Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Annozero può cominciare''. Analisi della trasmissione.

La tesi tratta dell'analisi della trasmissione AnnoZero, in onda su RAI DUE, condotta da Michele Santoro. Si parte dall'azienda in cui viene prodotto il programma, la RAI, descrivendone brevemente i compiti e raccontando la sua evoluzione. In seguito si passa a definire il genere televisivo di appartenenza, il talk show, per poi entrare nel dettaglio descrivendo le peculiarità della trasmissione dal punto di vista giornalistico (dall'organizzazione della trasmissione all'individuazione dei caratteri rituali ) e televisivo (regia, scenografia).
L'ultima parte è dedicata all'analisi degli scambi verbali prodotti all'interno del programma. Vengono esaminati due brani estratti da due puntate di AnnoZero attraverso l'analisi della conversazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. La RAI 1.1. Il servizio pubblico La RAI, radiotelevisione italiana, è attualmente una società per azioni alla quale viene affidato il servizio pubblico radiotelevisivo. Il servizio pubblico è un argomento molto delicato e di difficile definizione poiché il suo significato dipende dal contesto socio-culturale in cui si trova a operare. In effetti il ruolo del servizio pubblico è determinato prevalentemente sulla base di un testo che viene elaborato dalla RAI e dal Ministero della Comunicazione in cui si definiscono i compiti e gli obblighi (cfr. Franco Iseppi-Vittorio Bossi 1998: p. 12) Tuttavia non basta definire un contratto per stabilire il significato del servizio pubblico radiotelevisivo; occorre prima di tutto sviluppare un dibattito sulla missione e sugli obiettivi. Ciò va elaborato tenendo in considerazione l'ambiente culturale, i cambiamenti della società, le evoluzioni tecnologiche, le novità di mercato. Il servizio pubblico radiotelevisivo è caratterizzato, come affermano l'ex direttore generale RAI e giornalista Franco Iseppi e il professore Vittorio Bossi, dai seguenti elementi: la finalità del servizio, che deve ottemperare a criteri di pluralismo e di rispetto delle differenze presenti nel paese il riferimento editoriale, che è di tipo istituzionale (Ministero delle Comunicazioni attraverso il rispetto del contratto di servizio, Commissione parlamentare di vigilanza) gli utenti del servizio che sono sia consumatori che cittadini e non solamente consumatori, come nel caso delle emittenti commerciali la struttura produttiva, che, attraverso le sedi regionali, è radicata nel territorio la struttura dell'offerta, che privilegia le quote di produzione proprie rispetto al prodotto acquistato il volume dell'offerta al netto della pubblicità, che, nel caso della RAI, è di circa 10 ore quotidiane superiore a quella del concorrente privato la composizione dell'offerta, che è più del 60% costituita da programmi di servizio e per il resto da programmi di intrattenimento, mentre le proporzioni si invertono per l'emittenza privata la centralità del ruolo dell'informazione all'interno dei palinsesti le tematiche sociali e culturali affrontate quotidianamente e, in modo specifico, anche attraverso delle giornate dedicate a temi di particolare rilevanza i vincoli a cui l'offerta pubblica deve sottostare (contratto di servizio, Commissione parlamentare di vigilanza, Authority)

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Emiliano Scarponi Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1588 click dal 27/01/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.