Skip to content

Il costruttivismo: un nuovo approccio per l'on line learning

Informazioni tesi

  Autore: Martina Scarimbolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Giorgio Bocca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

La diffusione di Internet sta contribuendo ad aprire orizzonti diversi:il nuovo scenario è indicato con il termine e-learning.Si ritiene che Internet possa garantire un accesso interattivo e aperto all’informazione.Si sta sperimentando in modo nuovo una metodologia che pone al centro dei processi di apprendimento l’interazione tra i discenti e i docenti: il COSTRUTTIVISMO.Questo approccio sta riscuotendo un notevole successo perché la società richiede sempre di più che ogni persona sia protagonista responsabile di una formazione continua lungo tutto l’arco della sua vita.Ognuno diviene potenzialmente fonte di apprendimento, perciò, diviene importante imparare ad apprendere dagli altri, a cooperare, a cedere le proprie conoscenze e a trasmetterle.Il costruttivismo mette in evidenza il valore educativo delle interazioni fra gli attori dei processi formativi, ma è il caso di accennare che questo interesse per la cooperazione non è limitato al settore della didattica, ma si colloca nell’ambito di qualsiasi attività di tipo intellettuale e cognitivo.Il sapere è diventato una “costruzione personale”, nel senso che non esiste più un sapere oggettivo e sovrapersonale, ma ciascuno di noi si costruisce il proprio sapere attraverso la propria esperienza personale e, quindi, attraverso i suoi interessi.Nel primo capitolo ho messo in rilievo come l’adulto stia acquistando la consapevolezza di essere guida, con le proprie scelte, al processo di autoeducazione che vede come suo fine ultimo la propria piena realizzazione.In questo senso, l’educazione permanente si rivela come attinente ai diritti fondamentali della persona, perchè diviene espressione della sua libertà interiore all’interno di una società che si scopre culturalmente ricca e in grado di progettare itinerari formativi dotati di senso.Fortunatamente, si sta riscoprendo il valore ultimo del lavoro: esso deve essere un’espressione della creatività e dell’ingegno di ogni uomo che, attraverso le proprie competenze, può liberamente esprimere se stesso nel “fare”.In una società flessibile, come la nostra, il lavoratore deve essere pronto ad affrontare ogni cambiamento di professione e quindi deve essere in grado di apprendere rapidamente nuove forme di lavoro senza trascurare la dimensione personale oltre a quella meramente professionale – esecutiva.Gli interventi formativi da attuare dovranno, quindi, mirare alla diffusione di conoscenze, di valori aziendali e capacità gestionali, in sintonia con le attuali esigenze del mercato del lavoro.La formazione rappresenta così un punto di incontro fra le potenzialità e i bisogni dell’individuo e quelli dell’organizzazione: poiché si avverte sempre più la necessità di migliorare il proprio livello di competenza, perciò, anche durante la vita di lavoro, non si deve mai smettere di imparare.L’e-learning diviene un ottimo strumento didattico per la formazione continua, perché attraverso la rete si hanno miriadi di opportunità di accrescere le proprie competenze con tutti i vantaggi logistici che essa offre.Nel secondo capitolo ho introdotto le linee storico – evolutive della “costruzione della conoscenza”, delineando le diverse metodologie che hanno caratterizzato i diversi approcci educativi.Il comportamentismo analizzava solamente i comportamenti visibili dell’individuo sottovalutando l’importanza della mente.Le leggi dell’apprendimento skinneriano comprendono essenzialmente quattro principi: quello della partecipazione attiva, dei piccoli passi, della conoscenza dei risultati e dell’individualizzazione, che stanno alla base dell’istruzione programmata.Ma questo modello educativo risultò troppo riduttivo perché venivano sottovalutati i processi interni che favoriscono l’apprendimento, così negli anni Cinquanta iniziò la Rivoluzione Cognitiva che vide nascere il cognitivismo.Intorno agli anni Settanta si può collocare la nascita del Costruttivismo, che riprese molti concetti dal Cognitivismo, in quanto pose al centro dei processi educativi la mente di tutti i soggetti coinvolti.Secondo i Costruttivisti la conoscenza è il prodotto di una costruzione attiva del soggetto e ha carattere situato, cioè ancorato nel contesto concreto e si svolge attraverso particolari forme di collaborazione e negoziazione sociale.È importante sottolineare come l’approccio costruttivista tenda a rispettare le libere scelte che ogni individuo compie prima di intraprendere un proprio percorso di apprendimento.Il terzo capitolo tratta più specificamente del costruttivismo: approccio efficace in ambito didattico, ma anche nelle organizzazioni lavorative in cui è sempre più richiesta la capacità di lavorare armoniosamente in team.Nell'ultimo capitolo introduco il concetto di cyberspazio, che è l’orizzonte di un mondo virtuale vivo, eterogeneo e non totalizzabile a cui ognuno può partecipare e contribuire, che si è costituito grazie all'aumento delle interconnessioni nel World Wide Web.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione La diffusione di Internet e la crescita di una capillare “cultura della rete” stanno contribuendo ad aprire orizzonti diversi, in cui non solo l’identità delle istituzioni tradizionali tenderà ad entrare in crisi o a modificarsi, ma in cui il valore degli ambienti di apprendimento più esclusivamente e tipicamente virtuali diventerà sempre più grande. Il nuovo scenario è indicato con il termine on line learning, esso intende soprattutto mettere in evidenza la relazione sempre più stretta che si instaurerà tra le tecnologie telematiche e l’educazione basata su modelli aperti e “distribuiti”, senza dimenticare che si sta ormai delineando un legame abbastanza stretto tra la formazione in rete e le varie istanze sociali. Si ritiene che Internet possa garantire un accesso più diretto, interattivo e aperto all’informazione: ne consegue che la motivazione alla conoscenza aumenta, e l’esperienza dell’apprendimento è destinata a diventare sempre più flessibile tanto che si apriranno spazi per ridisegnare le modalità della formazione e dell’aggiornamento professionale in modo continuativo. Le comunità virtuali, supportate dalle tecnologie di rete, cominciano a rappresentare un modello di ambiente di apprendimento collaborativo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apprendimento collaborativo
apprendimento individualizzato
apprendimento interattivo
approccio costruttivista
autoeducazione
comunita virtuali
costruttivismo
costruzione della conoscenza
cultura della rete
cyberspazio
didattica on-line
e-learning
educazione degli adulti
educazione permanente
flessibilità
formazione continua
formazione on line
internet
mondo virtuale
on-line learning
personalizzazione dell'apprendimento
scuola in rete
tecnologie telematiche
world wide web

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi