Skip to content

Una normalità sofferente: i minori deviati. Luci ed ombre sul carcere minorile.

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Castriota
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Operatore giudiziario nei servizi di tutela sociale e minorile
  Relatore: Francesco Saverio Nusio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

In questa tesi si esamineranno i tentativi di spiegare il concetto di devianza minorile, confrontando fra loro le numerosi teorie sociologiche e valutando in quali modi tali contributi siano ancora oggi utilizzati. Verranno analizzati quelli che possono essere inquadrati come i presupposti di una carriera deviante, spiegando la dimensione unitaria generale e sociale della delinquenza minorile.Seguirà uno sguardo approfondito ai contenuti che compongono lo sfondo dell’intervento e delle risposte istituzionali della giustizia a tali problemi. Infine nell’ultima parte si confronterà il mondo dei minori devianti stranieri che subiscono non solo quelle che possono essere le “giuste” punizioni ad un comportamento sbagliato, ma anche le difficoltà di non appartenere a quello Stato che li punisce e spesso li disprezza. Si tenterà un ragionamento costruttivo che possa far emergere la realtà del loro disagio e bisogni, delle speranze che nutrono, queste piccole persone che spesso si trovano a contatto con le loro prime esperienze delinquenziali e non avendo la capacità di gestirle e superarle, potrebbero diventare un giorno futuri criminali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La realtà della nostra società contemporanea è sempre più spesso caratterizzata da episodi, talora eccezionali e atipici, di devianza criminale, soprattutto ad opera di minori. Sempre più frequentemente oggi ci si confronta con una “normalità sofferente” : storie di devianza, di malessere, di svantaggi e di dolore, di ragazzi che avvertono smarrimento e solitudine in un mondo spesso inospitale, da cui però è difficile carpirne elementi significativi da poter collegare ai motivi che sono alla base di tali comportamenti aggressivi. Da tutto questo l’opinione pubblica ne è attratta e nelle società industriali avanzate ad aumentare l’interesse per lo studio della devianza è la crescente “paura del crimine”, che provoca sentimenti di insicurezza, amplificata e suggestionata ancor di più dai media, che perseguono obiettivi di crescita dell’audience che nulla hanno a che fare con esigenze di informazione pubblica o di intervento nell’aiuto al minore. Tutte queste storie, che vedono in soggetti considerati da sempre nell’ideologia popolare come “piccoli ed indifesi”, i protagonisti, sono pezzi di vita distrutte che tentano di dare un senso a tali comportamenti, quel senso che i giovanissimi spesso prendono a calci, per reazione all’indifferenza o all’incapacità dell’altro di farsi carico delle sofferenze che sono state loro imposte, in famiglia o nella scuola. Infatti è raro che in tali atti di delinquenza giovanili ci sia la volontà cosciente di fare del male, è proprio l’esempio degli adulti che, nel totale abbandono culturale e nella mancanza di significato, spinge i ragazzi a infrangere le regole della società. Tanti sono gli scritti sul carcere e sui minori, grosse fette della società e delle istituzioni hanno speso parole e intenzioni, ma opere se ne sono avute poche nonostante le dimensioni di una società in cui tali comportamenti disumani sono divenuti la regola e la crescita del popolo carcerario. Se ne parla solo per rendere poco chiara ogni analisi, per nascondere un’ingiustizia che fa parte di una giustizia che tocca tutti, ma che non interviene e per questo spaventa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carcere minorile
carriera deviante
criminali
devianti stranieri
devianza
esperienze delinquenziali
giustizia
minori
minori immigrati
misure cautelari
ordinamento giudiziario
punizioni
risposte istituzionali
servizi sociali
sociale
teorie sociologiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi