Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maschilità plastiche - Un approccio sociologico alla chirurgia estetica maschile

La cura del corpo, come sarebbe stato d’accordo anche il geniale Oscar Wilde, è anche uomo. La società odierna attribuisce notevole importanza all’apparenza: avere un’immagine presentabile; vestire secondo i dettami della moda del momento; mantenere una forma fisica perfetta. Andare quotidianamente in palestra prima di cena o durante la pausa pranzo equivale a seguire rigidamente una dieta appositamente studiata dal dietologo? E se la soluzione fosse invece un intervento chirurgico? Il presente studio prova ad esplorare, empiricamente, una pratica di modificazione del corpo: la chirurgia estetica maschile.
L’evoluzione storica della chirurgia plastica è tutt’altro che recente. Un percorso iniziato nella lontana India di circa tremila anni addietro e proseguito tra la Mesopotamia e la Magna Grecia, fino ai primi tentativi di legittimazione scientifica attuati nelle università italiane rinascimentali. Tra barbieri e chirurghi di fortuna, tra ospedali militari e innovazione: la chirurgia estetica giunge in soccorso dell’uomo moderno.
Un binomio indissolubile nella pratica della chirurgia estetica è quello tra corpo e genere. Il corpo risente dell’influenza dell’ambiente sociale, che ne determina la costruzione e la collocazione in società: non è solo un insieme di muscoli, organi e ossa, ma anche di esperienze, relazioni di classe e caratterizzazioni socio – culturali incorporate a partire dal contesto in cui l’individuo si trova a vivere ed agire. Il maschio cambia e si evolve continuamente: è dinamico. Oltre alla modifica di parti corporee di cui si è insoddisfatti, il bisturi ha la facoltà di riscrivere l’identità di genere della persona. Allo stesso modo può metterla in pericolo. L’influenza del genere nella scelta dell’approccio alla chirurgia estetica è determinante: si può intervenire sul corpo per rafforzare la propria mascolinità, oppure per limare alcun tratti troppo virili.
Da rimedio a moda il passo è breve e il confine si assottiglia sempre di più. Al pari dello shopping e del fitness, la chirurgia estetica è da considerarsi una pratica di consumo moderno: meccanismi di emulazione e di ostentazione sociale, utilizzo di un’azione di consumo per comunicare agli altri la propria identità. Anche i media si adeguano e trattano la modificazione corporea come un prodotto di intrattenimento: un caso emblematico è rappresentato dai surgereality, in cui chirurgo e pazienti diventano dei veri e propri personaggi mediali. La chirurgia plastica è anche mercato e, in quanto tale, è soggetta alle leggi economiche della domanda e dell’offerta. Con il susseguirsi delle diverse epoche cambiano le richieste degli uomini che vogliono modificare ora un determinato aspetto della loro immagine e ora un altro. I trend cambiano e vengono sviluppate offerte personalizzate per i pazienti: il surgery tourism apre la strada, con i relativi rischi, al low cost del bisturi. Al costo di un singolo intervento chirurgico il paziente – turista può godersi una vacanza di sole e relax in un paradiso tropicale del sud est asiatico, oppure lanciarsi in una ventiquattro ore non stop d divertimento nei caldi lidi dell’America Latina.
A metà strada tra teoria sociologica e ricerca empirica, tale studio raccoglie, tramite colloqui e interviste, le esperienze dei due protagonisti di un intervento estetico. Da un lato il chirurgo, dall’altro il paziente: insoddisfazioni, paure, insicurezze e disagi socio - psicologici legati al rapporto uomo/intervento estetico.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE “Coloro i quali trovano nelle cose belle significati brutti sono corrotti senza essere attraenti. Questo è una colpa. Coloro i quali trovano nelle cose belle significati belli sono persone colte. Per questi c’è speranza. Gli eletti sono coloro per i quali le cose belle significano Bellezza”. (Wilde 1998: 1) La cura del corpo, come sarebbe stato d’accordo anche il geniale Oscar Wilde, è anche uomo. La società odierna attribuisce notevole importanza all’apparenza: avere un’immagine presentabile; vestire secondo i dettami della moda del momento; mantenere una forma fisica perfetta. Andare quotidianamente in palestra prima di cena o durante la pausa pranzo equivale a seguire rigidamente una dieta appositamente studiata dal dietologo? E se la soluzione fosse invece un intervento chirurgico? Il presente studio prova ad esplorare, empiricamente, una pratica di modificazione del corpo: la chirurgia estetica maschile. L’evoluzione storica della chirurgia plastica è tutt’altro che recente. Un percorso iniziato nella lontana India di circa tremila anni addietro e proseguito tra la Mesopotamia e la Magna Grecia, fino ai primi tentativi di legittimazione scientifica attuati nelle università italiane rinascimentali. Tra barbieri e chirurghi di fortuna, tra ospedali militari e innovazione: la chirurgia estetica giunge in soccorso dell’uomo moderno. Un binomio indissolubile nella pratica della chirurgia estetica è quello tra corpo e genere. Il corpo risente dell’influenza dell’ambiente sociale, che ne determina la costruzione e la collocazione in società: non è solo un insieme di muscoli, organi e ossa, ma anche di esperienze, relazioni di classe e caratterizzazioni socio – culturali incorporate a partire dal contesto in cui l’individuo si trova a vivere ed agire. Il maschio cambia e si evolve continuamente: è dinamico. Oltre alla modifica di parti corporee di cui si è insoddisfatti, il bisturi ha la facoltà di riscrivere l’identità di genere della persona. Allo stesso modo può metterla in pericolo. L’influenza del genere nella scelta dell’approccio alla chirurgia estetica è determinante: si può intervenire sul corpo per rafforzare la propria mascolinità, oppure per limare alcun tratti troppo virili. Da rimedio a moda il passo è breve e il confine si assottiglia sempre di più. Al pari dello shopping e del fitness, la chirurgia estetica è da considerarsi una pratica di consumo moderno: meccanismi di emulazione e di ostentazione sociale, utilizzo di un’azione di consumo per comunicare agli altri la propria identità. Anche i media si adeguano e trattano la modificazione corporea come un prodotto di intrattenimento: un caso emblematico è rappresentato dai surgereality, in cui chirurgo e pazienti diventano dei veri e propri personaggi mediali. La chirurgia plastica è anche mercato e, in quanto

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Leandro Cuzzocrea Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2922 click dal 29/01/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.