Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I derivati come strumenti di copertura del rischio

La mia Tesi del master dal titolo: “I Derivati come Strumenti di Copertura del Rischio” è consistita nell’analisi degli strumenti finanziari derivati necessari a neutralizzare i rischi insiti nell’attività economica intrapresa da un’azienda tutelandola da probabili perdite. L’analisi empirica è consistita nello studio della stipula di un contratto di Commodity Swap stipulato dalla Maxcom Pertoli S.p.A. - Roma, per l’acquisto di una certa quantità di Commodity (olio combustibile basso e olio combustibile alto) dalla Totsa Total Oil Trading S.p.A.- Svizzera, contratto stipulato per proteggersi dagli aumenti di prezzi delle Commodities attraverso lo scambio di flussi di cassa.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PARTE I: STRUMENTI DERIVATI Obiettivo L’obiettivo del presente lavoro è quello di fornire una visione dei possibili rischi insiti nell’attività economica intrapresa da un’azienda e di analizzare gli strumenti necessari a neutralizzare tali rischi tutelando l’azienda da probabili perdite. Nella prima parte viene fatta un’ampia descrizione degli strumenti finanziari derivati distinguendo tra strumenti finanziari derivati simmetrici e asimmetrici, tra strumenti finanziari derivati negoziati nei mercati regolamentati e strumenti finanziari over-the counter. Dopo la descrizione degli utilizzi e delle finalità dei prodotti derivati (copertura, speculazione e arbitraggio) vengono presentate le tipologie più utilizzate degli stessi ovvero: Future, Forward, Opzioni, Swap, Interest Rate Swap, Forward Rate Agreement, Esotici e Strutturati. La seconda parte è interamente dedicata alla descrizione dalla copertura dei rischi. Dopo aver dato una definizione del concetto di rischio finanziario, si descrivono le varie tipologie di rischio a cui sono soggette le aziende distinguendo tra: rischio di prezzo, di tasso, di cambio, di credito, di commodity e di liquidità. Successivamente analizzando una delle finalità dei prodotti finanziari derivati, quale la copertura meglio nota come “hedging”, si mette in evidenza come tali strumenti abbiano un elevato potere di neutralizzazione nonché di copertura dei rischi a cui un’azienda è sottoposta nell’ambito della sua attività economica di produttività, sviluppo e crescita. L’ultima parte, l’ analisi empirica riguarda la stipula di un contratto di commodity swap stipulato dalla Maxcom Pertoli S.p.A.-Roma, per l’acquisto di una certa quantità di commodity (olio combustibile basso e olio combustibile alto) dalla Totsa Total Oil Trading S.p.A.- Svizzera, contratto stipulato per proteggersi dagli aumenti di prezzi delle commodities attraverso lo scambio di flussi di cassa. 1. Introduzione Gli strumenti finanziari derivati, sono contratti il cui valore dipende dall’andamento di un’attività sottostante meglio nota come “ underlying asset ”. Le attività sottostanti possono avere una “natura finanziaria”: quotazioni azionarie, tassi di interesse quali l’Euribor o tassi di cambio, titoli azionari, titoli obbligazionari, prezzi di merci, tariffe, variabili climatiche, merito creditizio di uno o più soggetti, condizioni meteorologiche ecc…; una “natura reale”: generi alimentari, tessili, metalli, oro, petrolio, cacao ecc…. All’interno degli strumenti finanziari derivati si effettua una distinzione a seconda che essi siano simmetrici o asimmetrici. Per strumenti simmetrici si intendono quegli strumenti in cui, alla fine della scadenza o delle scadenze pattuite, al guadagno di una delle parti corrisponderà una perdita speculare per l’altra. In questo caso entrambi i contraenti (acquirente e venditore) si impegnano ad effettuare una prestazione alla data di scadenza. Per contro, negli strumenti asimmetrici non c’è equivalenza tra i risultati economici dei due contraenti e alla perdita dell’uno non corrisponde un guadagno per l’altro di pari importo. In questo caso solo il venditore è obbligato a soddisfare la volontà del compratore. Quest’ultimo, pagando un prezzo (detto premio), acquisisce il diritto di decidere in data futura se effettuare oppure no la compravendita del bene sottostante. Ad esempio, nel contratto di opzione lo scambio avviene solo dietro pagamento del premio da parte della controparte cui è attribuita tale facoltà e il ritorno economico da essa derivante non è correlato all’entità del premio versato. Un’ulteriore distinzione concerne:

Tesi di Master

Autore: Tiziana Lonetti Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6930 click dal 26/01/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.