Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Exploitation e Jacopetti: pionieri dello streaming video ''selvaggio''?

Nella prima parte della tesi verranno trattate le origini storiche dei film di exploitation (cioè di sensazionalismo) e dei Mondo movies accompagnate da un’analisi critica del fenomeno; la seconda parte è dedicata esclusivamente a Gualtiero Jacopetti: biografia, analisi dei film, pensiero, analogie col contesto storico-culturale; nella terza e quarta parte la tesi entra nel vivo: i Mondo Movies e Snuff Movies sono realistici o ricostruzioni? Jacopetti ha precorso i new media contemporanei? Un’analisi critica e tecnica dei portali di streaming video come Youtube o Spulp.com e dei siti “a sensazione” come rotten.com risponde a questo interrogativo ed altri ancora; la veridicità dei Mondo movies sia di Jacopetti che contemporanei (la serie home video Faces of Death), l’exploitation moderna divisa in “innocua” (e tutto sommato goliardica) come lo streaming video di situazioni comiche reali (ad esempio i casi grotteschi di Germano Mosconi, Nonno Fiorucci ecc…) e “pericolosa” (bullismo, violenze sugli animali ecc…)

La “pop culture” italiana è il “cantuccio” mediatico principale in cui “abitano” i film di Gualtiero Jacopetti. A partire dagli anni ’60 si sviluppa una propensione per una sottocultura (oggi molto rivalutata) che irrompe con violenza in quella tradizionale dell’italietta del boom economico: abbiamo i primi fumetti “neri” ossia Diabolik, Satanik e Kriminal di Magnus e Bunker; la moda beat e ribelle ereditata dagli Stati Uniti e, soprattutto, i film “di genere”. Pur essendo prodotti in un certo senso “anarchici” per ciò che riguarda contenuti e scene forti, sono pur sempre un effetto diretto dell’Italia del boom economico, dell’esplodere dei consumi; nasceva un nuovo genere di intrattenimento cinematografico, basato sull’importazione e la rielaborazione di generi “classici” (horror, thriller, film mitologico, peplum, western, fantascienza e così via). Fra gli autori più prolifici abbiamo Mario Bava, che portò in Italia l’horror gothic già famoso in Inghilterra con la Hammer Film, casa di produzione cinematografica che già negli anni ’50 rifaceva i vecchi successi Universal degli anni ’30 (Dracula, Frankenstein, la Mummia). Bava diventerà nel corso dei decenni il mentore dei più “giovani” Dario Argento e Michele Soavi; questi film, almeno quando non erano riletture di racconti, fumetti o romanzi, hanno trame sulla soglia del ridicolo, ma in effetti la vera caratteristica del cinema “pop” è essenzialmente la scena alla Grand Guignol molto teatrale e sanguinosa e l’uso magistrale del montaggio, della ripresa e della fotografia; immagini “pulite” e dai colori molto accesi, nel cinema “pop” si precorre un uso esasperato di tecniche allora trascurate come lo zoom e il montaggio, dinamici come nei film di trenta/quarant’anni dopo.
Abbiamo detto che nel mondo del cinema si crea questa “nicchia” solitamente snobbata dagli intellettuali di allora, ma anche il giornalismo, o meglio il cinegiornale, si congiunge al filone dei film “di genere” grazie a Gualtiero Jacopetti, uno dei primi che gira serie di documentari dal sapore “cinematografico” e d’intrattenimento puro. Jacopetti, nonostante alcuni di questi film siano monopolio di autori di sinistra (in quanto celano un sostrato critico sulla società), rientra a pieno titolo in una corrente culturale che su diversi supporti mediatici, è vecchia più di un secolo: l’exploitation.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 BREVE INTRODUZIONE I “pionieri” o “precursori” sono spesso stati considerati come dei benefattori dell’umanità, il precorrere un qualcosa (un genere cinematografico, un tipo di musica, un’idea politica ecc..) è un aspetto di grande interesse per qualsiasi studioso (di medicina, economia, legge, politica, comunicazione ecc…). Come affermato all’inizio, i pionieri sono stati spesso ritenuti benefattori; infatti, non sempre: basti ricordare il D’Annunzio che, inconsapevolmente, ispirò molti aspetti dell’ideologia fascista. Oppure a un curioso e controverso giornalista/regista che girava dei documentari shockanti pieni di violenza ed immagini curiose da tutto il mondo: Gualtiero Jacopetti è probabilmente il precursore di programmi TV in cui vengono trasmessi dei mini-report sulle stranezze da tutto il mondo, ma anche dell’ormai diffusissima tendenza a “postare” in internet (YouTube ne è un esempio) filmati spesso curiosi o violenti per avere più “sharing” all’interno del portale. Detta così non sembra un atto pionieristico “maligno”, però, analizzando il fenomeno in profondità nel corso della tesi, verranno alla luce aspetti spesso inquietanti e ricchi di cinismo comuni sia a Jacopetti che ad alcuni cybernauti che postano in rete i video in Streaming. In realtà trattare di Gualtiero Jacopetti fa sprofondare inevitabilmente nell’ambiguità, che è poi la pregnante caratteristica dei suoi film. Il seguente lavoro potrà sembrare incoerente per alcuni versi, ma è solo in questo modo che sono riuscito a trattare di questo personaggio per i più indifendibile. Nella prima parte della tesi verranno trattate le origini storiche dei film di exploitation (cioè di sensazionalismo) e dei Mondo movies accompagnate da un’analisi critica del fenomeno; la seconda parte è dedicata esclusivamente a Gualtiero Jacopetti: biografia, analisi dei film, pensiero, analogie col contesto storico-culturale; nella terza

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesco Paolo Maria Pasanisi Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 742 click dal 25/01/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.