Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Conflitti e comitati ambientali in territorio veneziano: una mappatura del fenomeno

Con questo lavoro ci si propone di contribuire alla formazione di un quadro delle conflittualità territoriali e dello stato ambientale del veneziano. A tal fine, sono stati oggetto di indagine i comitati cittadini che attualmente si oppongono ad interventi di varia tipologia (urbanizzazioni, impianti industriali, inceneritori, infrastrutture ecc.) già esistenti o in fase progettuale, da essi ritenuti negativi.
Alla ricerca vera e propria si è anteposta una ricostruzione storica della vicenda economica veneta, visto il forte ruolo avuto nel dare alla nostra regione una delle sue caratteristiche oggi più evidenti al viaggiatore attento: l’insediamento diffuso, intreccio di residenzialità e produzione.
È stato quindi rivolto un veloce sguardo anche alla più recente evoluzione urbanistica nella provincia di Venezia.
Segue il censimento e la mappatura dei comitati cittadini attivi: l'analisi delle informazioni raccolte caso per caso ha permesso di far luce sulle modalità con cui i cittadini reagiscono, si organizzano e si mobilitano nei confronti delle problematiche territoriali e ambientali, che, come si vedrà, sempre più spesso minacciano la qualità dei luoghi e la qualità della vita degli abitanti.
Il confronto tra quanto evidenziato dal presente lavoro e i risultati di una analoga ricerca svolta nel 1998 fa emergere i cambiamenti avvenuti nell’ultimo decennio.
A concludere, sono state approfondite le caratteristiche del Comitato Certosa e forte Sant'Andrea, da molti anni impegnato per il recupero ambientale, e per favorire la destinazione a parco pubblico, delle due omonime isole della laguna veneziana.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Con questo lavoro ci si propone di contribuire alla formazione di un quadro delle conflittualità territoriali e dello stato ambientale del veneziano. A tal fine, sono stati oggetto di indagine i comitati cittadini che attualmente si oppongono ad interventi di varia tipologia (urbanizzazioni, impianti industriali, inceneritori, infrastrutture ecc.) già esistenti o in fase progettuale, da essi ritenuti negativi. Alla ricerca vera e propria si è anteposta una ricostruzione storica della vicenda economica veneta, visto il forte ruolo avuto nel dare alla nostra regione una delle sue caratteristiche oggi piø evidenti al viaggiatore attento: l’insediamento diffuso, intreccio di residenzialità e produzione. ¨ stato quindi rivolto un veloce sguardo anche alla piø recente evoluzione urbanistica nella provincia di Venezia. Segue il censimento e la mappatura dei comitati cittadini attivi: l'analisi delle informazioni raccolte caso per caso ha permesso di far luce sulle modalità con cui i cittadini reagiscono, si organizzano e si mobilitano nei confronti delle problematiche territoriali e ambientali, che, come si vedrà, sempre piø spesso minacciano la qualità dei luoghi e la qualità della vita degli abitanti. Il confronto tra quanto evidenziato dal presente lavoro e i risultati di una analoga ricerca svolta nel 1998 fa emergere i cambiamenti avvenuti nell’ultimo decennio. A concludere, sono state approfondite le caratteristiche del Comitato Certosa e forte Sant'Andrea, da molti anni impegnato per il recupero ambientale, e per favorire la destinazione a parco pubblico, delle due omonime isole della laguna veneziana. 7

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristiano Vio Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 630 click dal 27/01/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.