Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nativi digitali ed uso ''tribale'' della rete

Internet è in mezzo a noi. Internet siamo noi. E Internet è il mondo che ha accolto nuove generazione e le ha plasmate, irreversibilmente.
Questa tesi si propone si indagare i comportamenti dei Nati Digitali, gli adolescenti di oggi, i moderni bimbi prodigio, nati in un mondo in via di digitalizzazione, senza alcuna memoria dell'analogico. Presenta le loro caratteristiche e particolarità, ponendo l'attenzione sul difficile compito degli insegnanti di oggi, che parlano un linguaggio predigitale, poco comprensibile a loro. Tra tanti approfondimenti e opinioni di scienziati e pensatori ci si lancia nel compito di infiltrarsi nel loro spazio preferito, facebook, per studiare e cercare di capire le loro forme di aggregazione e di pensiero.
Quello che ho capito, al termine di questo affascinante viaggio è che questi giovani ragazzi hanno davvero bisogno di una condivisione a tutti livelli, perchè realmente non la trovano. Perchè nella vita reale non riescono ad essere quello che sono e che vorrebbero. Ma ho anche capito che a causa della loro non memoria fanno della rete un uso prettamente ludico e rischiano di impoverirla. Il nosto compito, da immigrati digitali, dovrà essere, in un futuro non troppo lontano, quello di aiutarli ad arricchire, con la loro enorme intelligenza e la loro attitudine per le innovazioni Internet e i suoi contenuti.
Insieme, noi e loro, possiamo farcela.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Era il 13 marzo del 1989 ed avveniva al Cern di Ginevra. Tim Berners Lee e Robert Caillau davano vita ad una grande innovazione creando il word wide web, un ambiente di comunicazione universale con un sistema in grado di collegare documenti e informazioni. L’innovazione era realizzata tramite gli ipertesti, strutture informative costituite da un insieme di testi e pagine, visualizzabili per mezzo di un’interfaccia elettronica attraverso dei link. Una rivoluzione senza precedenti che ha cambiato il mondo. Vent’anni fa era solo un progetto. Adesso è radicato nella nostra realtà, nella vita di tutti i giorni e noi lo viviamo a pieno sfruttandone ogni potenziale. Tutto, la nostra formazione, la nostra comunicazione, il nostro lavoro, tutto si basa sul web. Sono passati solo vent’anni eppure le cose sono già mutate. Il web ha già modificato qualcosa. O meglio qualcuno. Mentre noi, più o meno adulti, vivevamo nel mondo che stava accogliendo Internet e stava vedendo nascere le nuove tecnologie digitali, mentre facevamo fatica ad abituarci al monitor del Pc, ai tasti dei primi telefoni cellulari, mentre vivevamo solo di analogico, stava nascendo una generazione di persone che avrebbe visto la luce in un mondo già digitalizzato. Delle persone che non avevano partecipato, né

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Spadaro Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3275 click dal 25/01/2010.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.