Skip to content

Barack Obama e il Movimento per i Diritti Civili statunitense: tra storia, memoria e attualità politica

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Benvenuti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Alessandra Lorini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

Il discorso “A more perfect union” di Barack Obama è stato la fonte d’ispirazione di questa tesi di laurea: per la prima volta, dall’inizio della sua campagna elettorale, il senatore afroamericano ha affrontato la questione razziale. Partendo dal discorso di Filadelfia, l’obiettivo che mi sono prefisso è quello di rivisitare la storia del Movimento per i Diritti Civili statunitense e di Martin Luther King alla luce dell’ascesa politica del presidente di Chicago.
Attraverso le fasi della campagna elettorale di Obama ho rivisto i risultati ottenuti dal Movimento per i Diritti Civili a quarant’anni dalla morte del suo leader ed analizzato quale tipo di memoria pubblica le battaglie per i diritti civili e King hanno lasciato nell’America contemporanea. Il crescente risultato politico di Obama può aiutare a capire a che punto del “sogno” di Martin Luther King si trovino oggi gli Stati Uniti. Per questo è fondamentale ricorrere all’intreccio tra storia, memoria e attualità in un continuo spostamento tra gli anni ’50-’60 e la contemporaneità. In altri termini, ripercorrendo le varie fasi della vita di del leader afroamericano, ho esaminato che cosa è entrato a far parte della memoria pubblica.
Il primo capitolo è dedicato a Barack Obama e alla sua vertiginosa ascesa politica. Partendo da una serie di interviste fatte ad alcuni esponenti del Movimento per i Diritti Civili, nei mesi di maggio e giugno del 2008, mi sono soffermato sul significato della candidatura di Obama per coloro che lottarono in prima fila per i diritti degli afroamericani. Ho chiesto ad alcuni attivisti di quel Movimento se per loro Barack Obama era un punto di partenza o un punto di arrivo nel raggiungimento della piena integrazione razziale negli Stati Uniti. Nell’esame del dibattito politico che ha scaldato la campagna per le elezioni presidenziali del 2008, ho verificato se, e in che modo, il colore della pelle abbia influito sulla candidatura e sulla vittoria di Obama. Ho poi affrontato una questione importante che è emersa nello scontro delle primarie democratiche: il rapporto tra razza e genere, più volte portato alla luce dall’aspro duello Hillary Clinton v. Barack Obama. Se, infatti, Barack Obama è un volto nuovo della politica americana grazie anche al suo colore della pelle, lo stesso discorso vale per Hillary Rodham Clinton che, se avesse vinto, sarebbe diventata il primo presidente donna. Restando sul confronto tra race e gender ho poi analizzato la scelta del senatore McCain alla vicepresidenza, la senatrice dell’Alaska Sarah Palin che avrebbe dovuto portare un’ondata rinnovatrice al Partito Repubblicano. Ho poi preso in esame i dibattiti televisivi tra Obama e McCain, focalizzandomi maggiormente su questioni riguardanti la razza e la storia statunitense. Infine, dopo il successo elettorale di Obama, ho esaminato alcune reazioni degli americani e del mondo alla vittoria di colui che è divenuto sempre di più un leader “globale”.
Il secondo capitolo ripercorre la storia del Movimento per i Diritti Civili. Ho trattato alcuni momenti della conquista dei diritti degli afroamericani, in particolare quelli che sono entrati a far parte della memoria pubblica e ricordati durante il Martin Luther King Day. Ripercorrendo gli ultimi tre anni della vita di King, dal Voting Rights Act alla sua morte, il 4 aprile 1968, ho poi visto in che modo questa memoria trattiene solo una parte della storia.
Il terzo capitolo è dedicato a uno degli stati dove il Movimento per i Diritti Civili ha trovato una maggiore resistenza: il Mississippi. Ho ripercorso la storia della popolazione afroamericana in questo stato, soffermandomi sul periodo del Movimento, dai primi anni cinquanta a tutti gli anni sessanta, focalizzando l’attenzione sui principali avvenimenti di quegli anni. Ho poi preso in considerazione i risultati elettorali delle elezioni presidenziali di questo stato nel 1968, le prime dopo il successo del Movimento e il raggiungimento dei pari diritti. Partendo dai risultati delle elezioni ho parlato di George Wallace che, promuovendo un ritorno al vecchio sistema segregazionista, ha ottenuto la vittoria di tutto il Deep South. Ho poi visto come la questione della razza abbia continuato ad avere peso nelle elezioni americane per molti anni grazie ad una strategia repubblicana chiamata “Southern Strategy”. Sono poi giunto alla recente campagna elettorale esaminando il primo scontro delle primarie democratiche tra la Clinton e Obama e quello tra i candidati presidenziali Obama e McCain; ho poi esaminato il risultato elettorale del Mississippi contea per contea evidenziando come, ancora una volta, la questione della razza abbia influenzato le scelte politiche di questo stato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “[…] Race is an issue that I believe this nation cannot afford to ignore right now. Segregated schools were, and are, inferior schools; we still haven't fixed them, fifty years after Brown v. Board of Education, and the inferior education they provided, then and now, helps explain the pervasive achievement gap between today's black and white students […]” 1 . Il discorso “A more perfect union” di Barack Obama è stato la fonte d’ispirazione di questa tesi di laurea: per la prima volta, dall’inizio della sua campagna elettorale, il senatore afroamericano ha affrontato la questione razziale. Partendo dal discorso di Filadelfia, l’obiettivo che mi sono prefisso è quello di rivisitare la storia del Movimento per i Diritti Civili statunitense e di Martin Luther King alla luce dell’ascesa politica del presidente di Chicago. Attraverso le fasi della campagna elettorale di Obama ho rivisto i risultati ottenuti dal Movimento per i Diritti Civili a quarant’anni dalla morte del suo leader ed analizzato quale tipo di memoria pubblica le battaglie per i diritti civili e King hanno lasciato nell’America contemporanea. Il crescente risultato politico di Obama può aiutare a capire a che punto del “sogno” di Martin Luther King si trovino oggi gli Stati Uniti. Per questo è fondamentale ricorrere all’intreccio tra storia, memoria e attualità in un continuo spostamento tra gli anni ’50-’60 e la contemporaneità. In altri termini, ripercorrendo le varie fasi della vita di del leader afroamericano, ho esaminato che cosa è entrato a far parte della memoria pubblica. Il primo capitolo è dedicato a Barack Obama e alla sua vertiginosa ascesa politica. Partendo da una serie di interviste fatte ad alcuni esponenti del Movimento per i Diritti                                                             1  Barack Obama dal discorso "A More Perfect Union" al Constitution Center di Filadelfia, Pennsylvania, 18 marzo 2008.   6   

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

afroamericani
afroamericano
attivisti
attualità
barack obama
civil rights movement
color line
diritti civili
elezioni 2008
elezioni statunitensi
gender
hillary clinton
john mccain
martin luther king
memoria
mississippi
movimento per i diritti civili
naacp
post-razziale
race
sarah palin
storia
storia degli stati uniti
usa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi