Skip to content

Innovazione di prodotto in ambito vitivinicolo: il Lugana metodo classico, un caso aziendale

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Ciampalini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agroalimentari
  Relatore: Dario Casati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

Negli ultimi anni il “mondo” del vino si è reso protagonista di una notevole crescita. Numerose aziende hanno beneficiato di questo sviluppo, allargando la propria offerta e varcando i confini nazionali alla ricerca di nuovi mercati. Questa crescita ha obbligato i produttori a passare da una gestione e mentalità di tipo prettamente agricolo ad un approccio basato su una visione industriale e commerciale del settore vitivinicolo.
Partendo da questi presupposti la tesi affronta una parte della gestione aziendale troppo spesso trascurata: l’innovazione.
Tra invenzione ed innovazione vi è una differenza. Inventare significa concepire per la prima volta un prodotto o processo; innovare significa tentare di mettere in pratica per la prima volta questa nuova idea. In alcuni casi il tempo che trascorre dall’invenzione all’innovazione è praticamente nullo, in altri casi possono passare parecchi anni. Questi intervalli di tempo sottolineano come siano necessari fattori diversi per concepire un’idea e per metterla in pratica. Per trasformare un’invenzione in innovazione un’impresa deve essere in grado di combinare tipi diversi di conoscenze , di capacità, di competenze e di risorse. Per esempio deve conoscere i meccanismi di produzione e di mercato, avere impianti e competenze, risorse finanziarie ecc. L’innovazione quindi è un processo che può essere lungo e complesso e che deve essere gestito secondo regole precise e che non si ferma certamente alla concezione dell’invenzione.
Un altro aspetto dell’innovazione è il fatto che essa venga spesso percepita come un qualcosa legato al futuro e che stacca di netto con il passato; in realtà l’innovazione può essere molto legata sia al passato che al territorio. Questo è il caso esaminato dalla tesi, infatti, il prodotto in esame è un Lugana metodo classico, un vino che si affaccia ora sul mercato ma che è stato ideato addirittura alla fine del XIX secolo e che rimane molto legato alla zona d’origine, la Lugana, zona situata a sud del lago di Garda tra le provincie di Brescia e Verona.
Il caso di studio è stato sviluppato presso l’azienda vitivinicola Olivini ed il prodotto è uno spumante metodo classico ottenuto dalla vinificazione di trebbiano di Lugana in purezza. Esso rappresenta un’innovazione sia per l’azienda, che prima produceva esclusivamente vini fermi, sia per il mercato. Il prodotto “innovativo” infatti risulta essere uno dei primi spumanti metodo classico di trebbiano di Lugana commercializzato.
La tesi ha coinvolto sia l’aspetto dell’organizzazione produttiva dell’azienda sia l’aspetto commerciale, entrambi visti nell’ottica dell’introduzione dell’innovazione.
L’adozione dell’innovazione non si è rivelata particolarmente difficoltosa sotto l’aspetto produttivo, infatti, sono state scelte tecniche già note che garantivano la qualità del prodotto e ci si è limitati ad adattarle al nuovo vitigno tramite sperimentazioni in cantina e confrontandosi con vitigni simili. Diverso è stato l’impatto dell’innovazione sull’aspetto gestionale e commerciale poiché il prodotto è risultato essere molto diverso, sia per target che per fascia di prezzo, rispetto ai prodotti già presenti in azienda. Questo ha obbligato l‘amministrazione a creare una gestione e delle strategie ad hoc per rendere possibile la commercializzazione del nuovo prodotto e, di conseguenza, per favorire il recupero dei capitali investiti.
Le principali difficoltà nella commercializzazione sono nate dal fatto che il consumatore di vino (ed in particolare di spumante) risulta essere molto fidelizzato ed avere un nome non ancora spendibile ha reso difficile la vendita. Per ovviare a questi problemi si è adottata una strategia di marketing il più possibile capillare per far provare il prodotto al possibile cliente puntando sulla qualità del prodotto stesso.
L’introduzione di questa innovazione ha modificato sia la gestione che l’immagine dell’impresa stessa sul mercato, diventando il prodotto di punta dell’azienda Olivini e trainando anche le vendite degli altri prodotti.
Si è inoltre avuto un inaspettato incremento delle vendite, anche grazie ad una positiva pubblicità della stampa di settore; ciò ha obbligato l’azienda ad anticipare alcune operazioni e a cambiare velocemente la gestione di alcune fasi di produzione.
Per il futuro l’azienda è orientata ad ampliare il mercato andando a coprire zone come il sud Italia o alcuni paesi esteri in cui il prodotto non è ancora commercializzato oppure non è ancora penetrato nel mercato, cercando di adottare anche in quelle zone le strategie che hanno avuto un riscontro molto positivo fino ad ora.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Negli ultimi anni il “mondo” del vino si è reso protagonista di una notevole crescita. Numerose aziende hanno beneficiato di questo sviluppo, allargando la propria offerta e varcando i confini nazionali alla ricerca di nuovi mercati. Questa crescita ha obbligato i produttori a passare da una gestione e mentalità di tipo prettamente agricolo ad un approccio basato su una visione industriale e commerciale del settore vitivinicolo. Tale cambiamento di mentalità spinge l’azienda vitivinicola ad orientarsi e ad adottare quegli strumenti di gestione imprenditoriale tipici dei settori extra-agricoli, adattandoli ad ogni fase e ad ogni aspetto della propria attività produttiva. Un aspetto spesso poco considerato ma che ricopre una notevole importanza (sia in ambito agricolo sia extra-agricolo) è l’innovazione e, in particolar modo, la gestione di essa. L’innovazione è differente dall’invenzione, infatti, inventare significa concepire per la prima volta un prodotto o un processo, in pratica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi