Skip to content

Exploitation e Jacopetti: pionieri dello streaming video ''selvaggio''?

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Paolo Maria Pasanisi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Carlo Formenti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

Nella prima parte della tesi verranno trattate le origini storiche dei film di exploitation (cioè di sensazionalismo) e dei Mondo movies accompagnate da un’analisi critica del fenomeno; la seconda parte è dedicata esclusivamente a Gualtiero Jacopetti: biografia, analisi dei film, pensiero, analogie col contesto storico-culturale; nella terza e quarta parte la tesi entra nel vivo: i Mondo Movies e Snuff Movies sono realistici o ricostruzioni? Jacopetti ha precorso i new media contemporanei? Un’analisi critica e tecnica dei portali di streaming video come Youtube o Spulp.com e dei siti “a sensazione” come rotten.com risponde a questo interrogativo ed altri ancora; la veridicità dei Mondo movies sia di Jacopetti che contemporanei (la serie home video Faces of Death), l’exploitation moderna divisa in “innocua” (e tutto sommato goliardica) come lo streaming video di situazioni comiche reali (ad esempio i casi grotteschi di Germano Mosconi, Nonno Fiorucci ecc…) e “pericolosa” (bullismo, violenze sugli animali ecc…)

La “pop culture” italiana è il “cantuccio” mediatico principale in cui “abitano” i film di Gualtiero Jacopetti. A partire dagli anni ’60 si sviluppa una propensione per una sottocultura (oggi molto rivalutata) che irrompe con violenza in quella tradizionale dell’italietta del boom economico: abbiamo i primi fumetti “neri” ossia Diabolik, Satanik e Kriminal di Magnus e Bunker; la moda beat e ribelle ereditata dagli Stati Uniti e, soprattutto, i film “di genere”. Pur essendo prodotti in un certo senso “anarchici” per ciò che riguarda contenuti e scene forti, sono pur sempre un effetto diretto dell’Italia del boom economico, dell’esplodere dei consumi; nasceva un nuovo genere di intrattenimento cinematografico, basato sull’importazione e la rielaborazione di generi “classici” (horror, thriller, film mitologico, peplum, western, fantascienza e così via). Fra gli autori più prolifici abbiamo Mario Bava, che portò in Italia l’horror gothic già famoso in Inghilterra con la Hammer Film, casa di produzione cinematografica che già negli anni ’50 rifaceva i vecchi successi Universal degli anni ’30 (Dracula, Frankenstein, la Mummia). Bava diventerà nel corso dei decenni il mentore dei più “giovani” Dario Argento e Michele Soavi; questi film, almeno quando non erano riletture di racconti, fumetti o romanzi, hanno trame sulla soglia del ridicolo, ma in effetti la vera caratteristica del cinema “pop” è essenzialmente la scena alla Grand Guignol molto teatrale e sanguinosa e l’uso magistrale del montaggio, della ripresa e della fotografia; immagini “pulite” e dai colori molto accesi, nel cinema “pop” si precorre un uso esasperato di tecniche allora trascurate come lo zoom e il montaggio, dinamici come nei film di trenta/quarant’anni dopo.
Abbiamo detto che nel mondo del cinema si crea questa “nicchia” solitamente snobbata dagli intellettuali di allora, ma anche il giornalismo, o meglio il cinegiornale, si congiunge al filone dei film “di genere” grazie a Gualtiero Jacopetti, uno dei primi che gira serie di documentari dal sapore “cinematografico” e d’intrattenimento puro. Jacopetti, nonostante alcuni di questi film siano monopolio di autori di sinistra (in quanto celano un sostrato critico sulla società), rientra a pieno titolo in una corrente culturale che su diversi supporti mediatici, è vecchia più di un secolo: l’exploitation.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 BREVE INTRODUZIONE I “pionieri” o “precursori” sono spesso stati considerati come dei benefattori dell’umanità, il precorrere un qualcosa (un genere cinematografico, un tipo di musica, un’idea politica ecc..) è un aspetto di grande interesse per qualsiasi studioso (di medicina, economia, legge, politica, comunicazione ecc…). Come affermato all’inizio, i pionieri sono stati spesso ritenuti benefattori; infatti, non sempre: basti ricordare il D’Annunzio che, inconsapevolmente, ispirò molti aspetti dell’ideologia fascista. Oppure a un curioso e controverso giornalista/regista che girava dei documentari shockanti pieni di violenza ed immagini curiose da tutto il mondo: Gualtiero Jacopetti è probabilmente il precursore di programmi TV in cui vengono trasmessi dei mini-report sulle stranezze da tutto il mondo, ma anche dell’ormai diffusissima tendenza a “postare” in internet (YouTube ne è un esempio) filmati spesso curiosi o violenti per avere più “sharing” all’interno del portale. Detta così non sembra un atto pionieristico “maligno”, però, analizzando il fenomeno in profondità nel corso della tesi, verranno alla luce aspetti spesso inquietanti e ricchi di cinismo comuni sia a Jacopetti che ad alcuni cybernauti che postano in rete i video in Streaming. In realtà trattare di Gualtiero Jacopetti fa sprofondare inevitabilmente nell’ambiguità, che è poi la pregnante caratteristica dei suoi film. Il seguente lavoro potrà sembrare incoerente per alcuni versi, ma è solo in questo modo che sono riuscito a trattare di questo personaggio per i più indifendibile. Nella prima parte della tesi verranno trattate le origini storiche dei film di exploitation (cioè di sensazionalismo) e dei Mondo movies accompagnate da un’analisi critica del fenomeno; la seconda parte è dedicata esclusivamente a Gualtiero Jacopetti: biografia, analisi dei film, pensiero, analogie col contesto storico-culturale; nella terza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

blob
destra
documentari
exploitation
giornalismo
gualtiero jacopetti
internet
mai dire tv
mondo movies
murdoch
politica
pop
precursori
real-tv
riz ortolani
sessantotto
sinistra
snuff movies
splatter
storia
streaming video
tecnica
xenofobia
youtube

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi