparsi dell’organizzazione degli interventi farmacologici e della gestione delle crisi di questi pazienti. L’assistenza si esprime attraverso l’organizzazione di una serie di attività sportive, gite o progetti artistici oltre che la creazione di un luogo che garantisca e inciti la socializzazione come mezzo terapeutico. Ma contemporaneamente anche nella creazione di un centro diurno e di un gruppo di appartamenti, dove i pazienti possono esperire la convivenza e 1 Vedi anche Introduzione in appendice A [pag I] (Di Tolla Seppi, 2009)

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Giulia Seppi Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 373 click dal 29/07/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.